Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Pasqua 2019

Alleluia!

Cristo è risorto!

Buona Pasqua a tutti, amici miei!

Sempre Vicky!

Annunci

21 aprile 2019 Posted by | Uncategorized | 24 commenti

Pensiero

download

 

 

La mia gioia?

Una carezza data e ricevuta e un pezzo di me-pane condiviso.

Le lacrime?

Un dono che allarga il cuore.

Vita che irriga e rende fertile il sogno.

Il mio amore?

Stare accanto e fare il viaggio insieme.

Un abbraccio,

sempre Vicky!

 

 

 

17 aprile 2019 Posted by | amore, Anima, Dialogo, Diritti umani, Persone | , , , , , | 19 commenti

PsicoLogicamente : il ruolo del papà nella cura dei suoi figli, da marginale a estremamente importante

Amici miei,
Rebloggo un post molto interessante di Ivan pubblicato su https://vitae.blog.
Che ne pensate?
Un abbraccio e buona giornata
Vicky

Vitae - Storie di vita

A ridosso della festa del papà ho voluto scrivere questo articolo proprio per voi, per farvi comprendere quanto la vostra figura, all’interno della cura e del rapporto con i vostri figli si sia modificata nel corso del tempo. Anche attraverso il mio lavoro riscontro che voi papà siete sempre più presenti nella vita dei vostri figli: li accompagnate in terapia, prendete gli appuntamenti e vi confrontate con me quando vi sono delle situazioni non subito comprensibili per voi.

Lo sviluppo dell’importanza del ruolo paterno in psicologia.

Se prendete in mano un manuale di Psicologia dello Sviluppo, potrete subito notare che le prime teorie e i primi studi si sono focalizzati soprattutto sul legame madre-bambino, mentre il ruolo del padre era considerato “marginale”, o periferica.

Negli anni ’70, grazie agli studi sulla famiglia si è iniziato ad includerli nell’osservazione in quanto si è partiti dall’assunto che il bambino intreccia relazioni con…

View original post 617 altre parole

27 marzo 2019 Posted by | Uncategorized | 5 commenti

Anniversario 💕

 

download

 

Un anniversario.

Due uomini diversi.

26 marzo 1983 – 26 marzo 2019: 36 anni di matrimonio col mio unico marito. Lui non è più in questo mondo da più di 14 anni, purtroppo.

26 marzo 2014 – 26 marzo 2019: 5 anni fa ho incontrato il mio ultimo compagno.

Voi credete alle coincidenze? Io no.

Oggi, come in ogni anniversario, mi sono regalata dei fiori.

Sono romantica e mi voglio bene. Sempre Vicky.

 

26 marzo 2019 Posted by | amore, Esperienze, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , | 30 commenti

Musica per stare bene

 

Amici miei, voglio condividere questa meraviglia, un inno alla vita, alla fragilità, all’umanità vera.

Io vivo sulla mia pelle questo testo e voglio trasferirlo come una piuma leggera al vostro cuore.

Non aggiungo altro al testo.

Un abbraccio, sempre Vicky.

 

Abbi cura di me

Adesso chiudi dolcemente gli occhi

E stammi ad ascoltare

Sono solo quattro accordi ed un pugno di parole

Più che perle di saggezza sono sassi di miniera

Che ho scavato a fondo a mani nude in una vita intera

Non cercare un senso a tutto

Perché tutto ha senso

Anche in un chicco di grano si nasconde l’universo

Perché la natura è un libro di parole misteriose

Dove niente è più grande delle piccole cose

È il fiore tra l’asfalto

Lo spettacolo del firmamento

È l’orchestra delle foglie che vibrano al vento

È la legna che brucia che scalda e torna cenere

La vita è l’unico miracolo a cui non puoi non credere

Perché tutto è un miracolo tutto quello che vedi

E non esiste un altro giorno che sia uguale a ieri

Tu allora vivilo adesso

Come se fosse l’ultimo

E dai valore ad ogni singolo attimo

Ti immagini se cominciassimo a volare

Tra le montagne e il mare

Dimmi dove vorresti andare

Abbracciami se avrò paura di cadere

Che siamo in equilibrio

Sulla parola insieme

Abbi cura di me

Abbi cura di me

Il tempo ti cambia fuori, l’amore ti cambia dentro

Basta mettersi al fianco invece di stare al centro

L’amore è l’unica strada, è l’unico motore

È la scintilla divina che custodisci nel cuore

Tu non cercare la felicità semmai proteggila

È solo luce che brilla sull’altra faccia di una lacrima

È una manciata di semi che lasci alle spalle

Come crisalidi che diventeranno farfalle

Ognuno combatte la propria battaglia

Tu arrenditi a tutto, non giudicare chi sbaglia

Perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso

Perché l’impresa più grande è perdonare se stesso

Attraversa il tuo dolore arrivaci fino in fondo

Anche se sarà pesante

Come sollevare il mondo

E ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte

E ti basta solo un passo per andare oltre

Ti immagini se cominciassimo a volare

Tra le montagne e il mare

Dimmi dove vorresti andare

Abbracciami se avrai paura di cadere

Che nonostante tutto

Noi siamo ancora insieme

Abbi cura di me

Qualunque strada sceglierai, amore

Abbi cura di me

Abbi cura di me

Che tutto è così fragile

Adesso apri lentamente gli occhi e stammi vicino

Perché mi trema la voce come se fossi un bambino

Ma fino all’ultimo giorno in cui potrò respirare

Tu stringimi forte

E non lasciarmi andare

Abbi cura di me

 

24 marzo 2019 Posted by | Anima, Esperienze, Musica, Viaggi | , , , , , , , | 11 commenti

I figli

Una tragicomica realtà che ho apprezzato visitando il blog di Flavio stasera.
Quante se ne potrebbero ancora aggiungere di ascese, vero?
Qualcuno dovrebbe far aggiustare l’ascensore?
Potrebbe esserci qualcuno chiuso fuori che aspetta ed è stanco e arrabbiato.
Magari pericoloso…
Buona serata.
Sempre Vicky!

 

 

almerighi

i figli dei fumatori
hanno più probabilità di cominciare a fumare

i figli dei notai
hanno più probabilità di fare i notai,
così i figli dei farmacisti e dei dottori

i figli di puttana lo sono per diritto di nascita

il figlio di Laerte
ha più probabilità di diventare Ulisse

i figli degli zingari
hanno più probabilità di essere reietti

i figli dei re debbono attendere
i figli dei poeti in genere non hanno figli

i figli dei politici massoni
hanno più probabilità di cominciare la carriera

gli ascensori sembrano tutti guasti

View original post

11 marzo 2019 Posted by | Diritti umani, Esperienze, Mondo, Storia | , , , , , , | 24 commenti

Diario di una mamma sclerotica: lettera a mio figlio

Amici miei,
Questa che leggerete è Federica Vacca. Donna, mamma, moglie, figlia e soprattutto una persona di una BELLEZZA SUBLIME E FRAGILE.
Insomma un essere speciale DA AMARE E BASTA.
Così dovrebbe essere no? Il più possibile.
Un caro abbraccio a tutti voi.
💕

Vitae - Storie di vita

In questi giorni mi sono trovata tante volte a pensare come sarà il mio futuro  e se veramente sarò in grado di essere una brava mamma oltre tutto.

Ho pensato che non sarà facile, perché come ho sempre detto la mia è una famiglia complicata e un po’ anche per questo ho deciso di scrivere una sorta di lettera che magari un giorno il mio bambino potrà leggere e capire un po’ di più su di me , su di noi e su tutto quello che ci è passato per la testa in questi 9 mesi di sicuro non facili.

“Tu ancora sei nella pancia, protetto da quello che un giorno ti circonderà.

Mi domando spesso se sarò in grado di essere una buona mamma , di andare oltre la mia malattia , mi chiedo se riuscirò a dimenticarmi che non sarò mai una mamma normale , non potrò mai…

View original post 1.260 altre parole

6 marzo 2019 Posted by | Uncategorized | 4 commenti

Mio fratello

download

 

Io amo mio fratello. Lo amo da quando ne ho coscienza. Saranno più o meno 45 anni.

Si chiama Fedele. In effetti lo è di nome e di fatto. Nel bene o nel male lui è coerente con le proprie idee, è fedele alla sua coscienza, alle sue idee che a volte ho condiviso, soprattutto nell’adolescenza.

Quando andavo al liceo lui era il mio mito, oltre naturalmente a mio padre.

Lui era il mio punto di riferimento ideologico, sembrava sempre più grande di me e in effetti lo era sia dal punto di vista dell’età sia da quello fisico. Mio padre, invece, era il mio punto di riferimento affettivo. Non mi vergogno ad ammettere che ero la sua preferita, la sua cocca, insomma la sua “Cenza“.

Mi sono chiesta per anni, una volta cresciuta, se questa cosa avesse fatto soffrire gli altri miei fratelli – in famiglia eravamo quattro figli – e onestamente mi sono vergognata un po’ con me stessa di aver approfittato di tutto quel bene oltre la misura

Non ho avuto occasione nella vita di domandare quale fosse il loro pensiero, in realtà non ce n’è stato il tempo e forse neanche l’intenzione.

Fedele è cresciuto in fretta, viste le difficoltà che avevamo in famiglia. Difficoltà di tipo economico e poi anche di responsabilità rispetto ai fratelli più giovani e per di più problematici  dopo la malattia e la successiva morte di mio padre.

Io amo mio fratello. E sono certa che mio fratello ami me.

La felicità comincia da piccole cose. Tra noi due non ci sono mai state né grandi litigate né grosse smancerie. È come se avessimo già saputo che c’era qualcosa di prezioso, quasi segreto che ci legava e ci tiene uniti ancora oggi. Ci vediamo di rado. Anche le telefonate però sono brevi e concise. Qualche volta ci scambiamo messaggi sul telefonino.

Che cosa strana… È proprio in uno di questi messaggi che ho trovato il coraggio di dirgli apertamente “Ti voglio bene” oppure “Mi manchi”. Tra di noi c’è sempre stata una sorta di vergogna, anzi di ritrosia a manifestare così apertamente i propri sentimenti. Non le conosco il motivo, ma ho smesso di chiedermelo e sono passata ai fatti, anzi alle parole aperte e chiare.

Ma perché sto a raccontarvi tutte queste cose?

Perché io faccio così quando sono troppo felice e, grazie a Dio, lo sono! Perché ormai mi conoscete, Quando vivo un’esperienza forte, dopo essermi concessa spazio sufficiente a far decantare ciò che è avvenuto, ho bisogno di condividere la mia gioia con chiunque, dapprima con mia figlia, con la migliore amica e con voi ora attraverso questo post.

Parlo e rido con mia madre, con mio fratello Francesco, con mia sorella gemella Raffaella e non da ultimo con mio padre – che ci custodiscono e ci osservano dal cielo.

La mia festa è perfetta e la mia gioia infinita! Anche adesso mentre sto scrivendo!

Le mie emozioni due giorni fa si sono materializzate in un piatto di spaghetti con le cozze, uno di pesciolini fritti e verdure alla griglia. Seguite da calma euforia e piacere. 

Insomma il primo pranzo insieme a mio fratello, solo noi due, il primo in tutta la nostra vita finora! Non vi sembra un miracolo, una cosa meravigliosa?

A me sì. La vita corre e scorre in fretta, devo vivere di piccole e grandi gioie di tutti i giorni come anche di quelle straordinarie come questa che vi ho raccontato, per poter credere sempre di più che non siamo soli su questa terra.

Due brani di artisti che amo e che riflettono la mia anima.

Sempre più ricca, sempre Vicky!

 

 

 

3 marzo 2019 Posted by | amore, Dialogo, Esperienze, Musica, Persone, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , , , , , , , | 19 commenti

Voglio essere così, un prete si racconta

download

 

Amici miei,
quello per don Luigi Verdi della comunità di Romena (AR) è un affetto, un amore fraterno e piccolo nato stasera, sfogliando le pagine su Youtube.

So che il filmato è lungo: credetemi non si tratta di parole facili. È vita.

Senza maschere. Fragilità. Verità. Umanità.

Io, mentre lo ascolto, anzi lo assorbo e lo accolgo, mi ritrovo sul monte ad udire l’esperienza delle beatitudini insegnate da Gesù. È lui a rivelare con scandalo parole controcorrente. Quelle della felicità vera da vivere.

È lì che attende alla porta. Bussa con discrezione.

Ho sete e fame. 

E non parlo di cibo.

Parliamo e condividiamo. Io vorrei farmi conoscere da voi.

Sempre rinnovata. Sempre vostra Vicky!

 

17 febbraio 2019 Posted by | Anima, Dialogo, Dio, Esperienze, Persone | , , , , , , , , , , | 14 commenti

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Dreamer's Travel Diary

Share with people my experiences and travels

TUTORING YOU

Helping You Discover and Achieve Your Goals

Poetry By Archangel White Wolf

Poetry by Archangel White Wolf

EXPLORE YOURSELF!

Life is full of experiences. We either get blessings or lessons. Follow your dreams passionately. Stay happy and cheerful. Be an inspiration to everyone you meet.

EmoticonBlu

Mi contraddico? Certo che mi contraddico! Sono grande, contengo moltitudini! (W. Whitman)

gunjan arora

Yoga for Health, Healing and Happiness

Lucy the Wombat

A Parigi mi hanno sparato, in Australia cerco di dimenticare. Racconto di cose belle e disagio, strani posti e creature, con tanta meraviglia e un po' di assurdo. Mentre un vombato veglia su di me.

easydiet.blog

easy diet, detox juice, detox water, anticancer food, weight lose food, weight lose, healthy drinks, juice, drinks, healthy life, happiness, anti stress, food lover, gym lover, yoga lover, food porn, harmony, soul, body, mind.

almerighi

amArgine come sempre

Perception

feelings, thoughts and dilemmas

parole e basta

d'amore, sesso, vita e poesia

#be_beauty

beauty's blog

Morgana Dragonfly

Live in the present without time

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

Cristalli d'estate

Racconti e poesie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: