Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Esselunga? Adesso basta!


download  download (1)

 

Amici miei,

A tutto c’è un limite. Quello di sopportare Esselunga è colmo.

Ma racconto per ordine, fotogramma per fotogramma. Cerco di restare calma.

Qualche giorno fa sono andata in Esselunga a fare la spesa. È mia abitudine prima fermarmi al bar a bere latte caldo, rigorosamente senza lattosio, perché sono intollerante da anni. Il bar Atlantic fortunatamente ce l’ha sempre.

Devo fare una premessa, però: il personale di Esselunga sorride poco o nulla. È mia convinzione che se si lavora a contatto con i clienti il sorriso non sia un optional, ma piuttosto un must. Chi arriva al supermercato non c’entra nulla con gli eventuali guai personali dei lavoratori. Anche i clienti hanno i propri problemi.

Ciò detto, mi avvicino alla cassa del bar per ordinare il mio solito latte con un po’ di cacao e dolcificante. Altrove tutto il personale, su mia richiesta, di solito non fa nessuna storia per portare al tavolo la mia ordinazione. Non è la prima volta però che nel supermercato di Rozzano (Milano) numerosi addetti alla vendita mi trattino con sufficienza, facendo finta di non vedermi o addirittura ignorandomi. Questo è il giorno sbagliato!

Faccio notare la cosa a una collega che sembra più sorridente, infatti questa mi serve subito, scusandosi per il comportamento dei colleghi. Non c’è cosa più sbagliata, a parer mio avrebbero dovuto scusarsi loro con me.

Mi sento profondamente umiliata, mentre bevo il mio latte appena tiepido. Quando mi succedono queste cose, al momento non riesco a reagire. Sono fatta così. Così come per la gioia anche per la rabbia devo lasciar decantare le cose che accadono. Oggi però sembra non esserci tregua per me.

Altra premessa. Forse qualcuno di voi non sa che ho problemi a usare le mani e le braccia, quindi non posso servirmi da sola in un supermercato. Esselunga è praticamente l’unico brand che non mi mette a disposizione neppure per un quarto d’ora una persona che mi dia una mano a prendere le cose dagli scaffali. Penso a quanti come me e a tanti anziani in difficoltà ai quali verrebbe data l’opportunità di essere indipendenti nel fare la spesa e di godere della gioia anche di queste piccole cose.

Non sono ancora così avanti nella loro politica aziendale.

Mio grande sconforto è sentire una cassiera dire: “La signora dovrebbe farsi accompagnare da qualcuno visto che lo Stato le passa l’accompagnamento“. Nessuno replica. Io ne ho cancellato anche il viso dalla memoria.

I miei complimenti a questa persona per la sua statura culturale. Non voglio nemmeno pensare a qualcosa di simile all’intelligenza e alla gentilezza, perché probabilmente non sono contenute nella lista dei requisiti per i dipendenti Esselunga.

Capita così che in quelle poche volte in cui faccio la spesa in questo supermercato io debba avvalermi prevalentemente dell’aiuto di altri clienti come me, che su mia richiesta mi aiutano a mettere gli articoli in un grande sacchetto che pongo dietro la mia carrozzina elettronica. L’unica motivazione che mi spinge ancora a frequentare questo esercizio è la consegna a domicilio, per me molto comoda visto che mi sposto con i mezzi pubblici e non posso portare con me una quantità superiore di articoli.

Amici miei, voler avere una vita indipendente costa un alto prezzo.

A questo disagio aggiungo quello di alcune cassiere che si scusano apertamente con gli altri clienti in coda se io esercito il mio diritto di precedenza alla cassa dedicata alla spesa a domicilio. Incrocio di sguardi con gli altri clienti molto eloquente: si chiedono il perché di quelle scuse e mi invitano a passare senza problemi.

Arrossisco e sento un gran calore al viso.

Improvvisamente mentre scrivo questo post mi torna in mente qualcosa di molto forte e doloroso che ho vissuto col mio orgoglioso e forte Lorenzo, l’amore mio perso tanti anni fa. È un’immagine che mi colpisce come una spada al cuore. Io ancora non usavo la carrozzina elettronica, quindi mio marito doveva spingere la mia carrozzina ovunque andassimo, anche a fare la spesa. Nonostante i limiti continuavamo a fare le commissioni per quanto possibile insieme, e fare la spesa con lui era piacevole nonostante fossimo soli. Sapete come la facevamo? Lorenzo mi accompagnava al supermercato Unes di Basiglio (Milano), il quartiere in cui abitavamo, poi riusciva a prendere il carrello e lo posizionava all’interno del supermercato. Insieme andavamo in giro a prendere gli articoli che volevamo e poi tornavamo a metterli nel carrello. Al momento di andare alla cassa mi spingeva oltre per poter imbustare la spesa. Quindi mi riportava in macchina e poi tornava a prendere la spesa e a riportare a posto il carrello.

In tutto questo nessuno si è degnato di aiutarlo almeno a portare la spesa lasciata incustodita. Amore mio, quante ne abbiamo dovute sopportare insieme… qualcosa di salato mi fa bruciare gli occhi.

Un’ultima cosa, per non annoiarvi troppo. Mi accorgo di un errore nel mio scontrino, un articolo battuto due volte. La cassiera chiama la responsabile per lo storno. Eccola, arriva. Ora capisco…

È ancora attuale il proverbio: “Il pesce puzza dalla testa”.

Da Esselunga non esistono due espressioni: “Prego” e “Mi scusi”.

A presto, sempre Vicky!

P.s.: dalla concorrenza mi è capitato solo due volte che mi fosse rifiutato l’aiuto, perché effettivamente c’era poco personale in quel momento. Per il resto… conosco i nomi delle persone che mi aiutano. Una cosa lodevole per Eurospin!

 

 

23 maggio 2019 - Posted by | Diritti umani, Esperienze, Mondo, Persone, vita indipendente | , , , , , , , , , , ,

36 commenti »

  1. Dovresti scrivere all’ufficio preposto alla clientela, le ingiustizie e la maleducazione devono essere sempre evidenziati. Sono indignata! Che persone grette e meschine

    Piace a 2 people

    Commento di Menti Vagabonde | 23 maggio 2019 | Rispondi

    • Ciao! Se cerchi nel blog troverai altro su Esselunga. Mi hanno contattata loro. Purtroppo vedo che nulla o quasi negli standard cambia.
      Quindi meglio il blog e voi amici che potete diffondere. È l’arma migliore.
      Ciao 😊😊😊

      "Mi piace"

      Commento di vincenza63 | 23 maggio 2019 | Rispondi

  2. Ma non si vergognano?
    Da questo punto di vista i piccoli negozi di una volta in quanti ad umanità li battono 1O a zero

    Un forte abbraccio Vicky
    E scrivi anche per chi non ha voce…

    Piace a 1 persona

    Commento di tramedipensieri | 23 maggio 2019 | Rispondi

  3. Cara Vicky, resto esterrefatto. Il tuo racconto è fuori da ogni logica. Certo, si possono incontrare persone ignoranti, ma è la concentrazione di simili esseri che mi stupisce. Mi viene subito da dire di non andarci più. Ma non conoscendo se nelle tue vicinanze ci siano altri market non posso certo suggerirti di cambiare negozio. Sono dei cafoni

    Piace a 1 persona

    Commento di Falupe | 23 maggio 2019 | Rispondi

    • Ciao Falupe.
      Io abitualmente faccio la spesa da Eurospin che è nelle vicinanze. Purtroppo non fanno consegne a domicilio. Ecco perché a volte vado da Esselunga. Vergognarsi? Dovrebbero.
      Un abbraccio
      Vicky

      Piace a 1 persona

      Commento di vincenza63 | 23 maggio 2019 | Rispondi

  4. che brutte persone

    Piace a 1 persona

    Commento di ilmestieredileggereblog | 23 maggio 2019 | Rispondi

  5. Vergognoso!
    Per Eurospin ti dico che il personale è davvero ok, sono molto gentili.
    Non farti sangue amaro amica mia, queste persone andrebbero redarguite o sostituite proprio dall’azienda stessa.
    Ti abbraccio.

    Piace a 1 persona

    Commento di fulvialuna1 | 23 maggio 2019 | Rispondi

  6. 💖

    Piace a 1 persona

    Commento di caterina rotondi | 23 maggio 2019 | Rispondi

  7. Ciao carissima 💖

    Piace a 1 persona

    Commento di caterina rotondi | 23 maggio 2019 | Rispondi

  8. Credimi…la cattiveria delle persone non riesco a concepirla,poveri loro.

    Piace a 1 persona

    Commento di caterina rotondi | 23 maggio 2019 | Rispondi

  9. Quanta cattiveria…Ormai non giustifico più. Questa non è ignoranza, è soltanto cattiveria e povertà di spirito. Un abbraccio. ❤

    Piace a 1 persona

    Commento di EmoticonBlu | 23 maggio 2019 | Rispondi

  10. capisco la tua stizza ma quando si è contatto coi clienti il personale deve essere gentile e qui non mi pare proprio.
    Serena serata
    Un abbraccio
    Gian Paolo

    Piace a 1 persona

    Commento di newwhitebear | 25 maggio 2019 | Rispondi

  11. Ammiro la tua forza di reazione e leggere di tuo marito mi ha commossa ❤️🙏

    Piace a 1 persona

    Commento di cuoreruotante | 26 maggio 2019 | Rispondi

  12. Grazie per aver condiviso la tua esperienza, emerge una grandissima forza dalle tua storia. Grazie davvero. Un abbraccio Nunzia

    Piace a 1 persona

    Commento di nunzia di russo | 30 maggio 2019 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

fabianaebasta.

Diario di una lettrice di anime

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Curvy Pride Blog

❤ Promuoviamo la pluralità della bellezza e dell'essere! Contro bullismo, stereotipi e discriminazioni ❤

Loverlook

L'amore sfuggito.

Heart to Follow

Sometimes Being Different Is Just More Fun

Enza Graziano - Leggi e Viaggia

Per avere sempre a portata di mano una storia da da leggere

Bluemooncaffee

Dif-tor heh smusma

Licurici's blog

vita,pensieri, parole, frasi, musica, passioni, viaggi, foto,

Vieni, vieni chiunque tu sia, sognatore, devoto, vagabondo, poco importa. Vieni ...

AMA L'IMPERFETTO TUO PROSSIMO CON L'IMPERFETTO TUO CUORE.

veditu

collettivo di ricerca sul contemporaneo

Agapē Words of Hope Ministry

Words to Encourage, Inspire & Empower

ShiraDest: toward The Four Freedoms for All Human Beings

Media, Art, Literature and Policy work together for Community Cooperation to improve #PublicDomainInfrastructure Policy (Transit, Libraries, Financial Legal Education & Health)

La Cucina in tutti i Sensi

La cucina in tutta la sua sensualità, raccontata da immagini di ricette quando possibile passo a passo. Ogni esperienza raccontata in queste pagine è il frutto di un approccio particolare di una persona con disabilità visiva.

A_V_E_M

Live Life Of Your Choice.....

Prosas e Café

Deguste primazia

Perkins Designs

Perkins Designs

FreedArte

Art as we see it.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: