Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Autismo: una mamma americana racconta/2

fmejeb
La mamma americana nel titolo è qui su ritratta con uno dei suoi due gemelli nel post originale in inglese che trovate a questo link.

Per la seconda volta mi sono permessa di tradurre nel miglior modo possibile il testo di questo post, perché l’ho ritenuto veramente toccante e soprattutto reale. Un vero aiuto a chi vive questo e anche altri problemi in solitudine.

Potremmo indicare questo metodo di comunicazione a tante altre situazioni di vita in cui le persone restano emarginate.

Un ringraziamento e un abbraccio a questa mamma!

Di seguito trovate il testo tradotto in italiano. Vi saluto tutti! Sempre Vicky.

 

“AUTISMO: UNA MAMMA AMERICANA RACCONTA/2

 

Sì, mi dispiace che a tuo figlio sia stato appena diagnosticato l’autismo.

Un paio di mesi fa ho avuto una conversazione con una conoscente. Non ci frequentavamo da molto tempo, ma avevamo interessi in comune e ci piaceva la compagnia reciproca.

Lei sapeva che a mio figlio era stato diagnosticato l’autismo, si trovava bene a parlare con me. Mi disse che anche a suo figlio avevano appena diagnosticato la stessa cosa.

Prima che potessi pensare ho detto, “Oh cavolo. Mi dispiace di sentire questo”.

Questo tipo di gaffe non è nuova per me. Non sono mai stata brava con il linguaggio “politicamente corretto”. Ma ciò nonostante la nostra conversazione ha pesato molto nella mia mente.

Quello che ho detto è vero. Mi dispiace di aver saputo che a suo figlio è stato diagnosticato l’autismo. Ma non perché l’autismo sia una condizione così terribile da vivere…

Sto tirando su quattro figli. E tutti hanno i propri problemi. Due di loro di recente hanno beccato “Teenager” e potrebbero non riuscire ad arrivare a fine settimana se il loro atteggiamento non sarà chiarito.

L’autismo è solo un problema duro da attraversare. Io conosco alcuni dei sentimenti che lei potrebbe avere nei mesi a venire.

Così quando ho detto “mi dispiace” questo è ciò che intendevo in realtà.

Mi dispiace che al tuo bambino sia stato diagnosticato l’autismo…

Mi dispiace perché comincerai a fare ricerche sulle condizioni di tuo figlio, solo per diventare ancora più confusa di quello che già sei.

Mi dispiace che ci siano più domande che risposte.

Mi dispiace che sentirai il bisogno di diventare un genetista, un neurologo, uno psicologo, un gastroenterologo e un avvocato tutto in una volta.

Mi dispiace per i sentimenti di colpa e inadeguatezza che sperimenterai.

 

Mi dispiace perché la tua assicurazione non approverà la spesa per il trattamento che  tu stai cercando e dovrai combattere con le unghie e con i denti per ottenere i servizi dei quali la tua famiglia ha bisogno.

Mi dispiace perché qualche volta ti sentirai sola, perché penserai che nessuno capisca quello che tu stai passando.

Mi dispiace perché in certe notti sarai sdraiata a letto, chiedendoti cosa avresti potuto fare di più.

Mi dispiace che gente ignorante fisserà la tua famiglia quando uscirete per divertirvi.

Mi dispiace che la consapevolezza dell’autismo non sia lo stesso che l’accettazione dell’autismo.

Mi dispiace che a un certo punto ti troverai intrappolata in un infinito dibattito sui vaccini. Se dovessi usare la parola “cura” pagherai  il prezzo massimo dal gruppo Facebook Support Group Gods.

 

Questo è ciò che intendevo quando ho detto “Mi dispiace”. Ma ancora non era la cosa giusta da dire.

Non è il mio compito tirare fuori tutta l’energia negativa da una madre che ha appena cominciato il suo viaggio attraverso lo spettro. Il mio compito è di spianarle la strada.

 

Ora che ho avuto del tempo per riflettere, so cosa le dirò la prossima volta:

 

Grazie per aver condiviso questo con me!

Come ti senti riguardo alla diagnosi?

Questo ti aprirà così tante porte per il tuo piccolo. Fammi sapere se hai delle domande.

Questo è il mio numero. Sentiti libera di chiamarmi oppure di scrivermi in qualsiasi momento.

Nella nostra zona c’è una bellissima rete di supporto, piena di genitori pronti ad aiutarsi gli uni con gli altri. Mi piacerebbe presentarti a qualcuno di loro.

Abbiamo degli incontri tra genitori e eventi per famiglie spesso. Ti inserirò nella mailing list.

Sono disponibile, in qualsiasi momento tu abbia voglia di parlare.

Benvenuta nella nostra tribù.”

 

Annunci

4 marzo 2018 Posted by | Dialogo, Esperienze, Idee, Mondo, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , | 41 commenti

Mi invento di nuovo

Risultati immagini per partenza

E così per la quarta volta ti ho buttato fuori dalla mia vita, via da me, dai miei sogni, così come dalla mia realtà di tutti i giorni.

Vedi, anche pensando al passato non dico “noi”. A un certo punto della nostra storia mi sono ritrovata a parlare da sola, ad andare in giro da sola, a conoscere persone nuove sempre da sola.

Non te ne sei neppure accorto, pure quando te l’ho sbattuto in faccia con tutta la mia forza che usciva dai polmoni. Ho parlato molto in questi mesi, sì, ho parlato molto con me stessa.

Nessuno cambia. Lo sapevo già e mi sono illusa, credendo alle tue parole, alla tua allegria di un tempo… sarà stata vera? E io lo sono stata? La tua continua diffidenza ha provato a mettere radici, anche dentro di me. Ha trovato terreno ostile, non fertile…

La tua morale e la mia non possono coesistere. La tua cultura, me l’hai negata. Nella tua vita non sono mai entrata , la mia parte è stato un campo di battaglia in ogni senso.

Ora depongo le armi, voglio sprofondare in uno stato di pace e quiete. Come l’autunno. Che però non è assolutamente grigio e piatto ma è vivace di colori maturi.

Voglio inventarmi di nuovo, l’ennesima volta, la mia vita.

Prima di tutto col ritorno alla cultura tradita, al cibo per la mente che non è inferiore a quello per il corpo. È finito il mio Ramadan.

E intanto stasera ascolto questa poesia in musica. Me la dedico. Sempre Vicky!

 

11 ottobre 2017 Posted by | amore, Anima, Esperienze, Musica, Persone, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , , , , , | 30 commenti

   

Le cose minime

Prendo le cose gravi alla leggera, e le cose piccole molto sul serio.

Il Pensator Cortese

Penso quindi so(g)no, tra un bicchiere di vino e un libro

Il Blog per TE

psicologia, curiosità, musica, cinema, moda e tanto altro!

Artliteral

Aqui trago contos e pensamentos, de personagens que passaram e passam por mim, pela minha mente. Emprestei fragmentos meus, a cada um dos mesmos... ou talvez tenha sido o contrário. Resumindo o que disse Lispector "escrever é uma maldição. Mas escrever apenas uma linha, basta para salvar a alma." E escrever é isso. Lançar em letras, o que não se pode medir, o que não se pode tocar com as mãos. Também trarei trechos de livros e crítica de artes em geral, bem como, desenhos autorais. Música Indie também fará parte do acervo.

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

EnigmaDebunked

Thoughts that provoke yours.

giro bloggando ...

Tutti i pensieri intelligenti sono già stati pensati; occorre solo di tentare di ripensarli 🌞J. W. Goethe

Il Blog di AltreAfriche

oltre gli stereotipi

L'arte dei piccoli passi

ci sono tante strade da percorrere insieme

J. H. Ward's life Blog

Some Photography, and Short Stories on Humanity, Love, Honor, Addiction, etc.

Top Education Hub

Education is key if it's success you wish to see!

Gin & Lemonade

...with a twist

non c'è rosa senza spine By GiuMa

...Io sono felice che le spine abbiano le rose. Alphonse Karr

PIATTORANOCCHIO

Piattoranocchio non è solo un blog di ricette! Allieta la tua giornata con storie divertenti e saziati di foto!

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Dreamer's Travel Diary

Share with people my experiences and travels

TUTORING YOU

Living to Learn. Loving to Share.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: