Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Un ragazzo (Pacifico), un’amica (Nomadi).

Mostra immagine a dimensione intera

 

Un testo da leggere, da rileggere, da interiorizzare.

 

Un Ragazzo

Eccoli fermarsi in piedi
Intorno al tavolo di alluminio
Arrivano in silenzio, si sparpagliano
Qualcuno schiarisce la voce,
nessuno ha una frase opportuna
Si tratta solo di guardare
Un ragazzo è morto

Il viso è stato risparmiato
L’hanno pulito, l’ hanno asciugato
e addosso gli hanno appoggiato un lenzuolo duro
Il padre non capisce niente,
sta fermo con le mani in tasca
Le mani sono grosse,
di buccia, di scorze,
di unghie sporche
Lavorerà al mercato o guida un camion, forse ha
una pompa di benzina
Sembra uno che ha preso molto freddo
che è uscito sempre presto la mattina
Ha una vena piena in mezzo alla fronte
che spartisce e attraversa le rughe
E gli occhi rossi rossi rossi rossi …

Il padre non capisce niente
La madre non smette di guardare
E’ che la morte non si fa capire,
da appuntamento e non si fa trovare
A spaventare e’ il rumore dell’incidente,
la carne rovesciata bianca
ma quella è ancora vita , che si dimena,
è poco da vivere ma ancora ne manca
Il ragazzo qui davanti non fa paura,
semplicemente non si sa che dire
E’ troppo presto per capire che si capirà
improvvisamente,
senza vedere
Un citofono che non suona
Un suggerimento che non arriva
Una porta che non sbatte
Ciabatte da piscina
Una ricetta con un segreto (.. forse la buccia di limone)
Un bigliettino giallo al vetro,
un cellulare, un nome…

Il padre non capisce niente
La madre non smette di guardare
Il padre non capisce niente
La madre non vorrebbe mai andare
.

 

 

Non è che io ami la morte. La morte fa schifo. E’ fredda, buia, maleodorante. Solo che, in caso non ci pensassimo abbastanza, ci passa vicino, dentro, accanto, sopra di continuo… E quando lo fa non va via senza ‘bottino’. Non fa sconti.

Per festeggiare la vita, per festeggiare ogni uomo, donna o bambino al quale magari sulla strada, per colpa di qualcuno oppure no… sarà risparmiata la vita e potrà arrivare a casa, non consapevoli di avere un grosso dono in più, voglio dire:

BENTORNATO A CASA! TI VOGLIO BENE!

Un regalo a te, che oggi non hai bevuto, sballato o che semplicemente sei stato evitato da chi lo ha fatto.

Un caloroso abbraccio, Vicky.

 

 

21 gennaio 2010 Posted by | Esperienze, Persone | , , | 11 commenti

   

The 4th Dimension

Random Stuff I Think You'll Like

RIVA OMBROSA

Quando si ama si dona

deluarhossain336@gmail.com

deluarhossain336@gmail.com

AERIA VIRTUS

"l'unico uccello che osa beccare un acquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'acquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

Meereskind

Reisen beginnt im Kopf

SCEGLI TU...POI TI CONSIGLIO IO

"IL MONDO SAREBBE UN POSTO MIGLIORE, SE UNO DEI CINQUE SENSI FOSSE STATO L'IRONIA"

Jakob Iobiz

Scrittore

Free Fonts

Fonts Download

365 dni w obiektywie LG/Samsunga

365 days a lens LG/Samsung

AMblogger

AM_blogger

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

study material

Try try try but don't cry

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Revolver Boots

Scream for me...

Nengkoy

ruminations & travesties of the favorite yet naughty son of Nengkoy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: