Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Genova 21 luglio 2012


21 luglio. Una data impressa nel cuore. Da voler fuggire per dimenticarla e trovarvisi immersi… malgrado tutto, grazie a tutto. Come nel mare. Come a Genova. E nei miei viaggi. So a malapena da dove parto e non so che troverò. Ho una paura… la stessa che provo nei ricordi che non mi lasciano mai del tutto sola. Corsi e ricorsi. Lorenzo che avrebbe compiuto 57 anni, Lorenzo che ritrovo nella Cattedrale, Lorenzo che mi fa cantare mentre giro apparentemente sola per le strade di Genova.

Passeggera e conducente del treno che è la mia vita, prendo appunti come draft dal menu sms del mio cellulare e scatto fotografie coi miei occhi per cogliere quello che con le mani non potrò mai fare, che a nessun altro oggi voglio chiedere di cogliere per me, per fermare il momento che solo io sto vivendo, dentro e fuori di me. Le mie mani oggi sono il mio cuore.

Niente foto. Solo impressioni e i miei ‘occhi’ che hanno catturato fotogrammi da usare, plasmare, partorire, generare alla vita attraverso di me per raggiungerti. Ora.

Sul treno appena partito c’è tanta gente. Fa caldo, niente aria condizionata, qualcuno si lamenta. Io… guardo con strano distacco quelle voci che si agitano. Sono in viaggio, con tutti i pronostici a sfavore. Ci sono. Andiamo! Non m’importa d’altro! Dai, ho una vita da vivere che corre!

Quadro 1. Decine di solitudini trafitte da raggi di luce.
Rubo la bellezza a Ungaretti per descrivere quello che ho davanti a me nella carrozza. Tanta gente in silenzio, le orecchie tappate da auricolari, le menti occupate dalle cose. Chissà quali… Un pensiero squarcia il mio di silenzio: chi mi vede penserà lo stesso di me? Oppure semplicemente si chiederà che ci faccia ‘una come me’ da sola in treno… Vorrei tanto raccontarlo ma… il sole trafigge anche me.

Quadro 2. Un ponte mi parla: “Basterò?”
Lo vedo, collega una collina all’altra, è idealmente il pezzo mancante al puzzle sparpagliato rappresentato dalle nostre esistenze al punto 1. Costruiamo ponti.

Quadro 3. In gelateria si gusta l’amaro di Diaz.
Lo so, diventerà un rito quella piccola gelateria in via Balbi. Mi fermo anche oggi. Mi sorride la ragazza che mi accoglie e mi aiuta a mangiare lo yogurt con nutella… Devo addolcirmi perchè Genova è suo malgrado sinonimo di violenza. Giuliani, Diaz, menzogne, violenza… chi mi aiuta dice solo: è stato uno schifo. Io seduta sul mio solito osservatorio viaggiante non riesco a non incupirmi e confermare. Il mare osservato dal porto vecchio oggi mi sembra essere strano, si è colorato. Rosso sangue.

Quadro 4. Al porto un peruviano ha pochi denti in bocca ma dignità da vendere.
Gli passo accanto per un attimo e mi cattura con la disarmante semplicità della sua grazia. Sta mangiando del pane comune e bevendo acqua seduto su un muretto all’ombra. Guardo, è giovane ma non so dargli un’età per via del suo sorriso così povero di denti, ma ricco di bellezza e dignità. Vorrei abbracciarlo. Lo avrà capito dal mio sguardo? Ecco, ha finito di mangiare, con calma e precisione raccoglie carta e bottiglietta, senza lasciare traccia. Che civiltà, che delicatezza!

Annoto durante uno spostamento: procurarsi dettafono.

Quadro 5. Galleria al Palazzo Ducale: ho respirato anime.
Non mettevo piede/ruota in una galleria privata da anni e subito è stata un’emozione forte, un dialogo con opere, colori, mani, materiali, menti, tecniche e soprattutto passioni. Almeno tre colori dominanti: il blu, il bianco contrapposto a nero della china, il rosso.
I colori ci parlano. Lasciamoci attraversare dalla luce. Anche in una piccola galleria a Genova. Il suo nome? Non poteva che essere uno: San Lorenzo.

Il viaggio continua. Sempre Vicky!

Annunci

22 luglio 2012 - Posted by | Anima, Esperienze, Mondo, Persone | , , , , , ,

18 commenti »

  1. Grazie Vicky per queste emozioni speciali che hai condiviso con noi. Questi tuoi viaggi narrati con tanta delicatezza e profondità d’animo sono una ver ricchezza. Sai cogliere le sfumature della vita e questa è una cosa molto preziosa. Grazie sempre

    Mi piace

    Commento di cristina | 22 luglio 2012 | Rispondi

    • A te e a tutti voi un abbraccio!

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 22 luglio 2012 | Rispondi

  2. Poesia.

    Mi piace

    Commento di Dario Gay | 22 luglio 2012 | Rispondi

    • Dario, tu sei un poeta.

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 23 luglio 2012 | Rispondi

  3. ..Passeggera e Conducente.. i tuoi appunti.. sono immaggini piene di sentimento..
    ..Grazie per la lucida descrizone…
    ..pronta per ripartire.. verso nuove emozioni!!!..;o)))

    Mi piace

    Commento di giorgio carratta | 23 luglio 2012 | Rispondi

    • Amico mio, un treno è sempre sul binario che mi aspetta. Ti abbraccio Giorgio!

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 23 luglio 2012 | Rispondi

  4. Grazie Vicky per avermi fatto questo bellissimo regalo!!!! Tutti i quadri da te descritti sono molto belli ma personalmente scelgo fra tutti il quadro 1 e il quadro 4. Sono di una sensibilità che esce dallo schermo per toccarti. Grazie, ciao, buona giornata!!!!

    Mi piace

    Commento di Gianpietro Valota | 23 luglio 2012 | Rispondi

    • Un giorno sfonderò questo mondo per abbracciarti. Ciao, Gianpietro!

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 23 luglio 2012 | Rispondi

  5. …grazie Vincenza. sempre intensa nella tua ‘scritura’.

    Mi piace

    Commento di Armando | 23 luglio 2012 | Rispondi

    • 🙂 grazie Armando

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 23 luglio 2012 | Rispondi

  6. Ciao,Vick,,

    appena mi hai postato il link,,prima di leggerlo,la mia mente si è fermata NON per un attimo ma per almeno un paio di MINUTI,il tempo necessario per RICORDARMI ,che in questo viaggio doveva esserci anche la mia PERSONA ad attenderti a Genova

    Questi pensieri mi sono passati davanti come il treno che tu hai preso ma a differenza di te,le mie immagini erano offuscate,confuse,i fotogrammi non erano nitidi,forse perchè sono i miei occhi che fanno fatica a vedere.

    Quello che hai descritto del tuo viaggio dividendolo in quadri sono la risposta alla tuo essere;TU non hai solo descritto quello che hai visto TU hai dipinto come solo può fare un artista quello che SEI

    In quei dipinti io potevo,essere la CORNICE,ma non sarebbe stata PERFETTA per i tuoi QUADRI!!!

    Un bacio
    Ti voglio un mondo di bene
    Mavi

    Mi piace

    Commento di maria vittoria | 23 luglio 2012 | Rispondi

    • Tesoro, ti ho risposto: tu non sei la cornice. Mavi, a presto, molto presto.

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 23 luglio 2012 | Rispondi

  7. A PAPA’ SAREBBE PIACIUTO FARE QUEL VIAGGETTO INSIEME!!!

    Mi piace

    Commento di emanuela | 24 luglio 2012 | Rispondi

    • Piccola, papà l’ha fatto con me!

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 24 luglio 2012 | Rispondi

  8. Nicola Andreassi ciao Vincenza, sei una persona speciale, fortunato ad averti conosciuta, un’anima di siffatta grandezza non è comune da trovare! Ho letto nel tuo blog, che emozione per me, leggere i sentimenti veri di una persona che mette tutta se stessa davanti a tutto e tutti, perchè se lo può permettere, perchè il suo cuore sono le sue mani, e col cuore distribuisce luci di vero Amore universale. Ti voglio bene, sei cara! ♥
    domenica alle 23.06 · Mi piace · 2

    Mi piace

    Commento di nicola48 | 24 luglio 2012 | Rispondi

    • Nicola, non idealizzarmi. Io sono solo una persona che fa quello che può, col cuore al posto delle mani.
      Sei caro!

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 24 luglio 2012 | Rispondi

  9. Vincenza R. è una donna che respira anime. E io so cosa sto scrivendo!

    Mi piace

    Commento di angelica | 24 luglio 2012 | Rispondi

    • Ange, io so che bella sei

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 24 luglio 2012 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

ROSLIE'S

"Quel che importa è non mancare la propria vita"

Mosul Eye

To Put Mosul on the Global Map

Calogero Mazza

In un mondo in cui tutti (ma proprio tutti) dicono la loro... io vorrei dire la mia.

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

HUMAN TRIBE

storie incredibili del genere umano

Empowered

Everyday

MaBeautility

Inner beauty and outer beauty!

Spongebob

E la bellezza d'esser bionda guidando una Aygo rossa.

Paroledipolvereblog

Ciò che per alcuni è strano, per altri è normalità (Tim Burton)

La libreria di Farfalla Legger@

gocce di libri letti e qualcosina in più...

MiddleMe

Becoming Unstuck

DUST IN THE WIND (poesía)

"El raquitico dios de la tierra sigue siendo de igual calaña y tan extravagante como el primer día. Un poco mejor viviera si no le hubieses dado esa vislumbre de luz celeste, a la que da el nombre de Razón y que no utiliza sino para ser más bestial que toda bestia" Goethe

Think Thoughts

Academic Essays: Literature | General Issues

Education Motivation Inspiration

Warm welcome! This is more than an exploration. Discovery of new ideas and new ways of being.

Life lessons

This site is all about enlightenment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: