Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Ti voglio bene da lontano.


  Tra pochi mesi, esattamente il 15 luglio, data del mio esame di maturità, ricorderò l’ultimo giorno in cui ho vissuto nella mia famiglia d’origine, che è anche la tua, il giorno in cui ho fatto la mia scelta, la prima importante tra tante da quel giorno in poi. Non è di questo che voglio parlarti però oggi.

Mi concentro su questo numero: 28.

E’  il numero degli anni che mi separano da quella data. Quasi quanto quelli che mi separano da te. Da allora TI VOGLIO BENE DA LONTANO. Io ho preso la mia strada con l’uomo che avevo scelto, tu la tua restando a capo di una situazione drammatica come uomo, non come ragazzo. Altro che i famosi ‘bamboccioni’! Uomini nel senso vero del termine si nasce e tu lo sei!

Sono volati. Ti voglio bene da lontano. E’ una frase nata in questi ultimi giorni, dopo il tuo recente intervento, le complicazioni, le ore passate lì ad aspettare e non riuscire a pensare a niente. Solo al bene silenzioso. Discreto, non invadente. Da sorella che non ruba la scena a nessuno, se non con la sua presenza che suo malgrado non passa inosservata… non certo per l’abbagliante avvenenza!

Finalmente! Esci da lì, mi sono assentata qualche minuto prima e non ti ho visto! Ti incrocio, solo per un momento mi passi accanto. Sei sveglio, un po’ intontito. Le infermiere si fermano. Giusto un minuto tutto mio, ti chiamo per nome, ti accarezzo un po’: credo sia la prima volta in vita mia che lo faccio. Cosa ce lo impedisce, qual è il muro che spesso in famiglia ci impedisce di essere affettuosi?

Ti dico: Sono Vicky! Mi rispondi, mi guardi. Che bello, siamo un momento da soli… Non posso emozionarmi, meglio lasciarti tranquillo.

Ciao Freddy! Alla prossima occasione. Una dedica in musica. Un brano che ascoltavo con te a casa. Sempre Vicky. 

 

Annunci

5 marzo 2010 - Posted by | Persone, Sentimenti | , ,

5 commenti »

  1. vorrei anche io dare una carezza a mio fratello, come tu hai fatto cn il tuo ma il mio l’ho perso nn sò per quale motivo tanti anni fà…. e abita a 10 mn da casa mia. ke tristezza, mi sono sempre sentita figlia unica… ogni tanto ci peso, ma me ne sono fatta una ragione,cn tristezza, ma l’ho quasi dimenticato…. un bacio vicki

    Commento di rosalba | 7 marzo 2010 | Rispondi

    • Rosy, chiamalo tu! Che t’importa? Fatti conoscere…
      Un abbraccio, da regalare.

      Commento di vincenza63 | 7 marzo 2010 | Rispondi

  2. Capisco perfettamnte, a me è capitato con mio padre e tutt’oggi mi fermo a ripensare e dico “ho l’opportunità di farlo ma xkè siamo così idioti e nn ci lasciamo andare mai’ ai sentimentalismi?”….. Purtroppo ci rendiamo conto di quante volte nn ci lasciamo prendere dai sentimenti, solo nei momenti in cui si tocca con mano il dolore….. Vi auguro ke tutto si risolva x il meglio e ke avrete momenti di dolce affetto da condividere in situazioni gioiose.
    Un abbraccio Vicki

    Commento di Nuvola_4 | 7 marzo 2010 | Rispondi

    • Grazie Mary, so che l’importante è iniziare e io ho deciso e l’ho fatto!

      Commento di vincenza63 | 7 marzo 2010 | Rispondi

  3. E’ vero Vicky..come sempre acutissima..in famiglia c’e’ un muro che ci impedisce di essere affettuosi.Per me e’ la stessa cosa..sembra una cosa da niente ma e’ un muro molto molto robusto

    Commento di Alfonso | 13 marzo 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

alemarcotti

io e la mia vita con la sm

solomari

"se scrivo ciò che sento è perchè così facendo abbasso la febbre di sentire" (F. Pessoa)

inpuntadipiedinaturalmente

dai rimedi naturali fatti in casa alla riflessologia

lucialorenzon

"La mia diversitá é la mia forza,la mia debolezza,la mia dignitá."

Not an Autism Mom

Hold Tight... It's a Wild Ride!

quel quid in più

mi hanno detto che ho quel "quid" in più: che cazzo è?

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

The Diary Of A Muslim Girl

Dare ◦ To ◦ Live ◦ Your ◦ Legacy

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

nz

Online zeitung

Be Bold be Beautiful Be you

this and that the tid bits of life

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

il Salotto di Silvia

quattro chiacchiere in libertà

Viaggiatore non per caso

Il più bel viaggio è quello che non è stato ancora fatto

UnUniverso

Un Mondo Migliore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: