Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Schegge di Luce

Mentre aspetto il pullman due tortore amoreggiano sotto il mio sguardo…

E io mi sento parte del loro mondo.

L’universo ha una Luce di armonia in più.

In pieno giorno.

Sempre semplicemente Vicky!

Annunci

30 agosto 2018 Posted by | Anima, Dialogo, Esperienze, Mondo, Sentimenti, Vita nuova | , , , , | 18 commenti

Le mie prime parole

 

Dopo quasi 23 anni stasera ho ricominciato a scrivere. Piango mentre lo faccio. 

E anche ora al buio su questa tastiera.

Amo la solitudine dei miracoli della vita invisibile.

Leggo la meraviglia che è appena accaduta e vivo un primo momento di estasi interiore assoluta da sola. In silenzio.

Poi…poi devo dirlo a qualcuno! Scoppio! Chiamo mia figlia e le dico emozionata che ho una bella notizia da darle. “Brava mamma, non mollare!” è la sua felice reazione.

Avrei voluto vederla, la mia piccola…

Amore mio, lo sai che io voloDio mio, dammi la forza di continuare a usare il poco ed enorme dono che ho scoperto per continuare a sognare…

Mi vedo piccola tra piccoli che imparano a copiare le mie orribili eppur meravigliose stanghette. 

Un gran sorriso arriva dal cuore… Riesci a vederlo? Arriva a te che mi stai leggendo ora?

Due giganti mi fanno compagnia stanotte. Dedico questi brani alle persone che mi amano, mi sostengono, si emozionano con me: mia figlia Maria Emanuela, mia mamma – che non c’è più solo fisicamente al mio fianco – e mio marito Lorenzo – che continua a volermi bene anche dalla Vita vera.

Mamma, mi vedi? Ti sento dirmi piena di meraviglia il tuo “Pensa te!” al quale segue tanta commozione. Reggimi la mano, mamma, ancora!

Un abbraccio a tutti! Se questo foglio bianco fosse di carta sarebbe rigato dalle mie lacrime di GIOIA.

Sempre con piccoli grandi sogni, sempre Vicky!

 

 

25 agosto 2018 Posted by | Anima, Corpo, Dio, Esperienze, Sentimenti, Viaggi, vita indipendente | , , , , , , , , , , | 43 commenti

Oggi ho alzato le vele

Rivedere il mattino. Non da un letto ma per strada.

Incontrare persone e non solo gente.

Sentire la gioia delle preghiere di ogni giorno.

Avere sogni…

Piccole cose.

Una visita agli anziani a Milano.

Antonio mi ha pesato oggi…un chilo in più! È gentile, Antonio.

Oggi sto sorridendo. Mi viene dal cuore. È contagioso.

Un pranzo alla mensa dipendenti e ospiti tocca il mio profondo. Ramona pranza con me.

Con semplicità. Con gentilezza. Ho seminato empatia e oggi mi sento ricca. Dio è grande!

Sento l’amore della mia vita. Vorrei accorciare le distanze. E non parlo di quelle fisiche. Le scrivo messaggi affamati di cuore. Cipi”, è meraviglioso averti.

Ed esserci anche per te.

Sono al cinema. Mi godo da sola in sala una commedia divertente.

Nell’attesa bevo un cappuccino. Prendo un muffin al cioccolato per la mia piccola. E un piccolo regalo per il suo amore.

Oggi i cambiamenti nella mia vita sembrano donarmi enorme serenità.

Mi sento pura. Rinata.

Vado incontro alla serata con le vele spiegate.

Mi sto gustando l’attesa.

Sulla strada verso casa. Sempre Vicky!

23 luglio 2018 Posted by | amore, Anima, Cinema, Dio, Esperienze, Musica, Persone, Sentimenti, Viaggi, vita indipendente, Vita nuova | , , , , , , , , , , | 39 commenti

La compagnia

IMG-20180125-Tequila e io

 

Ma che bella compagnia
l’ho scoperta di recente
loro chiedono poco o niente
semplicemente ci sono

Io non sapevo
di voler loro bene
finchè ho sentito 
il battito di un cuore
e un calore che 
non era il mio

Mi fanno visita
senza doverli pregare
in ognuno di loro 
c’è tanta bellezza

Il Creato mi insegna
ad amare il Creatore
anche attraverso queste creature
degne di affetto
e spesso esempi di fedeltà e cura

 

Piccole gioie. Grazie! Sempre Vicky!

Il mio brano in questo momento

 

11 giugno 2018 Posted by | amore, Anima, Esperienze, Musica, Persone, Sentimenti | , , , , , | 35 commenti

Recensione di ” Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà” di Luis Sepúlveda

Amici miei, il blog di Ettore Marini è una miniera di stimoli d emozioni.

Leggendo questa recensione ho profondamente desiderato di tornare bambina per avere stupore e ingenuità oltre alla purezza necessaria per accogliere prima ancora di capire.

Buona lettura! Sempre Vicky 🙂

"Strane cose", il blog di Ettore

E’ di certo un piccolo capolavoro, uno dei più affascinanti dello scrittore cileno, che in questa breve storia di 90 pagine comprese quelle di disegni, adotta due strumenti stilistici di non poco conto, e cioè:

1)usa la prima persona mettendosi, però, nei “panni” di un cane, che è il protagonista assoluto del racconto; infatti l’incipit suona così:

“Il branco di uomini ha paura. Lo so perché sono un cane e fiuto l’odore acido della paura.”

2)usa spesso termini in lingua mapuche,  popolo vissuto nel Sud del Cile, in una regione chiamata Auracanía o Wallmapu, termine composto dall’unione di due parole – maputerra, e che, gente – la cui traduzione corretta è Gente della Terra; l’incipit, infatti, prosegue così:

“La paura ha sempre lo stesso odore e non importa se la prova un uomo spaventato dal buio della notte o se la prova waren, il…

View original post 358 altre parole

26 maggio 2018 Posted by | Anima, Dialogo, Esperienze, Mondo, Persone, Sapienza, Sentimenti | , , , , , , , | 13 commenti

La mia mamma, mamma Ape

La mia Amica Alemarcotti.wordpress.com pubblica questo post dedicato alla sua mamma guerriera.

Lo rubo e lo faccio mio regalandolo alla mamma coraggio che mi ha donato la vita e che mi ha fisicamente lasciato quasi tre anni fa.

Mamma, ti amo tanto, nulla si è interrotto ❤

La tua “Cenza” sempre!

alemarcotti

Festa delle mamme. Anche per mamma di Ape, la mia mamma. Ho preso tanto da lei, prendendo la vita ridendo del bello ma anche del brutto. La prima volta che mi destabilizzó me la ricordo bene. Avevo chiamato a casa, da una cabina telefonica , per dirle che tardavo. Mi disse… Ale ho fatto la visita, alla fine ho un tumore. Ah…. che cosa avrei potuto rispondere d’altro? Quando vai a scuola mica credi possa succedere davvero una cosa così, tanto più grande di te. Fui io a tagliarle i capelli dopo averla accompagnata a prendere la parruccona. Un momento tragico dove senti che il cuore piange mentre porgi un sorriso. Poi mi è uscito Caspita sembri Paperoga coi tre peli sotto al cappello. Abbiamo riso come due matte. Poi c’è stata una seconda e una terza volta. Abbiamo sempre trovato qualcosa da ridere nella tragicità degli eventi. La terza…

View original post 82 altre parole

17 maggio 2018 Posted by | amore, Anima, Dialogo, Persone, Sentimenti | , , , , , | 11 commenti

Vorrei

dsc_0624

Marocco

 

Vorrei
(F. Guccini)

 

Vorrei conoscer l’odore del tuo paese, 
camminare in casa nel tuo giardino, 
respirare nell’aria sale e maggese, 
gli aromi della tua salvia e del rosmarino. 
Vorrei che tutti gli anziani mi salutassero 
parlando con me del tempo e dei giorni andati, 
vorrei che gli amici tuoi tutti mi parlassero, 
come se amici fossimo sempre stati. 
Vorrei incontrare le pietre, le strade, gli usci 
e i ciuffi di parietaria attaccati ai muri, 
le strisce delle lumache nei loro gusci, 
capire tutti gli sguardi dietro agli scuri 

e lo vorrei 
perchè non sono quando non ci sei 
e resto solo coi pensieri miei ed io… 

Vorrei con te da solo sempre viaggiare, 
scoprire quello che intorno c’è da scoprire 
per raccontarti e poi farmi raccontare 
il senso d’un rabbuiarsi e del tuo gioire; 
vorrei tornare nei posti dove son stato, 
spiegarti di quanto tutto sia poi diverso 
e per farmi da te spiegare cos’è cambiato 
e quale sapore nuovo abbia l’ universo. 
Vedere di nuovo Istanbul o Barcellona 
o il mare di una remota spiaggia cubana 
o un greppe dell’Appennino dove risuona 
fra gli alberi un’usata e semplice tramontana

e lo vorrei 
perchè non sono quando non ci sei 
e resto solo coi pensieri miei ed io… 

Vorrei restare per sempre in un posto solo 
per ascoltare il suono del tuo parlare 
e guardare stupito il lancio, la grazia, il volo 
impliciti dentro al semplice tuo camminare 
e restare in silenzio al suono della tua voce 
o parlare, parlare, parlare, parlarmi addosso 
dimenticando il tempo troppo veloce 
o nascondere in due sciocchezze che son commosso. 
Vorrei cantare il canto delle tue mani, 
giocare con te un eterno gioco proibito 
che l’oggi restasse oggi senza domani 
o domani potesse tendere all’infinito

e lo vorrei 
perchè non sono quando non ci sei 
e resto solo coi pensieri miei ed io…

 

Una poesia che canta l’amore… Sempre Vicky ❤

11 maggio 2018 Posted by | amore, Dialogo, Musica, Persone, Sentimenti, Viaggi | , , , , , , , , , , | 13 commenti

Il mio primo maggio

Risultati immagini per festa del primo maggio cascina segrona dal web

 

Da un po’ di anni questo giorno ha assunto per me un significato diverso, anzi un significato nuovo.

Ogni anno passo il pomeriggio del primo maggio in una comunità di recupero per ragazzi ex tossicodipendenti gestita da frati con l’aiuto di operatori.

Ci vado con tutta la famiglia o quella che io considero tale. Con mia figlia, suo marito, amici, parenti e conoscenti appartenenti a periodi diversi della mia vita.

E con alcuni dei miei compagni di vita. Oggi uno in certi momenti l’ho cercato con lo sguardo. Invano. Poi ho messo via quel pensiero proibito e la tentazione dei ricordi ad esso legati.

È una giornata passata in una famiglia allargata quella in comunità. Si arriva e viene voglia di sorridere entrando in cortile. Anzi, viene già mentre mi trovo per strada. È davvero una bella sensazione che ti fa sentire che sei attesa da Qualcuno.

I miei momenti comunitari sono ormai un piacevole rituale. La prima sensazione è totalizzante. Gente che si muove, aria aperta in una cascina con mulino restaurata, il verde e le piante ovunque, il profumo di frittelle dolci, l’odore lieve di poche gocce di pioggia evaporata e quelli persistenti di fieno e letame, l’intima sacralità della messa sull’erba e un dialogo a due nella cappella.

Sono stata quasi felice. Sto imparando ad esserlo. Sto cercando di imprimere simili lunghi attimi nella memoria così volatile…

Sì, oggi ho celebrato il primo maggio a modo mio.

Una dedica. Con affetto. Sempre Vicky!

 

1 maggio 2018 Posted by | Dio, Esperienze, Mondo, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , | 7 commenti

My Way

Amici miei,
vi invito a usare il pulsante dedicato al traduttore e a passare qualche minuto leggendo questo post estremamente realista e per nulla vittimista.
Io, da tetraplegica, mi ci sono rispecchiata.

Mantengo intatto il mio desiderio e il mio impegno per conservare la mia piccola grande vita indipendente.
Esattamente come il blogger Jamison!

Una dedica, un programma di vita in musica. Sempre Vicky ❤

Jamison Writes

Sometimes I momentarily detach myself from my situation and think “Damn, this guy sure asks for a lot.” Then I get sucked back into my life and feel like the most selfish person. I know I’m being a bit harsh, so I do cut myself a lot of slack. After all, it’s not like I’m a healthy, bored suburbanite constantly asking for help or unloading my personal problems on other people without reciprocation. Instead, I have to rely on other people to do just about everything for (or with) me because I’m sick.

It’s easy for a healthy person to look at my life and say something dismissive like, “Oh, I bet he’s glad to not do laundry,” but that’s just not true. I used to love doing things for myself, even mundane or laborious chores. I loved doing dishes and cleaning surfaces. I even sort of enjoyed doing laundry…

View original post 1.264 altre parole

29 aprile 2018 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Mondo, Persone, Sentimenti, vita indipendente | , , , , , , , , | 11 commenti

Piccole cose

2018-04-21 21-48-44.460

 

Il mio viso serio ma solo pensoso.
Riflette quanto è dentro.
Apprezzo il giorno che sono

Le ore di riposo secondo bioritmo
Decido quindi esco
Una meraviglia consola il cuore
Consapevolezza e libertà

Un mercato in città
Ogni viso un universo
Mare di lingue e pelle
Frutta, vestiti, accessori

Questo tutto mi appartiene
Io ci navigo dentro
Un caffè solitario
In apparenza, sul corso

Un macellaio con cui discorrere
Trova tempo di sedersi
Con leggerezza sul bancone
E parlarmi attraverso la sua barba
Occhi negli occhi
Svanita la gente

Porto mele, rape, carne, limoni
Il mio carico leggero di oggi
Un sacchetto si arrende e una perdita
Di piccoli tesori per strada

Guardo immobile in attesa
Un passante offre aiuto
Un cagnolino mi dona il sè
Di questo eterno istante di umanità

Una giornata.
Bella e speciale.
Da condividere, anzi da regalare.

Con affetto, sempre Vicky!

 

21 aprile 2018 Posted by | Anima, Cose, Esperienze, Mondo, Musica, Persone, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , , , | 29 commenti

partyepartenze

alla ricerca della felicità...

ascanio massimo

Mediterranean dream

Tourism Observer

Tourism, Travel, Hospitality, Conservation: News,Stories And Experiences From Allover The World

Read Treat

Welcome to my cozy nook where we dwell in fantasies and cast the magic spells of positivity.

Youth. Rise up!

Vivi e lascia vivere è un modo gentile per dirvi di non rompere i coglioni.

SIGNORASINASCE by Stefania Diedolo

Si finisce sempre per dare il bacio della buonanotte alla persona sbagliata. Arthur Bloch

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Marco Cariati Blog

Area riservata agli orfani della libera informazione

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

mydaphne

this my world, this mydaphne

Giusy Carofiglio

And as imagination bodies forth The forms of things unknown, the poet’s pen Turns them to shapes and gives to airy nothing A local habitation and a name. – William Shakespeare

Primo non sprecare

Una genovese in cucina: piatti liguri, altri inediti, oppure i classici in versione sprint. Per il massimo risultato con il minimo sforzo.

TwinMirrors

Look into our mirrors...You will see the most amazing things...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: