Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Gogna fantozziana.


      

Estrapolo da un pezzo, che assolutamente non posso che condividere, questo brano di memoria grottescamente fantozziana… se purtroppo non fosse assolutamente reale e non partorito dalla mente di Neri Parenti – lui ci faceva ridere sulle piccole e grandi meschinità e debolezze dell’animo umano. Come direbbe Troisi: “Non ci resta che piangere”.

E invece no! Non piangeremo proprio per nulla! Usiamo questa occasione di estrema vergogna di un quotidiano, che come tanti altri deve la sua vita ai contributi pubblici, quindi non ai soldi di chiunque altro ma proprio i nostri, quelli che vediamo buttati in queste guerre di regime, in queste gogne mediatiche. Ne abbiamo veramente piene le scatole e come dice il protagonista di un film favoloso e molto avanti per il suo tempo, Quinto Potere, “Non sopporteremo più tutto questo!”

Questa la parte del pezzo che mi ha colpito:

“È un invito esplicito allo stalking, che è un reato ma anche una patologia. È un incitamento a molestare, che è un delitto punito dal codice ma anche un’ossessione. Ieri il quotidiano Libero ha pubblicato le foto segnaletiche e gli indirizzi mail dei parlamentari di centrodestra che hanno deciso di non votare la fiducia a Berlusconi: «Scrivete ai traditori» è il titolone di prima pagina che suona come uno spasmo bilioso e come un ordine al plotone di esecuzione: “puntate!”. Di sicuro nella sollecitazione all’offesa persecutoria controi traditori c’è il tradimento (ops), anzi il naufragio del giornalismo, ben oltre la faziosità che è legittima e può essere persino una risorsa, il capitale vivo dell’informazione. Ed è un naufragio professionale confessato e certificato dallo stesso direttore Maurizio Belpietro che mette le mani avanti perché sa bene che sta usando, come scrive nelle prime righe, «la carta stampata come un manganello». (segue – Fracesco Merlo da La Repubblica).

Del Direttore di ‘Libero’ – un nome perlomeno fuori luogo per un quotidiano simile – per par condicio, pubblico la foto in modo che sappiate di chi stiamo parlando e accusatore ed accusati siano ben visibili ai nostri occhi. Un inciso: perché non fare così con tutti quei deputati inquisiti e condannati che ancora siedono nel nostro Parlamento e sono regolarmente stipendiati con le nostre tasse? Perchè non applicare lo stesso metodo di misura che nel passato ha permesso di coprire i vari ‘pianisti’ ed assenteisti? Per non parlare poi dei corrotti e dei collusi con la mafia e la camorra che tuttora troviamo occupare posti di prestigio e responsabilità nella politica, nell’economia, nell’amministrazione pubblica in generale.

Dov’era il signor Belpietro in quelle occasioni? Voglio, vogliamo vedere le facce e i nomi degli iscritti alle logge e molto, molto di più.

Se la gogna mediatica deve diventare uno stile manganello, che sia applicato a tutti. Finora non è stato ancora inventato un lodo Alfano per i camorristi, i mafiosi, i corrotti che con loro si arricchiscono alle nostre spalle. Se inquisizione deve essere, che lo sia!

Ovviamente, al di là del lato grottesco della cosa e della rabbia per l’impotenza di fronte ai soprusi subiti quotidianamente, non condivido affatto questo metodo. Le bagarre interne di un partito o di una coalizione non devono usare i miei soldi e quelli pubblici per coinvolgerci in uno stile di caccia alle streghe che sta diventando la politica di questo regime. Difendo i politici così sputtanati pubblicamente non perché appartengano a un partito che io appoggi, ma perché persone che come tutti sono stati eletti e hanno il diritto dovere di esprimersi e di votare di conseguenza. Un governo che fallisce deve ammettere le sue colpe, i suoi limiti, le sue responsabilità.

Lungi da me il condividere metodi simili, che denotano un regime e non uno Stato di diritto, in cui la violenza sia fisica – attraverso le cariche della polizia agli studenti, ai lavoratori, a chiunque protesti, colleghi poliziotti compresi… – che morale, attraverso questa forma di stalking neanche tanto sommerso, tenta di tenerci ancora in pugno con il ricatto e l’intimidazione tipici di un governo totalitario, o almeno tutt’altro che democratico.

In questo momento faccio appello a tutti coloro che ci rappresentano e che sentono arrivare il momento in cui bisogna dire no. Spinti dalla motivazione della giustizia e non del profitto personale o di partito. Abbiamo fame. Fame di idee, ideali e facce sbattute in prima pagina per quanto sono riusciti di buono a fare non per il proprio elettorato, ma per l’intera nazione. In caso l’avessero dimenticato, noi vorremmo ricordarglielo.

Un brano che fa pensare… Grazie Cash! Sempre Vicky.

Annunci

6 dicembre 2010 - Posted by | Esperienze, Idee, News | , ,

5 commenti »

  1. Condivido tutto! Brava:)

    Commento di Arianna | 6 dicembre 2010 | Rispondi

  2. Siamo al crepuscolo di un regime e forse oltre, perciò in questi giorni dobbiamo aspettarci queste cose e altre ancora…
    La politica dovrebbe servire per evitare queste cose, per non andare oltre, ma abbiamo perso il senso della politica e la sua funzione.
    Il Berlusconismo, più ancora di Berlusconi, è riuscito a dividerci, a dividerci in un modo senza precedenti e questo è molto grave; serve solidarietà in un momento grave come questo……
    Poi cara Vichy serve un pò di coerenza per evitare tutte quelle cose che hai riassunto in modo ineccepibile….
    Ti ringrazio per quello che fai saputo scrivere perchè rappresenta la starda maestra dove tutti ci si possa riconoscere, indipendentemente dalla destra e dalla sinistra……

    Commento di Remo | 6 dicembre 2010 | Rispondi

  3. L’ informazione, con tutti i mezzi a disposizione, è diventata l’ olio di ricino di questo regime. Tempo fa si parlava di un regime “soft”… ora, alla luce di questo, ma anche di altri accadimenti, direi che di “soft” c’ è veramente poco.
    Ciao, VIncenza. :-))

    Commento di Paolo Menelao | 6 dicembre 2010 | Rispondi

  4. SCIOCCO CHI LI VOTERÀ!

    Chi è causa del suo mal pianga sè stesso, hanno offeso e tramato ad oltranza, son diventati tutti agnellini in un colpo solo?

    Solo per salvarsi per le prossime elezioni?

    Per non parlare dei giornalisti, alla pari loro!

    Il popolo civile ha pagato, da sempre, con le proprie fatiche gli errori ed orrori del popolo politico.

    Commento di simone | 6 dicembre 2010 | Rispondi

  5. Ciao Vincenza, il caso Boffo è stato l’esempio palese di come alcuni giornali siano solo il mezzo di propaganda – il braccio armato – del Pdl.

    L’orrore è che noi paghiamo e “lui” usa.

    Poi, non dobbiamo dimenticarci che purtroppo, troppi italioti ed italioni, non capiscono che la realtà è questa, anzi per loro, sono quei pochi a dire ancora almeno una parte di verità, ad essere comunisti!

    Comunque, non la vedo così semplice, il rischio che ottenga ancora la fiducia è concreto; se succedesse, agli italiani onesti, non resterebbe che chiedere asilo politico in Africa…

    Hai notato, che ogni volta che si paventano elezioni o problemi seri per “il capo”, magicamente il suo Milan torna ad essere primo in classifica? E non credo alle coincidenze…

    Per fare pendant con il tuo “Non ci resta che piangere”, ti saluto dicendoti che: “Se tutto va bene, siamo rovinati!”

    Un abbraccio…

    Commento di Mario Circello | 12 dicembre 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

The Diary Of A Muslim Girl

Dare ◦ To ◦ Live ◦ Your ◦ Legacy

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

nz

Online zeitung

Be Bold be Beautiful Be you

this and that the tid bits of life

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

il Salotto di Silvia

quattro chiacchiere in libertà

Viaggiatore non per caso

Il più bel viaggio è quello che non è stato ancora fatto

UnUniverso

Un Mondo Migliore

Un mondo vicino e lontano...

Riflessioni personali su Dio, sulla bellezza della Natura e della Creatività umana, in un mondo vicino e lontano...

IL Girasole

Non privare gli altri della felicità

Il cassetto nel cassetto

Un Mondo di Parole

Grigio antracite

Pensieri e racconti brevi

Last Waltz Under The Moonlight

☽ Come and dance with me this last waltz under the moonlight ☾

Safira's Journey

Create Your Own Happiness

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: