Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Mr. Obama: NO, YOU CAN’T.

   Non saprei davvero da dove iniziare. Dopo una campagna elettorale dura e incisiva, (quasi) convincente… ecce homo! Un black showman che ha saputo ‘vendersi’. Eccolo, arriva, è la ventata di novità, il riscatto dei neri, dei diversi, dei deboli… In confronto a lui lo stereotipo del ‘self-made man’ non ce la fa. Non è arrogante Obama, nonostante il suo ‘YES, WE CAN’ l’abbia reso famoso nel mondo più di Gesù.

Mi limiterò a ricordare solo qualcuna delle promesse del nuovo ‘Unto del Signore’: chiusura di Guantanamo, ritiro progressivo delle truppe da Iraq e Afghnistan, un nuovo sistema sanitario in difesa dei più poveri, equità sociale.

Queste le premesse o promesse. E’ uguale.

 

          

 

Mr. Obama, non è più sufficiente un sorriso accattivante, che onestamente non mi fa stare tranquilla e mi ricorda altri sorrisi pieni di promesse e poi… Non m’importa di cosa indossa sua moglie o il nome del suo cane.

Mr. Obama, sia UOMO e mantenga la parola data! Non deluda i suoi elettori, soprattutto quelle categorie che non avendo voce si sono fidate della sua! Non c’è più bisogno di messia ma di pane e dignità. Il minimo dovuto a chi le ha dato motivo di sorridere.

 Un saluto. Sempre in musica… Vicky. In questo caso farò un’eccezione: aggiungo il testo, impossibile non cantarla…

Come you masters of war
You that build all the guns
You that build the death planes
You that build the big bombs
You that hide behind walls
You that hide behind desks
I just want you to know
I can see through your masks

You that never done nothin’
But build to destroy
You play with my world
Like it’s your little toy
You put a gun in my hand
And you hide from my eyes
And you turn and run farther
When the fast bullets fly

Like Judas of old
You lie and deceive
A world war can be won
You want me to believe
But I see through your eyes
And I see through your brain
Like I see through the water
That runs down my drain

You fasten the triggers
For the others to fire
Then you set back and watch
When the death count gets higher
You hide in your mansion
As young people’s blood
Flows out of their bodies
And is buried in the mud

You’ve thrown the worst fear
That can ever be hurled
Fear to bring children
Into the world
For threatening my baby
Unborn and unnamed
You ain’t worth the blood
That runs in your veins

How much do I know
To talk out of turn
You might say that I’m young
You might say I’m unlearned
But there’s one thing I know
Though I’m younger than you
Even Jesus would never
Forgive what you do

Let me ask you one question
Is your money that good
Will it buy you forgiveness
Do you think that it could
I think you will find
When your death takes its toll
All the money you made
Will never buy back your soul

And I hope that you die
And your death’ll come soon
I will follow your casket
In the pale afternoon
And I’ll watch while you’re lowered
Down to your deathbed
And I’ll stand o’er your grave
‘Til I’m sure that you’re dead

Annunci

11 dicembre 2009 Posted by | Senza categoria | , , , | 5 commenti

   

Un Blog in Famiglia

Una famiglia alle prese con un budget ristretto che si inventa e reinventa per sbarcare il lunario

partyepartenze

alla ricerca della felicità...

ascanio massimo

Mediterranean dream

Read Treat

Welcome to my cozy nook where we dwell in fantasies and cast the magic spells of positivity.

Youth. Rise up!

Vivi e lascia vivere è un modo gentile per dirvi di non rompere i coglioni.

SIGNORASINASCE by Stefania Diedolo

Si finisce sempre per dare il bacio della buonanotte alla persona sbagliata. Arthur Bloch

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Marco Cariati Blog

Area riservata agli orfani della libera informazione

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Le Trame del destino: Libri e dintorni

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri” (Irving Stone)

mydaphne

this is my world, this is mydaphne

Giusy Carofiglio

And as imagination bodies forth The forms of things unknown, the poet’s pen Turns them to shapes and gives to airy nothing A local habitation and a name. – William Shakespeare

Primo non sprecare

Una genovese in cucina: piatti liguri, altri inediti, oppure i classici in versione sprint. Per il massimo risultato con il minimo sforzo.

TwinMirrors

Look into our mirrors...You will see the most amazing things...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: