Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Lo vuole con o senza?


    Rieccomi. Strano titolo vero? Uno non fa in tempo a riprendersi da una batosta che già qualcos’altro è dietro l’angolo in agguato… Ci vuole pazienza, con tutti!

La gita che vi racconto oggi si è svolta qualche giorno fa al Carrefour di Assago (Mi). Meta casuale della gita: il centro estetico LA PLAYA che si trova nella galleria dei negozi, tutto color blu raggi violetti.

Un’idea del luogo – che nè io nè altri disabili MAI vedremo dall’interno – la potete vedere a questo link: http://www.laplayasolarium.com/centri-abbronzatura-franchising.html

Insieme a me sempre Claudio… Si tratta di una questione seria, almeno per quanto riguarda noi donne – anche se negli ultimi tempi gli uomini fanno molta concorrenza stranamente. È una questione di pelle, anzi di … peli!

  Certo! Anche io avrò il sacrosanto diritto di avere una bella pelle liscia, senza peli, gradevole al tatto e alla vista. Fino a questo punto nessuno potrebbe darmi torto sul mio legittimo desiderio, ma… stiamo a vedere cosa succede. Decidiamo di entrare nel centro estetico e di chiedere per prima cosa se fanno servizio a domicilio. Diamo ormai per scontato che nessun posto sia attrezzato per persone con disabilità come me, sia che abbiano bisogno di una semplice visita (vedi l’ultimo mio blog su Dis- Humanitas) sia che la necessità sia di semplice (per molti ma non per tutti) esigenza estetica come in questo caso.

I peli superflui non piacciono neanche a me. Qualcosa di strano? Dice bene il saggio – Antonio Albanese:

 

 

La cosa che più dovrebbe scandalizzare è proprio questa nostra piccola rassegnazione per il fatto di non trovare mai posti disponibili attrezzati per le nostre esigenze, ormai corriamo il rischio di essere omologati in questo sistema di disservizi, di trattamento da cittadini di serie B, da clienti quasi non paganti. Invece non è proprio così, e ve lo racconto adesso.

Molto gentilmente la signora alla reception si dà da fare per reperire una ragazza che possa venire a domicilio per le stesse prestazioni (ceretta a gambe e ascelle) prendendo accordi telefonici sia per il giorno che per l’orario. Troviamo la ragazza. Lascio il mio numero di telefono per essere richiamata e avere un appuntamento. Usciamo dal negozio contenti di aver forse trovato almeno qualcuno ci venga incontro nella nostra difficoltà… Mettiamo in risalto un particolare importante: il prezzo esposto per questo tipo di servizio effettuato nel centro è di € 35. Il prezzo dello stesso servizio a domicilio al momento non è noto, ci verrà comunicato al momento degli accordi con la ragazza.

 Un paio d’ore più tardi ricevo la sua telefonata. È una ragazza molto gentile e disponibile, ci accordiamo per il giorno e l’ora; il prezzo è praticamente invariato, mi viene confermato che è di € 35. Però… mi aspetta una sorpresa! Chiedo come qualsiasi altro cliente che mi venga rilasciata la ricevuta e qui la questione rimane in sospeso:

 la ragazza deve consultarsi con la titolare. Chissà perché! Mi richiamerà.
 
Così comunque accade. Ma non è lei a telefonarmi, bensì la titolare che… udite udite… mi dice che nel caso di rilascio di ricevuta l’importo diventa di € 70… Avete letto bene: il doppio!
Il totale è così ripatito: 35 euro per il centro di estetica + 35 euro per la ragazza. Ma il centro che ci mette di suo? Il nome sulla ricevuta? Il costo del gentile interessamento? La carta?
La telefonata si conclude con un ‘Se ci vuole pensare…’ Certo che ci voglio pensare! Se solo non fossi così incazzata chiamerei la Guardia di Finanza… dicendo cosa? CHI VUOL ESSERE ONESTO CI RIMETTE SEMPRE! Infatti decido di lasciar perdere. Ripiego sul mio solito Silkepil, un po’ più doloroso ma economico – costo zero. Non rinuncio di sicuro a sentirmi femmina e a posto per una cosa del genere!
So comunque, conoscendomi, che non è finita qui. Quanto prima la signora titolare del centro LA PLAYA di Assago (Mi) avrà mie notizie e non credo saranno buone per lei…
 
Chiedo equità, chiedo giustizia! Con o senza ricevuta!
 
Sempre in note, sempre Vicky! 
 
 
 

 

Annunci

30 gennaio 2010 - Posted by | Esperienze, News | , , ,

11 commenti »

  1. Io che c’ero posso dire solo una cosa anzi due:
    1-IN GALERA!!!
    2-SPERO CHE QUALCUNO GLI CHIUDA IL NEGOZIO PER SEMPRE!!!
    E mi fermo qui.Claudio

    Commento di ventodeldeserto | 30 gennaio 2010 | Rispondi

  2. Bè, dai vicky, una piccola soddisfazione cè, piccolissima ma comune a tutti gli esseri normali, la fregatura sà de normale, non ti hanno nemmeno fatto pesare il discorso della carrozzina, o sbaglio?

    Commento di simone | 30 gennaio 2010 | Rispondi

    • No, anche perchè loro li ho esclusi proprio. La Playa ha una cliente in meno. Forse non sono stata molto chiara Simone.

      Commento di vincenza63 | 31 gennaio 2010 | Rispondi

  3. cari amici vincenza e claudio, oggi a san sicario (alta val susa) ragazzi non vedenti sciavano felici….qualcuno si è preso cura di loro e ha permesso loro di godere di sole e montagna…in quanto esseri viventi degni di rispetto, con diritti e doveri eguali ad ogni altro…
    che dire, cari amici, della vostra esperienza?
    provare pietà per tanta stupidità umana, impastata di avidità?
    in chiave buddhista vi invito a provare com-passione….. il vero limite non è non potersi liberamente muovere, ma nel non comprendere che il Senso del Tutto sta nel Rispetto per ogni forma di Vita…..e che tutto è impermanente, ed un giorno la signora, se la morte non la travolgerà prima, si troverà a implorare qualcuno affinchè le porga un urinale…..auguriamole di cuore che, in quell’istante, la com-passione umana abbia il sopravvento, e che nessuno le chieda 70 euro perchè lei non si pisci nel letto….
    vi abbraccio con affetto infinito, simo
    ps dolce vincenza…..i peli vanno e ricrescono, ma la mancanza di umanità resta, e punge ed irrita più di ogni altra peluria….. povera, stupida estetista….. simo

    Commento di simona | 30 gennaio 2010 | Rispondi

  4. Bè Vicky cosa dirti????… oggi rilasciare la ricevuta è un lusso… pensa a quelli che lo fanno in nero e non dichiarano un cavolo…
    La denuncia alla guardia di finanza sarebbe stata solo una cartaccia in più per loro, che avrebbe fatto compagnia atutte le altre scartoffie e che fra 5 anni sarebbero andate al macero…….
    un affettuoso abbraccioi a te e a Claudio …..V.V.B.
    Vincenza

    Commento di Vincenza | 30 gennaio 2010 | Rispondi

  5. Cara Vichy..la denunce alla guardia di finanza..andrebbe fatta so che dalle tue parte funziona e come.
    E sono molto scrupolosi..comunque se tutti la pensano..che
    le denunce finiscono nel nulla allora si che le cose andranno peggio.
    Oltre a questo posso solo dirti che una cosa del genere e vergognosa..non arrenderti. un abbraccio

    Commento di leo | 31 gennaio 2010 | Rispondi

  6. Comunque i dentisti sono i piu’ ladri di tutti perche’ sanno di svolgere un lavoro fondamentale e se ne approfittano.Con fattura tot,senza tot..praticamente un cappio

    Commento di Alfonso | 31 gennaio 2010 | Rispondi

    • Bisognerebbe registrare ste cose…

      Commento di vincenza63 | 31 gennaio 2010 | Rispondi

  7. Vuoi ridere? Io devo fare una visita di controllo, da dicembre cercco invano telefonicamente di fissare un appuntamento, non ci riesco e mi dico, perchè non deve essere possibile non andarci di persona. Faccio un altro numero tel. di un ambulatorio dello stesso reparto dove normalmente si fissano le visite con altri medici della stessa specializzazione. Chiedo, o meglio cerco di chiedere perchè non si riesca a mettersi in contatto, il n. è esatto, risponde un medico piccatissimo che lui sta visitando e che non devo dirle certo a lui queste cose. Ovviamente gli ho detto che se è davvero un medico, dovrebbe sapere che così non va bene ed ho agganciato. Questa è la sanità pubblica in Lombardia, l’eccellenza, mi immagino il resto, ricordando sempre che anni fa, il primario di un istituto di Milano, non aveva più spazi convenzionati ma privatamente due giorni dopo per la modica somma di 500.000 venivo ricevuta in uno splendido studio del centro di Milano. Girano a tutti Vicky, tutti i giorni per quasi tutte le cose, a proposito, io per i peli uso il rasoio, ricrescono dei tronchi ma almeno non do i soldi a chi frega la gente. Un abbraccio forte e sincero, ciao

    Commento di franca | 31 gennaio 2010 | Rispondi

    • Franca, prova col Silkepil o simili: io mi trovo bene. E senza tronchi! 🙂

      Commento di vincenza63 | 31 gennaio 2010 | Rispondi

  8. ma è mai possibile che certa gente non si faccia scrupoli di coscienza nel fregare le persone oneste? io gli manderei “Striscia la notizia”!! Poi vediamo come organizzeranno i servizi a domicilio!!! intanto stringi i denti e usa il tuo fedele Silkepil!! almeno con lui nn devi chiedere fatture !!! un bacione buona domenica Rosy

    Commento di rosalba | 31 gennaio 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

The Godly Chic Diaries

Smiling • Writing • Dreaming

Sfumature d'arcobaleno

Blog di sfumature di vita, scritto da qualcuno, da qualche parte, in qualche momento...

alemarcotti

io e la mia vita con la sm

solomari

"se scrivo ciò che sento è perchè così facendo abbasso la febbre di sentire" (F. Pessoa)

inpuntadipiedinaturalmente

dai rimedi naturali fatti in casa alla riflessologia

lucialorenzon

"La mia diversitá é la mia forza,la mia debolezza,la mia dignitá."

Not an Autism Mom

Hold Tight... It's a Wild Ride!

quel quid in più

mi hanno detto che ho quel "quid" in più: che cazzo è?

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

The Diary Of A Muslim Girl

Dare ◦ To ◦ Live ◦ Your ◦ Legacy

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

nz

Online zeitung

Be Bold be Beautiful Be you

this and that the tid bits of life

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

il Salotto di Silvia

quattro chiacchiere in libertà

Viaggiatore non per caso

Il più bel viaggio è quello che non è stato ancora fatto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: