Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Una giornata particolare.

 

E’ una delle mie solite domeniche, apparentemente giornate come tante, come probabilmente moltissime delle vostre. L’alba, sembra uguale a tutte le altre.

Oggi dopo parecchi giorni ho dormito in modo sereno, mi sono svegliata, ho voglia di fare, di vivere, di esserci. Ho vicino a me le persone più care, quelle e anche nei periodi più bui non si dimenticano di me. Fanno domande discrete, sanno che è un periodo in cui non c’è molta voglia di dialogo, piuttosto di presenze silenziose.

La mia infaticabile amica Louisa c’è, lei è a pieno titolo una persona veramente di famiglia. Mi aiuta, come fa quasi tutte le domeniche a lavarmi e vestirmi. Pausa caffè. Naturalmente insieme. Che belle queste cose! Piccole, semplici, date per scontate… troppo. Dopotutto, godersi la vita che cosa è? Vedere un nuovo giorno con uno sguardo pieno di attese, apprezzare quello che si è già atteso ed è presente, guardarsi intorno e scoprire… inventare… giocare… cadere se necessario ma scegliere comunque.

Finalmente mi preparo, pranzo insieme ai miei affetti più cari, con tranquillità, pacatezza. Alle 15 prendo il pulman e, senza il permesso di nessuno, oggi mi preparo ad una novità importante, dopo anni di incertezze: voglio prendere la metropolitana da sola! Devo incoraggiarmi, caricarmi, comportarmi come se fosse una cosa del tutto normale. Arrivo alla stazione di Famagosta, l’addetto che trovo di sotto mi accompagna al treno, con molta difficoltà finalmente sono a bordo… si parte! Scendo alla fermata di Cadorna e prendo l’ascensore per uscire all’aperto. Evviva! Ce l’ho fatta! Sono fiera di me!

Probabilmente è una gioia che mi si legge in volto, perché sorrido volentieri agli altri, mi viene naturale. Non so perchè… ma oggi mi sento bella.

Ora finalmente posso sbizzarrirmi nei luoghi che più mi piacciono: entro da Mondadori, chiedo aiuto alla cameriera per bere un caffè. Non ce la fa… e dopo avermi osservata, prima che io vada via, mi fa una domanda molto comune che probabilmente si fanno molti quando mi vedono andare in giro da sola: ma come fa?

La mia risposta: sono un’ incosciente! È l’unica possibile. Ho scelto una vita contro corrente, ho scelto di recente di continuare da sola, ho scelto di cambiare. Cambio direzione. La sto ancora cercando però. So soltanto che è il momento.

Dopo anni entro in Duomo, stanno celebrando la messa. Mi fermo e insieme a questa comunità sconosciuta prego e sto in comunione. Non so come dirlo… Il cielo mi hai riaperto le porte oppure semplicemente ho guardato nella direzione giusta. Mi sento in pace. Finita la messa esco per fare un’ultima passeggiata prima di prendere il tram che mi riporterà verso casa.

Arrivo. Sono le 20. Vicky la ‘matta’ ha compiuto la sua mission impossible…

Una domenica come tante, un messaggio e un esempio per chi mi incontra. E’ possibile una vita diversa, io lo posso testimoniare!

E’ stata una bella giornata. Particolare.

Un caro saluto, con un capolavoro di Fiorella Mannoia su testo di Vasco. sempre Vicky.

 

24 agosto 2010 Posted by | Esperienze, Persone | , , | 8 commenti

   

Pensieri Parole e Poesie

Sono una donna libera. Nel mio blog farete un viaggio lungo e profondo nei pensieri della mente del cuore e dell anima.

Il blog di Mammaformica

Cuoca per caso, tester per hobby, mamma per vocazione

Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, Aspergers syndrom, samhällsdebatt

parole e basta

d'amore, sesso, vita e poesia

EmoticonBlu

Mi contraddico? Certo che mi contraddico! Sono grande, contengo moltitudini! (W. Whitman)

cocinaitaly

comida italiana

❤AAISHA ❤ GOUR❤

❤❤❤अधूरे ख्वाबो को पूरे करने की हिम्मत रखती हु पंख नही है तो क्या हुआ हौसलो से उड़ान भरती हु ❤❤❤

BE THE CHANGE

Refresh and start a new chapter

The 4th Dimension

Random Stuff I Think You'll Like

RIVA OMBROSA

Quando si ama si dona

deluarhossain336@gmail.com

deluarhossain336@gmail.com

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

Meereskind

Reisen beginnt im Kopf

SCEGLI TU...POI TI CONSIGLIO IO

"IL MONDO SAREBBE UN POSTO MIGLIORE, SE UNO DEI CINQUE SENSI FOSSE STATO L'IRONIA"

Jakob Iobiz

Scrittore

365 dni w obiektywie LG/Samsunga

365 days a lens LG/Samsung

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: