Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Siamo colpevoli

2017-05-30 12-53-49.395

 

In questo periodo, bombardata attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione (televisione, social network, giornali, siti Internet eccetera), mi sento soffocare da un certo senso di inadeguatezza, di insufficienza, di occasioni mancate.

Sono prevalentemente circondata da notizie di morte.

Metto una mano sugli occhi, come se la mettessi idealmente sul cuore per non restare troppo ferita, ma questo non mi solleva per nulla…

Siamo (tutti) colpevoli eppure impuniti. Non esiste un reato di indifferenza perseguibile nè penalmente nè civilmente. Esistono solo due realtà: la consapevolezza e la cecità. Entrambe sono sia sociali che personali. Riguardano stati e periodi della vita differenti.

Oggi mi fermo in particolare a riflettere su tanti casi di suicidio che si verificano intorno a noi. Mai il mondo è stato così piccolo…

Non intendo esprimere giudizi né fornire ricette per affrontare questo fenomeno sempre più in diffusione, soprattutto fra i giovani e gli anziani. Vorrei soltanto lasciar emergere lo stato d’animo confuso e molto triste, a causa di un senso schiacciante di impotenza.

Detto così sembrerebbe non esserci alcuna via d’uscita, alcuna soluzione, alcun sollievo a questa “malattia dell’infelicità“. Ogni volta che vengo a conoscenza attraverso i media di vite stroncate da “voli” fisici del corpo o “chimici” della mente, mi viene da chiedermi: “Dove abbiamo sbagliato? Quando non ci siamo stati? Dov’è andata a finire la compassione e l’attenzione?” E molte altre ancora.

Esercito la memoria. Mi ricordo quella volta in cui avevo mal di schiena e non ho avuto la pazienza di ascoltare chi stava dall’altra parte del telefono oppure, peggio, non ho risposto. O magari dell’altra occasione in cui ho visto piangere qualcuno e, per paura di rischiare e intromettermi, ho dimenticato cosa sia la consolazione e il conforto anche da parte di una sconosciuta…

O ancora, in modo molto superficiale e anche cattivo, non ho detto un “Sei stata bravo!” o anche “Conta pure su di me!” a chi con un linguaggio non verbale mi chiedeva una mano…

Mi vergogno della mia mancanza di prossimità, di sensibilità, di occasioni d’amore mancate.

Esiste un momento nella vita di ognuno in cui la consapevolezza deve servire pur a qualcosa e prevedere un cambio di direzione. Il senso della mia sta cambiando.

In passato, ad esempio, mi rifiutavo di assumere medicine per il dolore; questo mi impediva di avere spazi nella giornata da usare per attività sociali o semplicemente per avere del tempo da dedicare a qualcuno, fosse anche solo al telefono o per strada durante una passeggiata. Mi sbagliavo. Così ho cominciato a prendere qualcosa con regolarità, guadagnandoci soprattutto nell’umore e nella disponibilità d’animo e poi nella volontà di perseguire un obiettivo.

In secondo luogo sto cercando di smettere di lamentarmi con chiunque dei miei guai, provando a regalare l’ascolto di cui una volta ero capace e che col tempo e con dolore interiore oltre quello fisico stavo perdendo quasi senza accorgermene. Non aspetto più la telefonata per l’uscita con qualcuno, nel senso che ho ridotto di molto le mie aspettative sulle persone aumentando piuttosto il “movimento del dare”. Quando ci riesco sono felice.

Ognuno dà quello che può, in ogni senso. Questo ho imparato, questo sto cercando di vivere. Questo è il solo “capitale umano” degno di essere investito, soprattutto riguardo la vita preziosa nostra e altrui.

Non si può aspettare ancora, la gente muore di infelicità e di solitudine fuori da qui!

Siamo tutti in cerca del “tu” diverso e speciale. Sempre Vicky.

 

 

 

 

2 giugno 2017 Posted by | Esperienze, Idee, Mondo, News, Persone, Sentimenti, Storia | , , , , , , , , , , , , , , , , | 31 commenti

Segreti

(Google)

Ho appena finito di vedere un film di Pedro Almodovar, “Volver“. L’ho visto a più riprese, interrotta piacevolmente da alcune telefonate. Un film è sempre un film dopo tutto, lo puoi vedere e rivedere all’infinito. Parlare con le persone, soprattutto con quella amata, può essere l’occasione irripetibile e unica di una giornata come anche della vita.

Il mio compagno è intelligente e sensibile. Mi dà ottimi consigli in fatto di libri e film. Anche questo è un modo di conoscersi e dialogare oltre la superficie. Avevo scaricato questa pellicola di Almodovar già da tempo mettendolo da parte. Così oggi pomeriggio per contrastare la noia, il nervoso e l’incolmabile vuoto della solitudine mi sono messa al PC e l’ho guardato. Condivido giusto qualche impressione passata e rimasta dentro.

Tutti abbiamo dei segreti che fanno parte del bagaglio che ci portiamo appresso per la maggior parte della nostra vita. Tutti vorremmo incontrare quella persona che tocca quel punto profondo, a volte nascosto anche a noi stessi, che rappresenta il nodo da sciogliere per essere finalmente liberi, consapevoli, sereni… insomma felici. Ciò nonostante abbiamo paura di affrontare i nostri ricordi, il nostro lato oscuro, il nostro io spesso consapevole di eventi che ci riguardano e ci coinvolgono in prima persona o come spettatori o peggio ancora come vittime.

“Volver”, grazie all’intelligente intreccio delle vite tutte al femminile collegate tra di loro da segreti di famiglia inconfessabili, può prendere per mano e portare lo spettatore in un viaggio tutto personale.

Un altro film scorre davanti ai miei occhi, quelli fisici e quelli interiori. Sono i segreti della mia vita. Ad alcuni ripenso con distacco, quasi facessero parte della vita di qualcun altro in modo da soffrire meno. Su altri mi accanisco a volte quasi per esorcizzarli, per ucciderli e farli scomparire per sempre dalla mia memoria per smettere di stare male.

Sicuramente non racconteremo mai a chiunque quanto custodiamo gelosamente in quell’angolo nascosto che sappiamo soltanto noi. Da qualche parte però bisogna pur cominciare per diventare finalmente adulti, dare un nome alle cose che ci succedono, abbandonare la vecchia vita e cogliere l’occasione per rinascere.

Tu… Fondente, che mi stai leggendo, mi stai conoscendo anche sotto questo aspetto. Ho una fiducia profonda in te. Ho consegnato a te la chiave per aprire quella porta, oltre la quale hai trovato un quaderno immaginario sul quale ho scritto degli appunti. Sto crescendo con te sotto tutti i punti di vista. Sono sicura del tuo non giudizio e con questo presupposto so che un giorno quella porta non esisterà più.

Sarò libera. Niente più vergogna. Niente più paura del passato. Niente più timore di ricatti dalla persona più pericolosa: me stessa.

Una carezza leggera, sempre Vicky.

 

https://www.youtube.com/watch?v=3PJiNOJsK8E

14 settembre 2013 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze | , , , , , , | 8 commenti

   

Unlocking The Hidden Me

Tranquil notions, melange of sterile musings & a pinch of salt

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

MYSELF

AS HUMILDES OPINIÕES DE UMA MULHER DE CORAGEM QUE DIZ SIM À VIDA!

VOYAGE ONIRIQUE

Photos, Artistes, Livres, Films, Voyages, Wallpapers, Fonds d'écran

Frammenti vitali

Omnia quae ventura sunt in incerto iacent: protinus vive.

Kamal's Blogging Café

English Language, Literature, Creative Writings & Decode PROXY

The Journey of My Left Foot (whilst remembering my son)

I have Malignant Melanoma, my son had Testicular Cancer

PeoPlaid

People, Places, Ideas, and More

Mutazioni del Silenzio

...perché il Sogno si può camminare, danzando parole sul foglio,si può cantare, danzando l'anima sul respiro...Ma alla fine il Sogno è soprattutto Visione.

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quattordicesimo anno ♥     

Random Sheets

La vita è un biscotto.

A mind full of illusions

#catastrophe words #more to express more to grow.

Giuliana Campisi

Liberamente parole, poesie, racconti, commenti e fotografie

fabianaebasta.

Diario di una lettrice di anime

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: