Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

La porta.


Un oggetto, un simbolo. Ho scritto il titolo. E’ un tutt’uno con le lacrime che sfuggono al mio controllo. La amo, la odio la porta. Da quando abito in questo appartamento quante volte l’ho vista aprire e all’improvviso arrivavi tu, amore mio… Ti ho aspettato per vent’anni, sempre alla stessa ora. Poi, sei anni fa, sei uscito per l’ultima volta col tuo corpo chiudendo la porta dietro di te. Avevi in mano quella che era diventata negli ultimi tempi la tua fedele compagna: una borsa da viaggio con il necessario per un ricovero in ospedale. Maledetta borsa…

Non si sarebbe più riaperta per te fisicamente quella porta. Ho avuto questa consapevolezza quel giorno di sei anni fa.

Amore mio, sei stato un grande, lo sei ancora… c’è una porta però che tu sai non si è mai chiusa per te nemmeno un giorno, nemmeno un attimo: il mio cuore. Tu l’hai reso così grande nei 24 anni di vita terrena che abbiamo passato insieme! Così grande ed aperto da poter accogliere altri amori, da poter condividere ancora tanta vita, tanta gioia, tanto… tutto con chi l’ha attraversato, con chi l’ha calpestato, con chi l’ha ferito, con chi oggi non è con me ad ascoltare il racconto bellissimo di chi eri, di chi sei e di chi sarai sempre!

La guardo quella porta… Ho deciso di vendere questa casa, dopo che l’ultimo amorevole ricordo di te e dell’eredità d’amore che hai lasciato uscirà da qui per quella stessa porta, io comincerò da quel preciso momento una vita da un’altra parte. Tu naturalmente verrai con me, i muri non ci servono, i nostri discorsi senza parole continuano. Cambiamo solo scenario.

La porta. Solo un simbolo. Eppure… quanto ha da raccontare.

Ti ricordo stasera col brano che è nostro: il più bello e il più dolce dei Rolling Stones, “Wild Horses”. E come nell’82, quando decidemmo di sposarci, mi viene ancora da ridere… mi vedi? Ricordo ancora adesso la faccia scandalizzata del prete quando gli abbiamo proposto di farla eseguire in chiesa, al momento del mio ingresso… non ci posso credere! Eravamo davvero degli sfacciati!
Ah… come sai, io lo sono ancora. Ti penso, Lorenzo. Rido e piango allo stesso momento e riflettendo meglio mi rendo conto che quella porta in realtà è rimasta soltanto socchiusa, nei tuoi desideri, nei miei sogni.

Sempre Vicky!

Annunci

20 gennaio 2011 - Posted by | Anima, Esperienze, Persone, Vita nuova | , , ,

12 commenti »

  1. Beato il prete, che ha visto i vostri visi felici, beata quella porta, che vi ha visto innamorati, beato quell’uomo che ti ha visto felice, beati i ricordi che ti danno e ti daranno sostegno. 🙂

    Mi piace

    Commento di simone | 20 gennaio 2011 | Rispondi

    • Simone, beata me che ho conosciuto e avuto l’amore di Lorenzo! Per vent’anni abbiamo contagiato tutti…

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 21 gennaio 2011 | Rispondi

  2. anche io a volte ripenso a quella porta ,mi ricordo l’ultima volta che papà l’ha chiusa alle sue spalle…era oggi e mi sono alzata dal letto di corsa per salutarlo alla porta..quasi consapevole del fatto che saremmo stati lì vicini sulla soglia per l’ultima volta…lo sapevo io ,lo sapeva lui..questo è certo…eppure ancora mi domando se mai potrò dimenticare quegli istanti, ma dimenticare non si può perchè sarebbe scordare la bussola e perdersi. Papà ha detto ad Emilio che sarebbe stato lui l’uomo di casa ed è così che vivo il suo rientro, lo vedo rientrare a casa dopo il lavoro o di ritorno da una scappata veloce al supermercato e mentre guardo al mio futuro, il passato si riapre e anche quella porta.

    Mi piace

    Commento di emanuela | 20 gennaio 2011 | Rispondi

    • Perchè mai dovresti dimenticarli? Per me sono momenti non solo tristi… E’ la vita, questa, terribile e meravigliosa. Quando guardo ai ricordi li vedo come ali e non come zavorra. Io con papà…sapessi quanto abbiamo volato!
      Ti rompo ma ci sono, conta su di me,
      mamma.

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 21 gennaio 2011 | Rispondi

  3. Mi hai commosso con questo post.
    E’ bello l’amore così, sempre vivo.
    Sei una persona speciale e ti ammiro per questo!

    Mi piace

    Commento di La Marti | 21 gennaio 2011 | Rispondi

  4. Non voglio dimenticare nulla ,proprio questo dico, spero cge rimangono sempre indelebili come il vs amore

    Mi piace

    Commento di emanuela | 21 gennaio 2011 | Rispondi

  5. Che bello!!! Com’è emozionante!!

    Mi piace

    Commento di Arianna | 21 gennaio 2011 | Rispondi

    • Grazie Arianna! E’ possibile restare in contatto con te?

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 22 gennaio 2011 | Rispondi

  6. Vicky, quando sei un pò triste riesci ad esprimere il meglio di te e a commuovere tutti……Non è stata una vera e propria sorpresa, non so perchè, quello che ho letto poco fa me lo aspettavo…… Mi gongratulo per i sentimenti che sai trasmette…. sono importanti sai… riesci a legaredi coerenza e di amore ad un filo che non so strappa

    Mi piace

    Commento di remo | 24 gennaio 2011 | Rispondi

  7. Provo a correggere almeno gli errori madornali che mi sono sfugiti:
    Vicky, quando sei un pò triste riesci ad esprimere il meglio di te e a commuovere tutti……Non è stata una vera e propria sorpresa, non so perchè, quello che ho letto poco fa me lo aspettavo…… Mi gongratulo per i sentimenti che sai trasmette…. Riesci a legare coerenza ed amore ad un filo che non si strappa…. forse così è un pò meglio, scusami

    Mi piace

    Commento di remo | 24 gennaio 2011 | Rispondi

    • Ti voglio bene Remo.

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 24 gennaio 2011 | Rispondi

  8. In te esiste una FORZA INSUPERABILE . Quella porta , quell’uomo .Egli sara sempre nel tuo cuore e tu nel suo.TVB dal cuore mio

    Mi piace

    Commento di Rosa | 24 gennaio 2011 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

ROSLIE'S

"Quel che importa è non mancare la propria vita"

Mosul Eye

To Put Mosul on the Global Map

Calogero Mazza

In un mondo in cui tutti (ma proprio tutti) dicono la loro... io vorrei dire la mia.

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

HUMAN TRIBE

storie incredibili del genere umano

Empowered

Everyday

MaBeautility

Inner beauty and outer beauty!

Spongebob

E la bellezza d'esser bionda guidando una Aygo rossa.

Paroledipolvereblog

Ciò che per alcuni è strano, per altri è normalità (Tim Burton)

La libreria di Farfalla Legger@

gocce di libri letti e qualcosina in più...

MiddleMe

Becoming Unstuck

DUST IN THE WIND (poesía)

"El raquitico dios de la tierra sigue siendo de igual calaña y tan extravagante como el primer día. Un poco mejor viviera si no le hubieses dado esa vislumbre de luz celeste, a la que da el nombre de Razón y que no utiliza sino para ser más bestial que toda bestia" Goethe

Think Thoughts

Academic Essays: Literature | General Issues

Education Motivation Inspiration

Warm welcome! This is more than an exploration. Discovery of new ideas and new ways of being.

Life lessons

This site is all about enlightenment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: