Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Siamo colpevoli


2017-05-30 12-53-49.395

 

In questo periodo, bombardata attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione (televisione, social network, giornali, siti Internet eccetera), mi sento soffocare da un certo senso di inadeguatezza, di insufficienza, di occasioni mancate.

Sono prevalentemente circondata da notizie di morte.

Metto una mano sugli occhi, come se la mettessi idealmente sul cuore per non restare troppo ferita, ma questo non mi solleva per nulla…

Siamo (tutti) colpevoli eppure impuniti. Non esiste un reato di indifferenza perseguibile nè penalmente nè civilmente. Esistono solo due realtà: la consapevolezza e la cecità. Entrambe sono sia sociali che personali. Riguardano stati e periodi della vita differenti.

Oggi mi fermo in particolare a riflettere su tanti casi di suicidio che si verificano intorno a noi. Mai il mondo è stato così piccolo…

Non intendo esprimere giudizi né fornire ricette per affrontare questo fenomeno sempre più in diffusione, soprattutto fra i giovani e gli anziani. Vorrei soltanto lasciar emergere lo stato d’animo confuso e molto triste, a causa di un senso schiacciante di impotenza.

Detto così sembrerebbe non esserci alcuna via d’uscita, alcuna soluzione, alcun sollievo a questa “malattia dell’infelicità“. Ogni volta che vengo a conoscenza attraverso i media di vite stroncate da “voli” fisici del corpo o “chimici” della mente, mi viene da chiedermi: “Dove abbiamo sbagliato? Quando non ci siamo stati? Dov’è andata a finire la compassione e l’attenzione?” E molte altre ancora.

Esercito la memoria. Mi ricordo quella volta in cui avevo mal di schiena e non ho avuto la pazienza di ascoltare chi stava dall’altra parte del telefono oppure, peggio, non ho risposto. O magari dell’altra occasione in cui ho visto piangere qualcuno e, per paura di rischiare e intromettermi, ho dimenticato cosa sia la consolazione e il conforto anche da parte di una sconosciuta…

O ancora, in modo molto superficiale e anche cattivo, non ho detto un “Sei stata bravo!” o anche “Conta pure su di me!” a chi con un linguaggio non verbale mi chiedeva una mano…

Mi vergogno della mia mancanza di prossimità, di sensibilità, di occasioni d’amore mancate.

Esiste un momento nella vita di ognuno in cui la consapevolezza deve servire pur a qualcosa e prevedere un cambio di direzione. Il senso della mia sta cambiando.

In passato, ad esempio, mi rifiutavo di assumere medicine per il dolore; questo mi impediva di avere spazi nella giornata da usare per attività sociali o semplicemente per avere del tempo da dedicare a qualcuno, fosse anche solo al telefono o per strada durante una passeggiata. Mi sbagliavo. Così ho cominciato a prendere qualcosa con regolarità, guadagnandoci soprattutto nell’umore e nella disponibilità d’animo e poi nella volontà di perseguire un obiettivo.

In secondo luogo sto cercando di smettere di lamentarmi con chiunque dei miei guai, provando a regalare l’ascolto di cui una volta ero capace e che col tempo e con dolore interiore oltre quello fisico stavo perdendo quasi senza accorgermene. Non aspetto più la telefonata per l’uscita con qualcuno, nel senso che ho ridotto di molto le mie aspettative sulle persone aumentando piuttosto il “movimento del dare”. Quando ci riesco sono felice.

Ognuno dà quello che può, in ogni senso. Questo ho imparato, questo sto cercando di vivere. Questo è il solo “capitale umano” degno di essere investito, soprattutto riguardo la vita preziosa nostra e altrui.

Non si può aspettare ancora, la gente muore di infelicità e di solitudine fuori da qui!

Siamo tutti in cerca del “tu” diverso e speciale. Sempre Vicky.

 

 

 

 

Annunci

2 giugno 2017 - Posted by | Esperienze, Idee, Mondo, News, Persone, Sentimenti, Storia | , , , , , , , , , , , , , , , ,

31 commenti »

  1. Nel comandamento evangelico ” ama il tuo prossimo come te stesso” la parte più difficile è la seconda: solo accertandosi prima e provando per se stessi un abbozzo d’amore è possibile poi dare qualcosa agli altri. Forse la felicità, quella vera e rara da vivete, è un mezzo per dirigere le proprie vite verso un fine superiore…

    Piace a 1 persona

    Commento di opinioniweb - Roberto Nicolini | 2 giugno 2017 | Rispondi

    • Sì, sono d’accordo, ma non dimentico due cose: la prima parte del comandamento e gli insegnamenti dei Santi, come S. Francesco e una schiera di alti noti e sconosciuti.

      Piace a 1 persona

      Commento di vincenza63 | 2 giugno 2017 | Rispondi

    • Oltre al fatto che esiste anche un’umanità non credente da amare senza fare distinzione alcuna. So bene che è difficile, un viaggio che dura per tutta la vita.
      Ciao Roberto,
      buona Pentecoste!

      Piace a 1 persona

      Commento di vincenza63 | 2 giugno 2017 | Rispondi

  2. Se ci impegniamo a fare ad altri, ciò poaverebbe fosse fatto a noi, forse, le persone amerebbero maggiormente la vita….

    Piace a 1 persona

    Commento di Emozioni | 2 giugno 2017 | Rispondi

  3. Bellissime riflessioni. Anche io credo che non dobbiamo sempre aspettarci qualcosa o qualcuno, ma dare noi ciò che possiamo. Attenzione, sottolineo ciò che possiamo perché a volte occorre anche dosare la disponibilità per non essere sommersi da richieste, per non rischiare poi di stare male e di non essere in grado di dedicarsi anche ad altro e ad altri, Ho scritto qualcosa su questo e lo pubblicherò a breve. Proprio ieri parlavo con la mia piccola sui suicidi dei ragazzi, la cronaca ne sta parlando in questi giorni a proposito di quel “gioco”. Dobbiamo passare ai nostri ragazzi che la vita è fatta anche di grandi difficoltà che a volte appaiono insormontabili, ma abbiamo il dovere verso la vita stessa che ci è stata donata e verso chi ci ama, di lottare per essa, è quasi un dovere. Lo trovo un dovere anche nei confronti di chi affronta ogni giorno grandi sofferenze e dobbiamo imparare a dare il giusto peso a tutto, anche ai nostri problemi

    Piace a 2 people

    Commento di Menti Vagabonde | 3 giugno 2017 | Rispondi

    • Grazie del tuo commento intelligente, obiettivo e vibrante.
      Ti stimo,
      Vicky

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 3 giugno 2017 | Rispondi

  4. Voglio solo mandarti anche se virtualmente un abbraccio, sento che scrivere questo e idealmente mandarlo a te sia giusto. Ciao Vincenza.

    Piace a 1 persona

    Commento di rossasciamana | 3 giugno 2017 | Rispondi

  5. Ciao Vicky!
    Riflessioni profonde…bisogna che partiamo da noi stessi per essere proprio ciò che vorremmo il mondo fosse.
    Indossando un bel sorriso, che è sempre elegante.
    L’ascolto è fondamentale, secondo me, in questo percorso…
    Un bacio grande Vicky!

    Piace a 1 persona

    Commento di titti onweb | 3 giugno 2017 | Rispondi

    • Titti, è un impegno per la vita. E tu di impegno te ne intendi…
      Ciao!

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 3 giugno 2017 | Rispondi

  6. Post bellissimo, complesso, che scava l’anima.
    Siamo la società dell’introspezione mascherata da ilarità, siamo la società della globalizazzione mascherata da una profonda solitudine, siamo la società del sorriso mascherata da profonda infelicità.
    Se cedessimo un po’ di noi agli altri e cedessimo un po’ del materialismo che abbiamo, avremmo braccia aperte per accoglierci e accogliere.

    Piace a 1 persona

    Commento di fulvialuna1 | 3 giugno 2017 | Rispondi

  7. ‘ascoltare’… ogni volta ricordarsi l’ascolto dell’altro… già…
    Notte e bei sogni, Vicky

    Mi piace

    Commento di erospea | 3 giugno 2017 | Rispondi

  8. Mi piacciono le tue riflessioni, m’iscrivo…un abbraccio, Giusy

    Mi piace

    Commento di Giusy Lorenzini | 4 giugno 2017 | Rispondi

  9. Cara Vincenza,nella mia lunga vita,per gli altri ci sono sempre stata,ho dato tanto a tanti di tutto,sempre con affetto..fatica.. sudore…soldi.. comprensione…tempo
    Quante persone ho ascoltato,aiutato ad alzare. ..ho perso il conto.
    Tante si sono rivolte contro quando non avevo più niente da dare…quando di bisogno ne avevo io per i miei figli.
    Il troppo stroppia, l’animo umano a due facce nascoste,quando uno sta bene lo vuole vedere elemosinare un giorno hai suoi piedi per sentirsi sempre superiore a te.
    Il male nell’animo umano esiste si tiene a bada finché non viene fuori per prevalere…al di la di ogni cosa che fai,lo sperimentato sulla mia pelle,anche il bene bisogna saperlo dosare per non creare ingordigia è gelosia.
    Il male non si sazia mai.
    Adesso sono solo stanca e avvilita…troppi pretendono senza mai dare…se non la loro parte peggiore…per prevalere nel momento opportuno
    Pochi danno troppo…il più prende prende prende.
    Bisogna dare regole forti precise altrimenti il mondo…esplode.
    Un abbraccio cara Vincenza♥

    Piace a 1 persona

    Commento di caterina rotondi | 4 giugno 2017 | Rispondi

    • Che bella testimonianza, grazie!
      Io ho provato a fare lo stesso, senza falsa umiltà e nel mio piccolo ho avuto e ho la tua stessa esperienza, poi non so perchè mi si ritorce tutto o quasi contro.
      Qualcuno ride anche di me…
      Nonostante abbia imparato che il male esiste mantengo la speranza in Dio, l’unico punto fermo della mia vita.
      Regole forti, hai ragione. Bisogna un minimo preservare la salute, la mia è fin troppo minata… uso quella che ho, non riesco a vivere in un altro modo.
      Un abbraccio a te, Caterina ❤

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 4 giugno 2017 | Rispondi

  10. Sono certa che ci siano sempre troppe parole, belle parole ma pochi fatti, sempre meno aiuti a chi veramente ha bisogno. Si deve essere felici per quello che si ha e non per quello che si vorrebbe avere e non si ha. Quando si ha in più, dobbiamo darlo a chi non ha niente.

    Mi piace

    Commento di unaromagnolaincucina | 10 giugno 2017 | Rispondi

  11. La felicità é aiutare, non smettere mai

    Mi piace

    Commento di unaromagnolaincucina | 10 giugno 2017 | Rispondi

    • Cinzia, sono nata così e, pur con tutti i miei limiti e difetti, voglio crescere e continuare.
      Un abbraccio!

      Piace a 1 persona

      Commento di vincenza63 | 14 giugno 2017 | Rispondi

  12. UNA SOLA VITA

    di Fausto Corsetti

    Nelle notti gelide e nelle giornate avare di luce della stagione fredda la natura non fa venir meno il profumo delicato e il colore tenue di alcuni fiori capaci di resistere al gelo. Nemmeno l’inverno più intenso è del tutto privo di piccoli segnali da cui affiora la forza irresistibile della vita.
    E persino il passo affrettato di chi tenta di sottrarsi alla morsa del gelo può essere rallentato, catturato da sapori e da odori che ricordano la primordiale vocazione alla vita.
    Non vi è stagione, non vi è tempo, non vi è realtà esistenziale che non rechi con sé un richiamo deciso a riaffrontare la sfida della vita. Anche quando tutto sembra azzerato o travolto da eventi in apparenza incontrollabili e devastanti.
    E di più… Tale richiamo reca con sé un insopprimibile bisogno e determinazione ad affrontare la sfida non in qualche modo, ma con piena consapevolezza. O l’esistenza è un’attiva consuetudine a riconoscersi e a dare il nome giusto a persone e cose o vita non è.
    La qualità di un’esistenza non può essere determinata dalla quantità di eventi vissuti o dal numero di risultati di successo ottenuti, ma dalla capacità di perseguire obiettivi e di interpretare valori, di condividere ideali in modo consapevole e responsabile. Dichiararsi soggiogati da circuiti esistenziali ingovernabili altro non è che ammettere la propria incapacità di coltivare e perseguire idealità capaci di incidere concretamente sul quotidiano. Parole e dichiarazioni d’intenti non bastano.
    Forse è troppo difficile da riconoscere: ma se tutto confligge con le aspettative che si vorrebbero perseguire, se tutto ciò che è esterno sembra avere una forza superiore a ciò che è interno, probabilmente il profumo che viene da dentro e il fiore che germoglia nell’intimità non sono ancora sufficientemente radicati.
    Forse, con altre parole, non si è ancora in grado di dare un nome a ciò che si prova dentro e a ciò che potrebbe davvero riempire di senso il tempo e la vita.
    Solo nella libertà, quella interiore, solo nella verità di sé, è possibile che i pensieri del primo mattino e quelli della notte più profonda trovino parole giuste per diventare nomi, storia, vita. Solo da dentro viene la forza capace di alimentare, motivare e sostenere ogni cammino. Altrimenti, tutto resta fatica e insuccesso.
    La vita non ha altro nome che quello che si è in grado di darle. Ciò che nome ancora non ha, assomiglia alla notte, alla non conoscenza, alla non consapevolezza e, perfino, alla non libertà.
    Quando non si riesce più a vedere che il sole del primo mattino ha un colore diverso da quello di mezzogiorno, o a cogliere già al crepuscolo la prima falce di luna che si alza a custode dei segreti della notte, forse, vuol dire che si è smarrito il senso delle cose e del loro accadere. Quando non c’è più il tempo per una sosta silenziosa, forse il fare ha avuto il sopravvento sull’essere, l’apparenza sulla sostanza, l’aspettativa sulla libertà. Vivere non è la stessa cosa che sopravvivere.
    Per cambiare non basta aspettare che passi il tempo, che scompaia l’inverno, che le difficoltà siano spazzate via dal tempo. Servono desideri quotidiani fedeli, scelti, confermati e attuati attraverso spazi ricercati, coltivati e alimentati da una fedeltà fatta di determinazioni concrete, costanti, coerenti.
    Può sembrare assurdo: ma la vita di ogni giorno, che spesso sentiamo fredda, arida, insignificante, diversa dai nostri desideri, può diventare sul serio il luogo privilegiato dove s’impara a star bene con se stessi, con gli altri, con il mondo che ci ospita, dove si può arrivare davvero ad assaporare in pienezza quel profumo capace di rendere più umano lo stesso esistere e di far assaporare quella dimensione interiore che, unica, appaga ogni intimo desiderio.

    Mi piace

    Commento di fausto | 12 giugno 2017 | Rispondi

    • Grazie per il tuo prezioso contributo.
      Io ce la metto tutta. Non è facile, siamo sempre in crescita, Fausto…
      A presto!

      Mi piace

      Commento di vincenza63 | 14 giugno 2017 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Read Treat

Welcome to my cozy nook where we dwell in fantasies and cast the magic spells of positivity.

Youth. Rise up!

Vivi e lascia vivere è un modo gentile per dirvi di non rompere i coglioni.

SIGNORASINASCE by Stefania Diedolo

Si finisce sempre per dare il bacio della buonanotte alla persona sbagliata. Arthur Bloch

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Marco Cariati Blog

Raccolta differenziata di quotidianità umane

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

mydaphne

this my world, this mydaphne

Giusy Carofiglio

And as imagination bodies forth The forms of things unknown, the poet’s pen Turns them to shapes and gives to airy nothing A local habitation and a name. – William Shakespeare

Primo non sprecare

Una genovese in cucina: piatti liguri, altri inediti, oppure i classici in versione sprint. Per il massimo risultato con il minimo sforzo.

TwinMirrors

Look into our mirrors...You will see the most amazing things...

AMERICA ON COFFEE

Americans' daily coffee ritual.....A communal enjoin!

ZEN'S FAMILY BLOG

Hey My Family. This is Justin Zen and I am here to share my thought's and experience. I am on a journey to help everyone and bring out everyones potential and talent through my blog.

Al Ghurabaa Magazine per la Donna Musulmana

Storie quotidiane di donne e mamme musulmane

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

La Mia Visione Della Vita

La nostra realtà è un caleidoscopico ed ignoto viaggio onirico

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: