Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

12 commenti »

  1. …..niente medicine nè medici niente violenze…..questo è molto importante. Nessun esperimento, ok invece alla terapia del dolore che ci permette di andarcene con un briciolo di dignità. Ho sempre immaginato che quando la morte cogliesse i miei cari, io fossi vicino a loro a sentire un’ultima importantissima parola. La realtà è stata del tutto diversa dalla mia immaginazione. Mio padre, colpito da tumore alla testa, non ha potuto accennare parola. Con mia madre e mio fratello sono arrivato dopo. La vicinanza è molto importante, per cui reputo l’esperienza della tua interlocutrice, un’esperienza, seppur nella disgrazia, “fortunata”. Grazie, Vincenza, ciao, buona serata!!!!

    "Mi piace"

    Commento di Gianpietro Valota | 22 febbraio 2012 | Rispondi

    • Quando leggo i tuoi commenti, Gianpietro, mi sento sempre migliore! Grazie.

      "Mi piace"

      Commento di vincenza63 | 22 febbraio 2012 | Rispondi

  2. ‎”Siamo noi a fare dei social network e comunque di tutte le occasioni della vita dei momenti preziosi per comunicare, davvero. Raggiungere l’altro e avere il coraggio di abbattere muri, dialogare, conoscersi…”

    Ci credo fortemente anch’io!

    "Mi piace"

    Commento di Stefania | 22 febbraio 2012 | Rispondi

  3. mi ha colpito molto….e penso che star vicino fino all’ultimo ai propri cari si molto importante…

    "Mi piace"

    Commento di Lucia Cesa | 22 febbraio 2012 | Rispondi

  4. Vicki,anch’io ho accompagnato mio padre fino all’ultimo…contrariamente all’altro papà,mio fratello che è medico,ha continuato a fargli propinare medicine…anche mio padre era pronto…dieci minuti prima di perdere conoscenza ha allungato le braccia per abbracciarmi…è stato un abbraccio bellissimo e doloroso perchè sapevo che era l’ultimo…le lacrime mie e sue si sono mescolate.le nostre due anime intrecciate per l’Eternità…anche lui guardava verso un punto..ma lui mi disse che c’era sua madre..ho capito…era arrivata per portaelo via e così,dalle mie braccia è passato alle sue…adesso so che sta bene,mi è accanto..solo che sento la presenza ma ho tanta nostalgia del suo abbraccio…

    "Mi piace"

    Commento di Giuseppina g | 23 febbraio 2012 | Rispondi

    • Davvero toccante, amica mia… grazie. Ti abbraccio.

      "Mi piace"

      Commento di vincenza63 | 23 febbraio 2012 | Rispondi

  5. Questa storia ha avuto lieto fine perchè la morte è stata accettata, consapevolmente, non rifiutandola, forse, crescendo con l’avvicinarsi del momento del proprio caro.

    Guardando la tranquillità di questo evento, poi, i miei pensieri si scontrano con le storie di morte e malattie di tutti i giorni, dove la dignità fatica ad arrivare.

    "Mi piace"

    Commento di simone | 23 febbraio 2012 | Rispondi

    • Simone…io non credo nei lieto fine. Credo nella vita, qui e ora. Spero in una gioia infinita, dopo questo breve viaggio.

      "Mi piace"

      Commento di vincenza63 | 23 febbraio 2012 | Rispondi

  6. Tanto grazie.
    Si parla troppo poco della morte,ne abbiamo paura ce la presentano spesso sin dall’infanzia come un abbandono,invece non lo è,per me,fà parte della VITA..
    per quanto riguarda il dolore io ho già fatto la mia scelta non voglio nessuna medicina sono contraria..vorrei solo una cosa morire dignitosamante prima per me e poi per chi mi è vicino..la sofferenza se dovvesse esserci la considerò una delle tante….
    Cara Vincenza è vero io e te abbiamo storie simili sei una DONNA sensibile e forte,,anche se dietro la tua corazza con molto pudore nascondi il tuo dolore..ecco questo ti rende BELLA!!
    un abbraccio!!
    mavi

    "Mi piace"

    Commento di maria vittoria pittamiglio | 23 febbraio 2012 | Rispondi

    • Mavi, io ho deciso le stesse cose, sia per quanto riguarda il fine-vita che per come si trascorre questo viaggio qui.
      Ti abbraccio, guerriera.
      Vicky

      "Mi piace"

      Commento di vincenza63 | 23 febbraio 2012 | Rispondi

  7. Che dire…così è!

    E soprattutto significativo in relazione anche al sottotitolo del tuo blog cioè conoscersi e parlarsi è un dono! 😉

    "Mi piace"

    Commento di lordbad | 3 marzo 2012 | Rispondi

  8. Che cosa è la morte, forse un lascito, un lascito di una dimensione verso un’altra, forse parallela alla nostra…
    Noi viviamo quì, quelli che erano quì ara vivono lì, aspettando la promessa di nostro Signore, che un domani indefinito tutti rivivremo come anime pure…
    Tutti quelli che stanno lasciando questa dimensione, prima di farlo, o vogliono poggiare i piedi per terra, o vedono luce, oppure anime che aspettano per il viaggio, lungo viaggio nella nuova dimensione….
    Molti non possono arrivare alla nuova dimensione e si posizionano nel luogo del trapasso, ma nessuno li vede….
    Preghiamo per tutti loro e saranno felici…
    ENRICO

    "Mi piace"

    Commento di Enrico | 3 marzo 2012 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The 4th Dimension

Random Stuff I Think You'll Like

RIVA OMBROSA

Quando si ama si dona

deluarhossain336@gmail.com

deluarhossain336@gmail.com

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

Meereskind

Reisen beginnt im Kopf

SCEGLI TU...POI TI CONSIGLIO IO

"IL MONDO SAREBBE UN POSTO MIGLIORE, SE UNO DEI CINQUE SENSI FOSSE STATO L'IRONIA"

Jakob Iobiz

Scrittore

Free Fonts

Fonts Download

365 dni w obiektywie LG/Samsunga

365 days a lens LG/Samsung

AMblogger

AM_blogger

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

study material

Try try try but don't cry

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Revolver Boots

Scream for me...

Nengkoy

ruminations & travesties of the favorite yet naughty son of Nengkoy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: