Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Per piangere bisogna essere forti.


‘Quando sono debole, allora mi accorgo di esser forte’ (S. Paolo Apostolo). Il primo pensiero che mi attraversa la mente dopo un dialogo con te, carissimo amico mio. Il titolo di questo post riassume quanto è racchiuso nel tuo cuore così fragile e gentile, sensuale eppure capace di dolcezza smisurata.
Ci vuole coraggio a lasciarsi andare, per te uomo velato da clichè ancora di più. Ti hanno insegnato che durezza è sinonimo di forza, che piangere è da donnette.

Io amo la donnetta che è in te. Mi attira col suo profumo di rosa, mi incanta coi suoi giochi, con la sua voce acuta di momenti tutti tuoi, tutti nostri. Hai detto bene. E io ti ho rubato le parole, perchè ti riconoscessi in questo post.

Ti amo, amico mio. Perchè sei debole. Perchè sei forte.

Sempre Vicky.

Un amore di quelli che consolano.

Annunci

11 dicembre 2011 - Posted by | Anima, Persone, Sentimenti | , , ,

15 commenti »

  1. Per piangere bisogna essere totalmente liberi da preconcetti, quindi senza condizionamente:regressi o pregressi

    Commento di Giuseppina Falletti | 11 dicembre 2011 | Rispondi

  2. non c’ è persona più forte e più nobile di quella che sappia mettere a nudo se stessa

    Commento di Alfre | 11 dicembre 2011 | Rispondi

  3. la bellezza delle persone che sono capaci di piangere non e’ visiile a tutti

    Commento di maria | 11 dicembre 2011 | Rispondi

  4. Parole sagge,e’ forte chi non ha condizionamenti

    Commento di luciano perinu | 11 dicembre 2011 | Rispondi

  5. E’ vero, biosogna essere forti per piangere, bisogna essere forti per lasciarsi andare…….la durezza è solo un cliché, è solo un inutule tentativo di mascherare la parte “femminile” che c’è in ogni uomo……forse la migliore. Grazie Vincenza, ciao, buona serata!!!!

    Commento di Gianpietro Valota | 11 dicembre 2011 | Rispondi

  6. Non saprei commentare più di tanto, piangere ormai è da tanto tempo che non lo provo questo sentimento, se non nei momenti bui della mia tristezza, in solitudine, per assurdo, in armonia con mè stesso

    Commento di simone | 11 dicembre 2011 | Rispondi

  7. piangere non è sintomo di debolezza, ma di estrema sensibilità e partecipazione, si piange per svariati motivi, dolore, gioia, impotenza ecc.ecc. , il pianto è anche una forma di liberazione e di sfogo, per quante e più ragioni si può piangere. Ciao Vincenza, io credo che piangerò molto per l’emozione della nascita della mia prima nipotina che avverrà a giorni. Ti abbraccio sempre con affetto e con la benedizione del Signore.

    Commento di Cristina | 11 dicembre 2011 | Rispondi

  8. “donnetta che piange” è un cliché, come “l’uomo che non chiede mai”

    sinceramente sono sempre stato attraversato da un’equilibrio «poco-omologato» fra universo maschile e quello femminile, la presenza di una madre veramente forte e fin troppo protettiva e la quasi-assenza di un padre rigido ma, proprio per la sua rigidità, poco potente…

    proprio sabato parlavo con un’amica divenuta reale di questi atteggiamenti di “potenza” verso quelli di “debolezza”: la persona veramente potente non ha problemi a mostrarsi anche nei momenti di difficoltà, di mostrarsi nudo nella sua quantessenza
    quella debole ha bisogno di ostentare i muscoli, il SUV, il fisico da “superfiga” totalmente rifatta

    abbraccione

    Commento di francesco frenzy passarellli | 12 dicembre 2011 | Rispondi

  9. Piangere libera l’amimo e sfoga il cuore….
    ENRICO

    Commento di Enrico | 12 dicembre 2011 | Rispondi

  10. letto 🙂

    Commento di argonauta2006 | 11 marzo 2012 | Rispondi

    • Che te è sembrato?

      Commento di vincenza63 | 11 marzo 2012 | Rispondi

  11. sorrido

    Commento di argonauta2006 | 11 marzo 2012 | Rispondi

    • Perchè sorridi caro argonauta?

      Commento di vincenza63 | 11 marzo 2012 | Rispondi

  12. UN uomo forte sa quando è il momento di emozionarsi…io mi emoziono spesso e non me ne vergogno, anche se sono forte di carattere…in quello che hai scritto mi ci vedo…

    Commento di Enrico | 11 marzo 2012 | Rispondi

    • Appunto Enrico……… Ti abbraccio

      Commento di vincenza63 | 11 marzo 2012 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trust and Believe in the Unseen

Live with Light of Faith

Lost Route

Riscopriamo la bellezza della natura, camminando. Itinerari e percorsi adatti a tutti gli escursionisti, prevalentemente nella nostra bellissima Toscana.

Ecrire À l'aventure...

“Il n’y a pas de liberté sans risque, sans ignorance, sans aventure.”Jacques Attali

Sunday mood

·Don't look back. You are not going that way·

Nocompensa

Not Another Travel Blog

DIARIO DI SOSTA

Benvenuti nel mio blog !

C.E Hall

Freelance Content Writer

memoriediunavagina

m'hanno detto che essere donna è bello, ma nella prossima vita preferirei rinascere maschio, magro e superdotato

Il diario della Persiceti

Solo me, me stessa, io.

phehinothatemiyeyelo - Vento nei Capelli

Kola cekiye slakiyawo - Consacra l'Amico

Happy Magician

Sii il cambiamento che vorresti nel mondo

La Lettrice Assorta

"Non ci sono libri morali o immorali. Ci sono libri scritti bene e scritti male" (Oscar Wilde)

Sephiroth

"Scrivere sulle cose, mi ha permesso di sopportarle".

Poe di Elish_Mailyn

❣️Pensieri Stupendi tradotti in Poesia❣️ 🏆 Semper pugnare, non deficere 🏆 La vita è come andare in bicicletta, per mantenere l'equilibrio bisogna sempre stare in movimento (A. Einstein)

PhilosoBia

Between the world and me

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: