Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Pulizia ‘etnica’ silenziosa.


  Far vivere un disabile o un anziano con meno di quello che lo stato pretende per la messa in regola di un’assistente personale – scusate ma badante come termine fa schifo! Siamo persone, non cani! –  è un REATO CONTRO I DIRITTI UMANI! Dobbiamo dirlo forte!

Faccio i conti in tasca ad un’ipotetica ‘signora Maria’, anziana, vedova, disabile al 100% con diritto all’indennità di accompagnamento.

Il suo reddito netto, calcolato tra pensione di invalidità, indennità di accompagnamento ed ipotetica pensione di reversibilità (beata lei che ce l’ha!) si aggira mediamente sui 1300-1400 euro al mese.

E’ quanto costerebbe avere in regola un’assistente fissa, con vitto e alloggio. Euro più, euro meno. Verificate all’Inps.

Il ‘costo biologico’ di essere per il resto della vita accudita da una perfetta estranea pur di restare a casa propria è INCALCOLABILE. Il danno pure. Chi ci ripagherà della privacy persa, della convivenza forzata… per citare solo alcuni aspetti. Questi sono ‘solo’ aspetti etici. Torniamo al vile denaro.

Quindi… proviamo a quantificare il minimo indispensabile per vivere. Perdonate se ometterò qualcosa, mi scapperà sicuramente.

 E’ sempre un calcolo stimato. Provo. Resterò bassa con le cifre.

Affitto: 400 euro
Luce, gas, telefono: 100 euro
Vitto e varie: 300 euro

Non calcoliamo l’abbigliamento – la ‘signora Maria’ non può avere vanità, lei non si veste… si copre – nè le medicine a pagamento escluse dall’esenzione.

Dove troverà questi soldi? Ipotizzo per immagini, lascio a voi la risposta. So una cosa per certa: la disperazione e i suicidi aumentano. Una nuova ‘pulizia etnica’ silenziosa è cominciata.

               

Guardiamoci in giro, apriamo gli occhi… chi sarà il prossimo?

Un saluto solidale, senza distinzione, sempre in musica. Sempre Vicky.

 

 

Annunci

8 aprile 2010 - Posted by | Esperienze, News, Persone | , ,

2 commenti »

  1. credo tutto dipenda non solo dalla gente ma da quella che siamo portati a credere..che lo stato ci vuol far vedere……non c’è niente da fare ,quello che viene dato viene tolto, quello che si chiede è sempre pretesa e mai esigenza….ma gli altri lo sanno questo?
    noi siamo qui mamma

    kiss
    cipi

    Commento di emanuela | 9 aprile 2010 | Rispondi

  2. Non dimentichiamo nemmeno, che con la scarsità di lavoro, pure le persone rinunciano a vivere facendo la badante, soprattutto donne, soprattutto per pochi soldi, il tutto si unisce alla povertà silenziosa.

    Commento di simone | 9 aprile 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

quel quid in più

mi hanno detto che ho quel "quid" in più: che cazzo è?

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

The Diary Of A Muslim Girl

Dare ◦ To ◦ Live ◦ Your ◦ Legacy

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

nz

Online zeitung

Be Bold be Beautiful Be you

this and that the tid bits of life

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

il Salotto di Silvia

quattro chiacchiere in libertà

Viaggiatore non per caso

Il più bel viaggio è quello che non è stato ancora fatto

UnUniverso

Un Mondo Migliore

Un mondo vicino e lontano...

Riflessioni personali su Dio, sulla bellezza della Natura e della Creatività umana, in un mondo vicino e lontano...

IL Girasole

Non privare gli altri della felicità

Il cassetto nel cassetto

Un Mondo di Parole

Grigio antracite

Pensieri e racconti brevi

Last Waltz Under The Moonlight

☽ Come and dance with me this last waltz under the moonlight ☾

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: