Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Ritratto di un nonno Pasquale


Era davvero così, parlava poco eppure… sapessi quante stupide gelosie procuravano le nostre lunghe conversazioni sul balcone tra una sigaretta e l’altra. Un uomo sensibile, somigliava un po’ al mio papà naturale. Si stimavano. E io… pure.
L’ultimo ricordo di lui come due scene di un film. La mia vita. Quando lui ci è entrato e poi quando l’ha lasciata fisicamente.
Scena prima. 1983. Il mio matrimonio, per sempre, con tuo papà. Sto ballando proprio con l’amore mio quando lui, il nonno Pasquale, tutto rosso in viso per la felicità e l’emozione, mi chiede di ballare…
Scena seconda. 1999. Ospedale di San Donato, ennesima chemioterapia. Papà spinge la mia carrozzina fino alla sua stanza. Lo vedo disteso, dimagrito. Si gira verso di me e ci abbracciamo. Senza vergogna, come fossimo soli, mi dice: “Sei bellissima!”
Cosa hanno in comune le due scene?
I personaggi – oltre a noi due, sono più o meno gli stessi -, il colore dei miei vestiti – bianco in entrambe le occasioni – e poi… il suo e il mio sorriso, il primo tatuato nel mio cuore, il secondo affiorato ancora in questo momento sulle mie labbra.
Nessun rimpianto, piccola mia. Ci siamo donati a vicenda il massimo. Semplicemente, profondamente. Per sempre.
Ciao, papà!

Ombrellonevolante

Poche parole. Descrizione di un attimo. Un ‘emozione fortissima.

Quello che ti rimane poi,  è un ricordo dolcissimo e un nome buffo , che non avevo mai dovuto pronunciare , ma pur

sempre un nome da nonno il tuo, Pasquale, mentre tu mi hai sempre chiamato per nome, Emanuela.

La camicia era bianchissima e le carte da gioco ,asciutte per l’uso frequente, gli scivolavano dalle mani come fossero

petali di un fiore.  Eppure,di questa morbida normalità sento la mancanza, perché dei soldi non me ne farò nulla

quando non ci sarà , ripetevo da adolescente, adesso trattengo tra le mani la foto che porto dentro di me e mi convinco

di quanto avessi amaramente ragione.

Un nonno , il mio, che da sempre sapeva parlare al cuore delle persone in silenzio, le parole vere non erano il suo forte

e la comunicazione avveniva in modo paraverbale , con i gesti del viso, piuttosto che…

View original post 69 altre parole

Advertisements

3 aprile 2015 - Posted by | Uncategorized

2 commenti »

  1. Mia cara amica, il tuo essere così sensibile, appaino nei tuoi colori che ti riempiono il tuo cuore, facendo uscire il meglio di te, anche le parole parlano, suonano intonando le tue note dolcemente in uscita.
    Grazie di essere mia amica

    Commento di Pina | 4 aprile 2015 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sveva's Hacks

Be yourself, accept yourself, embrace life and never forget that there's no better you than the you that you are!

FRANZ

un navigatore cortese

Skyscapes for the Soul - Jeni Bate

"I paint the skies with peace and passion, because that's the way they paint me."

❀ Rоѕa ❀

♥ chiunque può simpatizzare con il dolore di un amico,ma solo un animo nobile riesce a simpatizzare con il suo successo ♥

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

Mona_Khaan

tha blogs is about styles beauty health true story's love poetry many more )): my blog my own thoughts) http://www.yourquote.in/mona-khaan-be8e/quotes/

Pietrobrilla's Blog

Just another WordPress.com site

La giraffa

tutto può accadere, l'importante è ricordare chi sei

Autobiografia del Blu di Prussia

“Tutti gli usi della parola a tutti. Non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo” (Gianni Rodari)

Marco Gasperini

poesie, racconti, frammenti esistenziali

majazze

Quello che dirò non è un segreto...

Storie di Ritratti

Inseguendo Itaca

quelcherestadellafesta

uno sguardo sui locali e sulle discoteche di Bologna e della Romagna

Frank Iodice

Education is the most powerful weapon which you can use to change the World (Nelson Mandela)

controlemafie

"Questo è il Paese felice in cui, se ti si pone una bomba sotto casa, e la bomba per fortuna non esplode, la colpa è tua che non l'hai fatta esplodere" (Giovanni Falcone)

Caroline Criado-Perez

A Pox on the Patriarchy

Mezquita de Mujeres

Activismo, Conocimiento y Espiritualidad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: