Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

L’ombra della luce (F. Battiato). La percezione di uno stato di coscienza superiore a quello ordinario.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è download.jpg

 

 

Ciao Filippo, buon 2021 e ben ritrovato!
Lascio una mia riflessione e risonanza in un post che troverai tra poco sul mio blog e che avevo dentro me da un po’ e che voglio condividere anche con te. E altri amici che mi leggono e mi vogliono bene.

Ribloggo di vero cuore il tuo post che mi ha dato spunto.
A presto! Buona Epifania di Gesù!
Vicky

***

Ho ascoltato anni fa questo brano e ne sono rimasta ammaliata e toccata, lasciando da parte tutte le implicazioni religiose e filosofiche.

Ancora di più quando ho sentito la versione in arabo. Senza conoscere il significato letterale, ho sentito come un balbettio infantile trasportarmi in alto con il vento dello Spirito Santo.

Leggerezza, gioia, sorriso, pace: il Paradiso in pochi lunghissimi attimi.

E, infine, la sensazione e la certezza che Qualcuno non mi avrebbe più tolto quella gioia.

L’avevo sperimentata nel 1990, poi successivamente nel 1994 e ancora il giorno del funerale di Lorenzo, l’amore mio, accompagnato alla dimora terrena con canti, sorrisi, lacrime: una marcia nuziale.

Date importanti.

In quel periodo ho incontrato il movimento ecclesiale e spirituale del “Rinnovamento nello Spirito“. La preghiera, il canto, la lode, la gioia e la consolazione mi hanno accompagnato e segnato soprattutto il 2 novembre 1995, giorno in cui in seguito a una presunta ischemia midollare cervicale sono diventata tetraplegica. Non ho cioè più il controllo motorio del mio corpo, oltre ad altri importanti danni collaterali.

Ho cantato con un filo di voce tutto ciò che ricordavo o anche ciò che usciva in parole apparentemente insensate dalle mie labbra.

Delirio da febbre? Shock? So solo che ho sentito leggerezza e gioia anche in quel letto.

Immobile potevo andare ovunque.

Ignoro moltissimo di teologia, filosofia, meditazione.

Nonostante questo io so. So perchè in quel volo c’ero. Come il maestro Battiato.

Vi abbraccio, sempre Vicky!

***

Liberi di Essere

Il brano, giudicato dallo stesso F. Battiato come uno dei punti più alti di un lungo percorso meditativo personale, ci viene proposto in forma di preghiera. Le frasi, volutamente semplici e ispirate dal “Libro Tibetano dei morti”, invocano all’essere supremo e invitano l’ascoltatore al rispetto delle leggi del Mondo, ad utilizzare in pieno il proprio tempo e ad elevarsi spiritualmente verso una dimensione supreriore (la quarta dimensione): il risveglio.
La richiesta di essere difeso dalle forze avverse che si nascondono nel buio delle tenebre, nonché la citazione dell’espressione filosofica buddista-tibetana riguardante il cerchio della vita, rivelano l’intuizione dell’esistenza di una vita superiore che va ben oltre a quella terrena: “Perché la pace che ho sentito in certi monasteri, o la vibrante intesa di tutti i sensi in festa, sono solo l’ombra della luce.”
Buona visione/ascolto.

L’ombra della luce
Artista: Franco Battiato
Album: Come un cammello in una grondaia
Data di…

View original post 137 altre parole

6 gennaio 2021 Posted by | amore, Anima, Dio, Esperienze, Sapienza, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Fotopost

2017-09-06 16-05-00.800

 

Io, oggi. Non aggiungo altro. Sempre Vicky!

 

6 settembre 2017 Posted by | Corpo, Esperienze, Mondo, Musica, Persone | , , , , , | 24 commenti

Il calabrone è un uccello

  •  (Google)

    A volte troppo frettolosamente liquidiamo persone e conversazioni pensando di non avere niente da investirci, che dopo tutto una chat resta una cosa leggera, senza impegno se non quello – almeno stimato intorno all’80% – di cercare compagnia sperando di trovarne con un minimo di interessi in comune, almeno per avere qualcosa da dirsi.

    Non così è successo con Mariano, un amico più che virtuale, per me una persona vera.

    Questa una conversazione a campione avvenuta qualche giorno fa tra me e lui, improvvisata, senza apparentemente un filo logico, col solo desiderio di un incontrarsi tra anime e menti.

    Buona lettura!

    Mariano
    ….Comunque quando hai voglia,spiegami cosa vuoi fare con un fotografo e se fai un calendario lo prenoto.
    E guarda che dico seriamente,penso che sei davvero tutta da ammirare.

    Io:
  • mi serve per illustrare un eventuale pubblicazione con foto mie particolari che vorrei farmi scattare, una c’è già in mente la vorrei mettere in copertina
    devo trovare il fotografo che interpreti il mio pensiero con l’obiettivo
    un amico mi ha offerto per ora verbalmente un’opportunità… a fine mese viene a trovarmi da Catania ci ho già parlato per mettere in concreto giù qualcosa
    buona notte
    A presto
  • Sono sicuro che riuscirai a portare in porto il tuo progetto.
    Io
  • cosa c’è da ammirare in me?
  • Hai bisogno che te lo dica? Il coraggio e l’intelligenza con cui affonti le cose.
  • Io

    tu non ci crederai, ma ho proprio bisogno che tu me lo dica
  • te l’ho gia detto
    Io
  • non importa… ogni volta è diverso, come diverse sono le occasioni della vita
  • Vero
    Io
  • grazie per la comprensione e amicizia che ricambio senza condizioni
  • Quindi mi ripeto,ti trovo coraggiosa.tu non ti sei adagiata,non ti sei creata una tipologia comportamentale tipo avercela con tutti
    Tu sei viva
    Sondi vari percorsi
    Vai in avanscoperta
    Io
  • per me percorsi sono innumerevoli e sempre nuovi
    di quante cose mi piacerebbe parlare con te
  • Cerchi ancora di capire chi sei
    Io
  • si, non smetterò finché avrò respiro
  • Dove vuoi andare
    Ma se dovessi arrivare alla tua meta
    Toveresti un altto traguardo da raggiungere
    Mi fermo?
    Io 
  • mariano, la meta è il viaggio…
  • Il viaggio é il mezzo per arrivare alla meta
    La meta sei tu
    Io
  • non per me
    io non sono un luogo, e anche se lo fossi sono destinata a finire
  • Vincenza la meta é la destinazione finale
    Qualcosa da raggiungere
    Io la penso cosi
    Io
  • lo so, la terminologia esatta è la tua, il significato che io le do però è diverso, non restrittivo, senza luogo e tempo
  • Il tuo Io o Ego é semicosciente
    Non é sottomissibile,incatenabile,condizionabile
    É saltata una frase
    Io
  • o in alternativa soltanto protratto in avanti verso qualcosa o qualcuno perdendo così la sua dimensione negativa e accettando di dissolversi per ritrovarsi ancora più arricchito, dal sogno, dall’estasi, dall’eterno giorno come anche dall’eterna notte
  • Il tuo SuperIo o superego
    Io 
  • non l’ho definito
    lascio che siano gli altri a farlo se proprio ci tengono
    quel tipo di io convenzionale l’ho abbandonato con la vecchia vita inconsapevolmente o forse lui abbandonato me... cosa più incredibile
    Mariano
  • Siamo perennemente protratti verso qualcuno o qualcosa e da questi arricchiti ma a volte non lo accettiamo nemmeno con noi stessi
    In fondo se ci pensi bene
    Una sola cosa muove l’umanita
    Io
  • è questo che dobbiamo fare: smettere di pensare e basta per lasciare spazio all’intuizione che è l’anima dell’arte e del genio
  • Cio che muove l’umanita é la gratificazione,pensaci
    E non puo esserci intuizione senza pensiero
    Mentre puo esistere il contrario
    Io
  • il pensiero è una catena o concatenarsi di idee, pensa piuttosto a un’intuizione improvvisa che ti coglie nel bel mezzo di qualcos’altro… essa al vuoto creato nella mente dai mistici riempito improvvisamente da un’intuizione Alta che basterà loro per tutta la vita e che al tempo stesso lascerà un’enorme sete e fame di quella conoscenza infinitesimale eppure totalmente appagante. Così mi sento io a volte. a volte, ripeto…
  • Ma anche questo é un paradosso percé se puo esistere il vontraio di qualcosa significa che quel qualcosa esiste
    Altrimenti non potrebbe esistere il suo contrario
    Io
  • io sono un paradosso vivente, chiedilo ai miei medici
  • Giusto ma l`’ìntuizione esiste perche esiste il pensiero,io non parlo di ragione ma di pensiero
    Non posso
    Dimmelo tu
    Ci sei?
  • ci sono s
    io sono un paradosso vivente, sotto tutti gli aspetti
  • Solo se mi farai capire saprò
  • quando ti parlavo dei medici per esempio
  • Si
  • per loro io sono una “dead woman rolling” da oltre 17 anni
    sono sopravvissuta a tutte le loro previsioni, a breve e medio termine perché sul lungo non si pronuncia mai nessuno
    una volta neanche sul breve e medio, quindi ho cominciato presto a vivere di sogni e progetti legati a visioni più che a calcoli. Questo lo dico non riferendomi alla mia carrozzina ma la mia vita in generale, anche quella precedente
    quanto vorrei fare di questa nostra conversazione di questa sera un post, lasciandola così come è… senza cambiare neanche la punteggiatura
    tu riesci a tirare fuori una parte di me con una facilità estrema
  • Come dice george clooney?
    Io
  • come dice
  • Se vuoi puoi
  • immagin, poi
    puoi
    ma io non immagino, io ce l’ho qui sotto gli occhi ora
    Mariano
    Si,ecco
    Ma hai immaginato di farme un post,quindi…..puoi
    E ritornando ai medici, un mio amico un po tondo mi riporterebbe in mente il fatto che secondo le leggi della fisica e dell’aereonautica il calabrone non puo volare
    Ma lui non lo sa e vola
    Cosa gli puo fregare delle leggi?
    Io

    ce l’ho già qui davanti, domani lo elaboro. Dimmi se posso lasciare il tuo nome o se preferisci metta le iniziali

    è come me il calabrone, delude ogni legge
    in ogni calcolo

    Mariano

    Vincenza se vuoi puoi lasciare il mio nome
    Io

    non sai che gioia mi dà

    il primo a ricevere il testo sarai tu, poi provvederò comunque a qualche correzione solo ortografica e lo pubblicherò. Posso anticipare che musica ho pensato di mettere in accostamento ?

    Mariano

    Gia, il calabrone sa che la sua vita finira prima che qualcuno trovi un’eccezione a quelle leggi. Quindi preferisce non aspettare di ssperr il perché é si gode il suo bel volo
    Immortalato addirittura in una sublime opera
    Il volo del calabrone? Ahahah

    Io
    no, “gli uccelli” di Battiato
    che ne pensi?

    Mariano

    Non la conosco

    Perché il calabrone non ha nulla da invidiare al più bell’uccello che esista in natura

    Io avrei messo ”la cura” sempre di battiato

    Io

    puoi ascoltarla? 

    Mariano

    Mettila ,l’ascoltero appena finita la conversazione ma il post é tuo e ti scegli cosa vuoi.

    Io
    http://www.youtube.com/watch?v=CL9j-9g80GI
    Franco Battiato – Gli uccelli (live 1997)
    Mariano
    Ora scusami vincenza ma stanotte non ho dormito causa raffreddore che non mi faceva repirare.buonanotte,alla prossima.

    Io

    con piacere

    abbi cura di te
    un abbraccio
    Mariano

    La conoscoooo,é bellissima! Notte
    Io
    ho salvato già tutta la conversazione in una bozza sul mio blog, non vedo l’ora di far nascere la creatura! Buonanotte! “

    Questa la breve conversazione. In poche righe concentrata la nostra visione seppur parziale su cose che ci stavano a cuore.
    Sempre di più si rafforza la mia convinzione sintetizzata nel sottotitolo del mio blog: “Conoscersi e parlarsi è un dono”.
    Sempre Vicky!

20 gennaio 2013 Posted by | Anima, Dialogo, Esperienze, Persone, Sapienza | , , , , , , , , , | 12 commenti

Storia di un bruco

Da quando ho trovato quest’immagine nel Web non ho potuto smettere di guardare alla sua bellezza, seppure artificiale oppure modificata. Il mio sguardo si è posato su di lei proprio come attraverso le ali di una libellula. È come se ci guardassimo a vicenda, come se lei sapesse di me, della mia nascita, delle mie innumerevoli rinascite e anche delle inaspettate e incredibili trasformazioni della mia vita.

La guardo. Come tutte le trasformazioni i passaggi da uno stato all’altro la morte del bruco a favore della nascita della libellula non è indolore, ciò nonostante non raggiunge chi osserva, anzi, quello che io vedo è l’esaltazione della grazia, l’accenno di un passo di danza. Una danza nuova, potremmo chiamarla la morte del bruco.

Non so se qualcuno l’abbia mai celebrata questa morte a favore della nascita di una creatura effimera eppure meravigliosa. Non so se esista un balletto, un’opera, una poesia oppure uno scritto qualsiasi che descriva il flusso di vita che passa da una creatura all’altra. Impressionante è poi la rappresentazione di entrambi i personaggi con sembianze di donna.

Rifletto e mi pongo la domanda: quale delle due soccombe per fare spazio all’altra? Nessuna in realtà. Apparentemente il bruco perde la vita per donarla alla libellula ma…in realtà nel bruco è contenuta tutta la libellula e viceversa. L’uno non avrebbe senso di essere esistito senza l’altra, e il volo leggero e fluttuante non è meno affascinante di quanto resta sulla terra a ricordo del passato, proiettato nel futuro, qualunque sia la sua durata.
La felicità, questo grandissimo volo che tutti cerchiamo di spiccare, nasce da quello che ci lasciamo alle spalle senza rancore, con riconoscenza per l’eredità ricevuta, la vita stessa, la forza che ci fa trovare il coraggio di iniziare il viaggio della vita con tutte le potenzialità interiori e non.

Per troppo tempo siamo stati bruco, ci siamo nutriti, pur avendo nel nostro DNA il destino del volo della libellula, abbiamo strisciato per un tempo indefinito, probabilmente a volte ci è apparso interminabile eppure… il tempo dello splendore dei colori e della leggerezza è arrivato, non per pochi fortunati, per tutti. Il nostro volo si chiama VITA.

Una pausa. Ne ho bisogno. Un breve sguardo indietro, prendo fiato e… MI LANCIO! Ancora una volta!

Dedicato a tutti quelli che come me tengono lo sguardo fisso in avanti, attenti a non cadere, pronti ad alzarsi se dovessero procurarsi ferite, con una scintilla nello sguardo che contraddistingue quelli che il futuro lo intuiscono, quelli che il futuro lo stanno già vivendo in volo.

Un bruco quasi 49 anni fa (mancano solo circa quattro ore) ha lasciato il posto alla libellula Vicky, perché potesse continuare il suo ciclo e non interrompesse il meraviglioso viaggio.

Cara Vicky, era il 1 ottobre 1963 quel giorno… Benvenuta libellula!

30 settembre 2012 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Idee, Persone | , , , , , , , | 23 commenti

   

paolobranveneziani

Preparati a desiderare Verità .

Matavitatau

The hardest thing in this world is to live in it. Be Brave. Live. For Me...

Chateau Cherie

Exposing Bullies and Liberating Targets to Make The World a Safer Place for All

La Page @Mélie

Contre le blues, le meilleur remède, c'est le rock...!

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

HoneyGwhiz

In My Dreams I reached out and touched reality!

The Truth for Kyle Brennan

The Church of Scientology & the Death of Kyle Brennan

avelociraptor.wordpress.com/

Ideas. Writing. Culture.

Has-sent-i-do-que.blog

Has sentido que...

~ Feldenkrais Barcelona®~Esther Niego

Donde el cambio es posible, autoconocimiento y aprendizaje a través del movimiento

Skizzenbuch/Blog

Just another WordPress.com weblog

From Behind the Pen

Purpose Is The Key To Creation Manifested Through Vision!

Enogastronomista

Food & Wine

Carmencita y sus letras

Actitud positiva en mi contenido

César Omar

porque siempre hay algo que contar

marisa salabelle

Eravamo noi tre. Io e mia sorella Bella, e nostro fratello maggiore: Felice, babbo tuo.

getsetandgo

Travel Blog of a Budget Traveler sharing stories on travel, books & Vegetarian Food

From Mage Mind

When a mage is sharing what's on his mind. Business, Motivation, Positive life, Success, Marketing and Good Ideas.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: