Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Io, il matrimonio e…


  Ieri ho riguardato il mio album di matrimonio dopo non so quanto tempo… Che bella giornata quella! Da quanto tempo non vivo più quella spensieratezza… Eppure le litigate erano molte, i soldi davvero pochi, io e Lorenzo abbiamo iniziato con zero, in un mini-appartamento di una trentina di metri quadri a Milano Ticinese. Era il 1983.

Ho vissuto con lui in un mondo a parte, il nostro. Un impegno volontario. Non fatto di illusioni ma di tanti sogni, e visioni. Alcune diventate realtà, alcune no, ma pur sempre desiderate ed inseguite insieme. I successi e i fallimenti, senza colpevolizzarsi. Quando ci si ama non conta la colpa, conta la soluzione. L’ho capito alla fine della nostra storia d’amore, quando è morto. Era l’undici febbraio 2005, era notte. A casa aspettavamo e basta. Non avevamo niente altro di meglio da fare. Io… avevo pianto tutta me stessa già da molto e in quel momento ero simile a un nulla. Un grosso buco. Un buco nero. Nessuna energia. Solo me stessa e la mia coppia, il ‘noi’ finito, irrimediabilmente.

Io di certo non l’avrei mai lasciato. E lui neppure. Davvero per noi essere insieme era sentirsi una cosa sola. Sotto tutti i punti di vista. Dal raccontarsi la giornata, la sua al lavoro e la mia a casa (io allora non lavoravo ancora), al fare ogni cosa insieme – la spesa, le commissioni, imbiancare la casa, lavare la macchina ogni tanto -, dal mettere ogni cosa in comune. La nostra famiglia era una comunità a tutti gli effetti.

Tutti gli aspetti sono importanti. Sì, perchè tutti contribuiscono alla riuscita di una relazione. La fedeltà ad un impegno preso prima ognuno nel proprio cuore, poi con chi si ama, infine se e quando possibile con Dio. Il matrimonio è una realtà da vivere giorno dopo giorno, è un inizio. Qualsiasi relazione lo è, se intrapresa con gli stessi intenti.

Il primo e più importante fondamento è che da ‘io’ si passa al ‘noi’. Che bello poterci contare, averlo come pilastro su cui appoggiare la propria vita e non avere paura di quello che può succedere perchè sei davvero certa che niente ti separerà dal tuo amore! Ci abbiamo creduto, io e Lorenzo. Fino alla fine.

Ce lo avevano detto tante volte ai corsi per la formazione delle famiglie che abbiamo frequentato per anni principalmente a Loreto: il matrimonio cristiano è icona del matrimonio di Cristo con la Chiesa. Ne abbiamo fatta esperienza: con la fedeltà, l’amore reciproco in salute e in malattia, la fiducia senza condizioni, il mettere in circolo il nostro amore con chiunque – anche sconosciuto – varcasse la soglia di casa nostra. 

La condivisione anche dei beni è sempre stata una cosa scontata, nulla studiato a tavolino, nessuna paura di essere derubati o imbrogliati l’uno dall’altro. Non ho lavorato con impegno fisso fino al 1990. Emanuela, nostra figlia, era il mio impegno. Il pensiero di perdermi qualcosa della sua crescita era assurdo per me. Sono stati anni felici. Rifarei tutto. Non c’è stato un solo giorno in cui io mi sia sentita nè umiliata nè inferiore o mantenuta da parte di Lorenzo perchè non portavo un altro stipendio, non contribuivo economicamente. Tutto era naturale: gestire la famiglia, spesa e conto corrente inclusi, progettare. Siamo cresciuti insieme. Ora…

Io in questa società non mi ci trovo. Qui sento solo comandare l “‘io” e il “mio”. Non è il mio posto. Non a queste condizioni. Vedo e vivo tante solitudini che si uniscono – molte volte con la convivenza – e ognuno vuole il ‘suo’ spazio, vuole vivere la ‘sua’ vita… Per non parlare dei soldi… Rigorosamente conti separati (bancari e di cassa): ‘questo lo paghi tu, questo io’. Più pratico, in caso tutto finisse… Vuoi mettere?

Che tristezza! Lasciatemi continuare a credere nel ‘noi’. Io lo voglio. Fuori da questo non vedo felicità. Vedo un inseguire un’illusione. Scusate, è tutto un altro pianeta!

Un pensiero a Lorenzo, un caro saluto a voi, sempre con la musica! Sempre Vicky.

 

Annunci

25 gennaio 2010 - Posted by | Esperienze, Persone, Sentimenti | , ,

8 commenti »

  1. senza un “noi” non si puo costruire niente di solido sarebbe come un palazzo costruito con sabbia prima o poi e’ destinato a sprofondare perche’ e’ senza fondamenta resistenti alle scosse della vita quindi mia cara vichy hai perfettamente ragione

    Commento di brigitte cascione | 25 gennaio 2010 | Rispondi

  2. Ciao Vicky, come non darti ragione…quello che hai scritto è perfettamente vero, quella fusione di sentimenti e di vita in comune è diventata un’utopia..tutto è razionale.
    Dove vige l'”Io” non può esserci il “noi”..troppo distanti l’uno dall’altro.
    Ma la vera famiglia dov’è finita? E’ diventata una perla rara..
    Continua a credere nel tuo “noi” ed “insieme” è bellissimo
    perchè davvero “I due sono una cosa sola”.

    Commento di cristina | 25 gennaio 2010 | Rispondi

  3. Ciao Vicky, mi fa molto piacere, quello che hai scritto di Te e Lorenzo Tu sai noi vi abbiamo conosciuto e Lorenzo ci è rimasto nel cuore, come ci ricordiamo sempre di te e di Emanuela. E’ verissimo il “NOI” come è vero che in questi tempi non c’è il NOI ma l’io il mio tutto è personalizzato,
    e tutto è Relativo alla propria persona. Sono contento di questo Tuo scritto.

    Commento di Romeo Doglio | 26 gennaio 2010 | Rispondi

    • Può sembrarti strano,ma lui non si è mai mosso da lì. Il nostro cuore è fatto per amare, tutte le persone a cui possiamo e vogliamo donarci.
      Ciao Romeo.

      Commento di vincenza63 | 26 gennaio 2010 | Rispondi

  4. E’vero Vicky..anche nei rapporti di coppia si vive nell’ossessione di essere fregati dall’altro

    Commento di Alfonso | 26 gennaio 2010 | Rispondi

  5. Bellissimo!!!! Molto profondo….!!! Grazie, VIcky, di questo dono che ci hai fatto!!!!!

    Commento di Mario | 26 gennaio 2010 | Rispondi

  6. Questo “noi” è quello che mi avete insegnato tu e papà e che avete anche donato a Emilio .Senza noi non è possibile parlare di coppia, la coppia nasce e muore in un SI che deve essere affermato a gran voce reciprocamente senza dubbi. E’ bello far parte di questa piccola grande comunità, fatta di equilibri. E’ bello pensare a quel periodo non con l’ angoscia per quello che manca,ma con il ricordo bellissimo di tutto l’amore che c’è stato.

    baciotti
    Emanuela

    Commento di emanuela | 29 gennaio 2010 | Rispondi

    • Che bello leggere questo scritto da te… Mi fa sentire orgogliosa mi te e di me ed anche un po’ una buona mamma. Ti voglio bene, vi voglio bene sempre.

      Commento di vincenza63 | 29 gennaio 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

alemarcotti

io e la mia vita con la sm

solomari

"se scrivo ciò che sento è perchè così facendo abbasso la febbre di sentire" (F. Pessoa)

inpuntadipiedinaturalmente

dai rimedi naturali fatti in casa alla riflessologia

lucialorenzon

"La mia diversitá é la mia forza,la mia debolezza,la mia dignitá."

Not an Autism Mom

Hold Tight... It's a Wild Ride!

quel quid in più

mi hanno detto che ho quel "quid" in più: che cazzo è?

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

The Diary Of A Muslim Girl

Dare ◦ To ◦ Live ◦ Your ◦ Legacy

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

nz

Online zeitung

Be Bold be Beautiful Be you

this and that the tid bits of life

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

il Salotto di Silvia

quattro chiacchiere in libertà

Viaggiatore non per caso

Il più bel viaggio è quello che non è stato ancora fatto

UnUniverso

Un Mondo Migliore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: