Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Io personale, io (a)sociale.


 

Questo il titolo della rubrica su http://www.le-cercle.it/argomenti.php  in cui scriverò per un paio di volte al mese. Si tratta di un caffè letterario online col quale mi è stato chiesto di collaborare. Un’esperienza nuova, un luogo nuovo dove far circolare idee, parole, memorie.

Di seguito riporto il primo pezzo che ho pubblicato, sperando che possiate conoscermi e riconoscermi in quanto scrivo.

Io personale, io (a)sociale.

Come suggerisce il titolo, non posso che partire dal mio Io, il più personale che conosca, o mi illuda di conoscere, da oltre quarantasei anni. Un lungo viaggio per approdare all’oggi sociale, che voglio condividere insieme a chi mi vorrà leggere, non in quanto insieme di parole, ma come successione di immagini che emergono lasciando che le righe si trasformino in emozioni.
Ho pensato molte volte dopo un grave problema di salute, del quale col tempo ho imparato a infischiarmene nella vita di ogni giorno, che le persone si allontanassero da me non trovando le parole ‘giuste’ da dirmi. In effetti  ho ancora l’immagine di M.L. che mi evita accuratamente per mesi, finchè intercettata a messa dalla sottoscritta ammette di non sapere cosa dire. Io neppure… se non un ‘Ti voglio ancora bene, per me non è cambiato niente’. Non la vedo ormai da anni.
Il dolore e la malattia ci separano, ci derubano della comunicazione, ci riducono a numeri, magari ad icone di un’idea distorta che il nostro prossimo si crea di noi.

Di me in particolare la mia comunità, sia la mia più vicina che è la famiglia, sia quella più allargata, cioè quella civile e religiosa, non ha problemi ad accettare il cambiamento fisico e funzionale – sono una persona con disabilità motoria dal 1995 – anzi… Piuttosto mi sono sentita spesso un certo fastidio che mi passava da parte a parte in quelle ormai innumerevoli occasioni in cui ho mostrato di voler continuare una vita sia privata che sociale non etichettata e legata ad una categoria. Mi spiego. Io non sono il mio corpo, o almeno non solo. Non ho voluto intenzionalmente chiudermi nella mia disabilità. Ho archiviato le vecchie amicizie e ho accettato da Dio e dalla vita quelle nuove che sono arrivate. Ho perso il padre di mia figlia, del quale sono vedova, e ho successivamente incontrato un nuovo amore.

Sono una donna fortunata. Le persone veramente amiche mi hanno vista cambiare, morire e poi rinascere e hanno prima pianto per poi rallegrarsi con me.
A tutte queste persone, prima tra tutte a quella splendida donna che è mia figlia, un semplice abbraccio per dire quello che le parole non comunicano.
Lascerò che parli per me una persona che nella sua breve vita ha osato molto:

“Amico mio, accanto a te non ho nulla di cui scusarmi, nulla da cui difendermi, nulla da dimostrare: trovo la pace… Al di là delle mie parole maldestre tu riesci a vedere in me semplicemente l’uomo.”

Antoine de Saint-Exupery

 

Un caro saluto, un brano a me molto vicino, sempre Vicky.

Annunci

24 maggio 2010 - Posted by | Anima, Persone | ,

2 commenti »

  1. Hai una grande anima Vincenza!Sei una leonessa che sparge dolcezza intorno a sè:Fortunato il tuo amore che ama una donna come te!La mia storia somiglia un po’ alla tua,nel senso che anch’io ho a che fare con la diversa abilità,ma anch’io sono un uomo fortunato perchè crescendo ho capito profondamente tutto quello che la vita può dare se noi siamo pronti a ricevere i suoi doni.Ho due grandi amori: Monia e la poesia e mi riempiono la vita di emozioni che io trasmetto agli altri attraverso le mie numerose performances.E’ bellissimo incontrare tanta gente e poter parlare della bellezza che alberga nell’espressione artistica ch’è come una preghiera ed arriva al cuore delle persone stimolando viaggi introspettivi,crescita interiore.
    Hasta la poesia,siempre!

    Mi piace

    Commento di Gianni Mascia | 24 maggio 2010 | Rispondi

    • Caspita! Non me lo aspettavo certo un commento simile… Spero meritato, anche perchè non faccio nulla di speciale. Solo il presente ci appartiene, e sfugge in fretta. Sul futuro però possiamo possedere tutto, poichè abbiamo sogni e visioni che ci portano a vedere oltre il visibile. La Bellezza è ovunque, nell’atomo e nella montagna, pensando che il puntino sono io.
      Ciao Gianni e grazie!

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 24 maggio 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

mydaphne

this my world, this mydaphne

Giusy Carofiglio

And as imagination bodies forth The forms of things unknown, the poet’s pen Turns them to shapes and gives to airy nothing A local habitation and a name. – William Shakespeare

Primo non sprecare

Una genovese in cucina: piatti liguri, altri inediti, oppure i classici in versione sprint. Per il massimo risultato con il minimo sforzo.

TwinMirrors

Look into our mirrors...You will see the most amazing things...

AMERICA ON COFFEE

Americans' daily coffee ritual.....

ZEN'S FAMILY BLOG

Hey My Family. This is Justin Zen and I am here to share my thought's and experience. I am on a journey to help everyone and bring out everyones potential and talent through my blog.

Al Ghurabaa Magazine per la Donna Musulmana

Storie quotidiane di donne e mamme musulmane

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

La Mia Visione Della Vita

"La nostra realtà è un caleidoscopico ed ignoto viaggio onirico"

Les faits Plumes

Des enquêtes à pas de loup pour apprendre sur-tout...

wwayne

Just another WordPress.com site

...

Finding clever solutions to tricky problems since forever

LE PAROLE PER DIRLO

"La scrittura è la voce incomparabile del silenzio". (Andrea Emo)

Hollywood Makes Me Sick

Notizie curiose dal mondo dell'entertainment

InvestInYourselfFirst!!

Be A Warrior 🎯 And Get Out From The Misconceptions Of Your Life!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: