Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Taggata!#1

Cari amici, followers e visitatori “per caso”, voglio ringraziare Violeta Dyli per l’opportunità di quello che credo sia il primo tag e la prima Tag Quote Challenge a cui sono invitata.

Le regole sembrano semplici:

  • scrivere tre post al giorno (non necessariamente consecutivi)
  • ognuno dei tre post deve contenere una citazione dell’autore oppure presa da una poesia o dal testo di una canzone o da un film o ancora da un libro. È necessario, in caso si copino tali citazioni scrivere la fonte di provenienza
  • invitare ogni giorno tre bloggers diversi.

Quote Challenge: day one.

Sapete quanto io ami la musica per cui i miei post saranno ispirati da tutta quella che può venire in mente e può parlare al cuore.

1.

“But I see through your eyes, and I see through your brain like I see through the water that runs down my drain” ( Pearl Jam perform Bob Dylan’s Masters of war)

2.

“Oh mama, tell your children not to do what I have done”
(Albano e Wilson Pickett perform Animals’ House of the rising sun)

3.

“With every mistake we must surely be learning”
(George Harrison – While my guitar gently weeps)

Invito a partecipare oggi questi tre bloggers, sperando che ritengano questa cosa piacevole da parte mia:

Il blog dei sopravvissutiVivimetaliun e Ombreflessuose

La musica che sto ascoltando ora. A presto, sempre Vicky!

21 ottobre 2016 Posted by | Dialogo, Esperienze, Idee, Mondo, Musica, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , , , | 2 commenti

Ti respiro


(Google)

E’ importante dare alle cose un nome? E allo stesso modo ai sentimenti?

Non ho smesso di pormi domande, ho solo deciso di non darmi risposte. E di aspettare che arrivino,
mentre sto seduta ad osservarti,
ad ascoltarti, a riceverti.
Sono la volpe rossa addomesticata dal Piccolo Principe.

Ho un appuntamento con te,
abbiamo un ballo in sospeso, baci, ciliegie.

I miei silenzi?
Non è che non abbia nulla da comunicare…
E’ che i pensieri e le parole si affollano nella testa e nel cuore.

Come per tutte le emozioni forti, ecco il mio silenzio.

Solo per te.

Ti respiro.

Sempre Vicky!

27 luglio 2012 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Sentimenti | , , , , , | 12 commenti

Sei il mio sogno più vero.

 (Google)

Ti voglio accarezzare come posso, anche con la voce.
Ti eccito e ti commuovo con la mia dolcezza, dici.
Vorrei vederle le tue lacrime
e lasciarmele scorrere addosso come pioggia sul deserto.

Ti voglio dire parole che solo tu sai capire
perchè ascolti il muto respiro della mia bocca, cratere dell’anima mia vulcanica.
Voglio sentire la tua femminilità esprimersi in quei momenti che ti sono pennellati addosso,
che mi regalano il tuo colore.

Amico mio, amore mio. Un pezzo della tua anima mi ha investito e raggiunto attraverso quel soffio gridato.
Resta. Voglio parlarti. Voglio ascoltarti. Sentirti. Farti entrare. Ho preparato tutto.
Anche il mio cuore.

Sempre Vicky.

4 dicembre 2011 Posted by | Esperienze, Sentimenti | , | 24 commenti

Ad Antonella. Con tutto il mio amore.

 

Quanto eri bella stamattina! Sembravi vera, presente… che gioia rivederti amore mio dopo tutti questi anni!
Mi manchi tantissimo, lo sai. Eppure vederti ha di colpo annullato le distanze. La distanza tra vita e morte è a volte così grande a volte inesistente. Oggi è un giorno pieno di luce. Oggi ci sei!

Perchè racconto questo mi chiedo… Ti rivedo, penso alla tua vita, al tuo destino ingiusto, alla tua morte fisica… Come chiunque ha perso un amore penso a ciò che sarebbe potuto avvenire nella tua vita. Un sospiro. Un attimo di vita fugge. E’ andato già.

Ripenso. Un film scorre davanti ai miei occhi. Vedo te, poco più che bambina, rinunciare a dare una nuova vita. Da sola, col sì di un giudice, senza il tuo grande uomo, oppure senza amici… sola. Mi rendo conto che anch’io, con la tua stessa età, non ho potuto esserci. Avevamo solo 14 anni e la morte di qualcuno non ancora nato è un dolore per chi ama… è un peso per chi è indifferente, per chi ama solo sè stesso.

Ripenso.  La tua vita forse sarebbe stata diversa, chi può immaginarlo? Probabilmente mi piace pensarlo per credere ancora oggi che avresti avuto un’altra possibilità, se solo… Mi fermo qui. Non posso e non voglio giudicarti. Voglio tornare a te, come ti ho vista stamattina. Soprattutto voglio fermarmi su quello che mi hai detto, sull’espressione del tuo viso, sulla luce che diffondeva e che illuminava tutte le cose, me compresa che ti stavo ammirando.

Ti osservo. Guardo meglio. Non sei sola, al tuo fianco cammina una bambina piccola. C’è però un particolare che mi colpisce ancora di più della bambina, come se io già la conoscessi oppure sapessi chi fosse: sei incinta! Quanto sei bella! Nel sogno non mi pongo domande, non ho ricordi, rimpianti oppure pregiudizi su di te. Sono semplicemente felice.

Vorrei parlare con te. Riesco solo a farti due domande. Ora che ci penso devono esserti sembrate molto stupide, eppure sono state le più dirette e semplici che il cuore mi ha suggerito.

“Come stai ora? E che fai?”

Le tue risposte semplici, semplicissime eppure cariche di una verità evidente. “Non vedi?” mi dici indicandomi con lo sguardo la tua pancia già molto evidente “Faccio quello che so fare: do la vita!”.

Dov’è finito il tuo peccato, la tua colpa da cui probabilmente sei fuggita e ti sei nascosta nella vita breve e frenetica che hai avuto? Chi ti ruberà più il sorriso e il dono? I farisei, colpevoli di non esserci se non per caricare sulle spalle di chi non ha forza dei pesi più grandi di quelli che potrebbe sopportare, ti hanno già giudicato a suo tempo. Io ti ho amato e continuo a farlo, senza mai vergognarmi di una persona come te che ha attraversato la mia vita illuminandola. Anche oggi.

Grazie Antonella! Arrivederci, sempre Vicky.

 

27 luglio 2010 Posted by | Anima, Persone, Sentimenti | , , | 2 commenti

   

"Semplicemente insieme" Lucetta

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

Lluís Bussé

Barcelona's Multiverse | Art | Culture | Science

Silly Old Sod

Grumpliciousness

Unlocking The Hidden Me

Tranquil notions, melange of sterile musings & a pinch of salt

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

MYSELF

AS HUMILDES OPINIÕES DE UMA MULHER DE CORAGEM QUE DIZ SIM À VIDA!

VOYAGE ONIRIQUE

Photos, Artistes, Livres, Films, Voyages, Wallpapers, Fonds d'écran

Frammenti vitali

Omnia quae ventura sunt in incerto iacent: protinus vive.

Kamal's Blogging Café

English Language, Literature, Creative Writings & Decode PROXY

The Journey of My Left Foot (whilst remembering my son)

I have Malignant Melanoma, my son had Testicular Cancer

PeoPlaid

People, Places, Ideas, and More

Mutazioni del Silenzio

...perché il Sogno si può camminare, danzando parole sul foglio,si può cantare, danzando l'anima sul respiro...Ma alla fine il Sogno è soprattutto Visione.

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quattordicesimo anno ♥     

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: