Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Riva

Risultati immagini per riva del mare di notte

Riva

Come il bordo
di un foglio azzurro

generato dal cielo
prima che fosse pensato

resto
seduta in riva
osservo i flutti
mai uguali
eterna eco

sono io
profilo di donna
seduta
linea sinuosa su cerchi

voglio
immergermi in te
io finalmente uomo
tu docilmente donna

bagnami
anch’io acqua e sale
scioglimi
e rendimi leggera
tuo elemento
da sempre

libera
voglio urlare
il silenzio del mio dolore
i sussurri del mio piacere

abbandonami
sulla riva
finchè torni mare

 

Il mio elemento. Sempre Vicky.

 

 

 

 

Annunci

19 settembre 2017 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Persone | , , , , , , , , , , , , | 51 commenti

Le mani.

In questa sera di silenzio, attesa, un po’ di nostalgia mi sono ritrovata.
Questa sono io. Mi presento agli amici follower, blogger e lettori che mi accompagnano da poco in questo bellissimo viaggio.
Sempre Vicky.

Vincenza63's Blog

C’era una volta… la mia storia. La racconto senza rispettare una cronologia, attraverso le mie mani, come la direbbe una persona che amava cantare e alla quale hanno rubato la voce o solo il fiato… Questa è stata sostituita in parte dai segni, ma quali di questi sa e può esprimere emozioni? Ho perso le parole… ho perso le mie mani. Percorro insieme a te che leggi questo viaggio. Ogni tanto mi guarderò alle spalle, oppure con un balzo in avanti.

Non avercela con me. Perchè tu e io siamo il viaggio. Il più difficile. Il più bello.

Sali, voglio parlarti di alcune cose in libertà, senza aver paura di giudizi oppure solo per dirti che io non sono solo quella che vedi, ma che ho avuto un passato e desidero un futuro proprio come te… solo che vorrei spiegarti che ci sono cose che non potrò più dirti con le mani…

View original post 651 altre parole

14 aprile 2017 Posted by | Corpo, Dialogo, Esperienze, Persone, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , , , | 9 commenti

V come Vicky

biblioteca-emozioni-620x336 (Google)

Accontentarmi non è arrendermi,
è mettere ordine tra gli obiettivi della mia vita.
Darmi tempo.
Lasciarmi fuggire da alcune schiavitù.

Non è paura.

Le viltà di questo tipo
le ho cedute ai grandi della Terra.
Darmi spazio.
Non ce n’è per me a questa grande abbuffata.

Non è vergogna.

È solo che voglio vivere,
nel timido e gioioso nascondimento 
che mi piacerebbe essere
e che mi cucio addosso sulle mie ferite.

È che sono fatta anche così.

Ubriaca di vita, eppure assetata.
In corsa verso l’alba che non tramonta eppure ferma.
Ho sete d’aria,
ho fame d anime salve.

Teniamoci stretti, mio scoglio umano.
Il mare dentro urla le sue onde,
attraversando me
bagnando e consumando l’amoroso te. 

 

Mi scopro fragile. Sempre Vicky!

 

 

27 novembre 2016 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Mondo, Musica, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , , , , | 6 commenti

La mia “donna”

HPIM0860.JPG(quello a destra era il mio tavolo da cucina, che aveva anima)

La mia donna è un uomo. Sensuale. Unica. Sa raggiungere pieghe mie misteriose, oscuramente vibranti. Lei sa dire “Ti amo” come nessuna. Il tavolo lo sa. C’era.

Leggendo e bevendo le parole che emergono da lei mi sento il suo vero e unico uomo. Desiderato, corteggiato, posseduto, delicatamente invaso di lei.

Lei e io. Non c’è più condizionale. Solo il presente. Bello. Completo. Innocente. Pulito.

Vorrei

Vorrei esser donna per te,
e tu che fossi l’uomo.
Vorrei esser fragile,
per sentirmi sicura tra quella braccia calde.

Vorrei avere te nell’intimo
per esser soddisfatta
della tua dolce forza.

Vorrei vestirmi di trine e pizzi colorati,
per eccitare il desiderio
più impudente.

Vorrei questo, e tanto altro…
Vorrei i sogni e le paure,
e le parole che mentre sono nuda
solo tu sai dire.

P.A. 2016

Nulla da aggiungere.

Grazie, “Paola”, mia.

Sempre tua, Vicky.

24 novembre 2016 Posted by | Anima, Corpo, Dialogo, Esperienze, Persone | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Vicky è

HPIM0534

Eccola.
Regina senza corona eppure seduta su un trono. Il suo regno: senza confini, né di spazio né di tempo. Sola. Nessuno ai suoi piedi. Nessuno da cui dipenda. Il suo corpo appartiene a qualcuno solo per lo stretto necessario. Il tempo di essere lavato, vestito, accudito. Diverso è il tempo dell’amore, dell’amicizia, della conoscenza in tutti i suoi aspetti. Senza pregiudizi. Senza. Il prezzo pagato è stato molto alto e continua a crescere giorno per giorno. Parallelamente cresce il credito in amore, oro incorruttibile. Quello che tutto comprende, ma proprio tutto e tutti… leggetevela tra le righe la verità su di lei. Alcuni la sanno, veramente pochissimi…

Dicono di lei…

Vicky è dolce. La prima cosa che mi viene in mente è il suo modo di accogliere le persone, il suo modo di parlare, quella erre vagamente moscia che qualcuno dice affascini. È così! Comincia dallo sguardo. Si irrora fino alla punta delle sue dita ferme. Attraversa il seno, il tronco come una piena delicata e leggera, filtrata appena dal suo cervello. Ora gli occhi non servono più. Serve il contatto, con le amiche come anche con gli amanti, la dolcezza non si risparmia. È lo zucchero che rimane sul fondo della tazzina dopo un caffè bevuto velocemente… ti viene solo voglia di essere bambino per poterla leccare con un dito… se solo non ti vergognassi. Prendila, è un regalo.

Vicky è forte. A volte si sente un uomo e questa forza prepotentemente si accanisce su di lei fino a trasparire verso chi la conosce più intimamente e ha giocato con lei il gioco nuovo. È una questione di energie che si fondono e si scontrano, secondo la disponibilità di chi la incontra e la vuole conoscere veramente. La prima volta che è successo si è spaventata. Non sapeva che esistesse una forza simile dentro di sé da qualche parte di cui ignorava l’esistenza. L’uomo che è in lei l’ha posseduta prima di chiunque altro…

Vicky è sensuale. Oserei aggiungere è sensibile. Sono due cose apparentemente diverse, ma se voi lo conoscete almeno un po’ sapete che l’una è la fonte dell’altra, l’una non esiste senza l’altra… sarebbe come porgere un dono, attendere con impazienza e ansia bella che venga scartato per poi scoprire d’un tratto sul viso deluso del destinatario che nel pacco non c’è nulla. Che cos’è la sensualità in questo caso, nel suo caso? Riguardo la foto… il mare amato è tutt’uno col suo corpo, il sorriso potrebbe essere malizioso perché è anche così Vicky. Abbiamo detto che si “sposa” con la sensibilità. I brividi che percorrono la pelle e quelli che attraversano il suo corpo hanno la medesima fonte: la sua mente. L’eros non è pensabile fuori da un corpo, non necessariamente o non esclusivamente materiale. Il suo pensiero ha un’anima.

A quello esposto su si possono aggiungere innumerevoli qualità così come parecchi difetti. Questo è applicabile a tutti, certamente… ma…oggi lasciatemi parlare solo di lei, giusto un pochino.

“All that you create”… Sempre Vicky.

https://www.youtube.com/watch?v=XiimzQ0KqBA

15 novembre 2013 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Mondo, Persone, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , , | 19 commenti

Dentro

 (Google)

Stare con te è il più bel mare in cui mi sono immersa.

Dedicato a M.  Sempre Vicky!

https://www.youtube.com/watch?v=k4fk3m9fNNY

1 agosto 2013 Posted by | Anima, Dialogo, Persone, Sentimenti | , , , | 6 commenti

Calice

(Google)

Ho atteso. Lunghi mesi di fatica.
Me li hai donati.
Piacere.

Ti tocco. Ora tu sei mani.
Reggi questo tempo.
Entralo.

Ti scorro. Cera.
Linea e spirale.
Fondi.

Ora posso bere.

Celebrarti.
Nostro rituale.
Platea zero.

15 luglio 2013 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Persone, Sentimenti | , , , , , | 17 commenti

La voce

 (Google)

Il primo respiro quando veniamo al mondo, l’ultimo quando terminiamo il viaggio. Non importa se sia bella, brutta, stridula, roca o altro. È una delle nostre facce, quella che dialoga a modo suo con l’interiorità di ognuno di noi. Tra l’inizio e la fine della vita una serie apparentemente interminabile di espressioni, le più diverse, frutto della personalissima danza nell’aria.

Mi chiami per nome. È come sentirmi prendere per mano, la tua voce mi accarezza, si ferma a sfiorare la pelle poi ci passa attraverso, arriva al cuore, alla mente. Mi attiri verso di te così come la sirena, non mi vendi illusioni. Se dovessi pensare al mio strumento musicale preferito penserei alla tua voce, a volte violino, a volte flauto dolce, altre ancora chitarra elettrica oppure batteria. Dimenticavo il clavicembalo e il pianoforte, per completare un’orchestra in festa solo per me. Pronunci il mio nome e afferri la chiave che ti apre la porta invisibile del mio io. Mi fai danzare tra le tue labbra al ritmo che conosci solo tu.

Ti voglio. Rispondo dedicandoti un canto. La mia voce si tramuta poi in quel flusso che solo tu conosci, si trasforma, si abbassa il tono, solo tu lo puoi sentire, solo a te è dedicato. Avvicinati e ascolta. Tieni alta l’attenzione, a non sprecare neanche un attimo. Tutto è dono, tutto è scambio. Questi siamo noi. Le nostre conversazioni sono un rincorrersi in un alternarsi di giochi, come due attori che tentano di rubare la scena l’uno all’altro, non per smanie di protagonismo ma perché ci sovrapponiamo come prendessimo forma in un amplesso immateriale.

Oggi ho letto la tua voce sulle righe della nostra vita scritta. A tratti era tagliente come la gelosia, in altri calda e rassicurante come un abbraccio e poi ancora violenta e trascinante come il desiderio sempre incompiuto eppure totale. Non ti stanchi mai e io nemmeno di trovare parole nuove, gesti da scoprire che accompagnino la bellezza della brezza che proviene da te, che entra dentro di me. Io ricambio. Ti regalo il mio concerto di suoni, sospiri, respiri, grida, risate…

È il nostro dialogo. È l’uso più alto della voce. La nostra. Al di là del silenzio.

Dedicato. Sempre Vicky.

 

26 aprile 2013 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Persone, Sentimenti | , , , , | 24 commenti

Ti respiro


(Google)

E’ importante dare alle cose un nome? E allo stesso modo ai sentimenti?

Non ho smesso di pormi domande, ho solo deciso di non darmi risposte. E di aspettare che arrivino,
mentre sto seduta ad osservarti,
ad ascoltarti, a riceverti.
Sono la volpe rossa addomesticata dal Piccolo Principe.

Ho un appuntamento con te,
abbiamo un ballo in sospeso, baci, ciliegie.

I miei silenzi?
Non è che non abbia nulla da comunicare…
E’ che i pensieri e le parole si affollano nella testa e nel cuore.

Come per tutte le emozioni forti, ecco il mio silenzio.

Solo per te.

Ti respiro.

Sempre Vicky!

27 luglio 2012 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Sentimenti | , , , , , | 12 commenti

Onde.

Sulla scia del mio post precedente “Quello da non dire”, pubblico il commento di ‘Raggio di Sole’, un amico carissimo col quale riesco a parlare di tutto, nel più ampio significato del termine. Quando un amico o un’amica diventa un altro te stesso in quanto a fiducia, allora puoi permetterti di farti conoscere sul serio, senza falsi pudori. Un miracolo. Può succedere…

“Ciao Vicky che Tu possa essere,a livello sessuale Normale! Non l’HO MAI PENSATO (ehhii!! calmati e bevi un po d’acqua..tranquilla!..) perchè Ti ritengo ,(dopo i primi tempi della conoscenza) Una ragazza ipersensibile…capace di assaporare fino in fondo ogni movimento erotico…in quello che normalmente vengono chiamati “i preliminari” sono CERTO che la fantasia viene superata daila Realtà…Quello che in genere il maschio,dopo poco abbandona,la ricerca di punti di piacere per entrambi, Sbagliando per incapacità,fretta,egoismo….Tu Avvalori,esalti,porti all’apice poi,ti ritrai per riprendere….come le onde s’infrangono,poi ritraendosi danno il Tempo per l’arrivo di un altra Onda…mai eguale,ma intensa… un sali csendi continuo- Chi mai ha messo Dei tempi al piacere? Sbagliava!! Ma questo NON toglie Nulla al prosieguo dell’Eros…è un inizio! il resto appartiene a Te e ai movimenti dell’Amante (nel senso puro del termine) Anche qui il darsi e ritrarre è.secondo me,basilare…i Tempi li detti Tu e l’Amato ..non il l’orologio..E anche qui sono convinto che NON SEI Normale!! :)…La Normalità appartiene a chi NON domanda molto,a colui/ei che s’accontenta…Tu Dolce “Raggio di Luna”..NON CONSIDERARTI NORMALE,non per superbia..i fatti parlano,la Sensibilità,Sensualità..SONO nel Tuo essere Donna che vuole di più di altre,non Come LE ALTRE…Un Baciottolissimo”.

Volutamente non ho modificato nulla, nè una virgola nè una maiuscola. Così mi è piaciuto, così ve lo dono!

Un abbraccio! Sempre Vicky.

16 marzo 2012 Posted by | Corpo, Esperienze, Idee, Persone | , , , , , | 10 commenti

   

Nocompensa

Not Another Travel Blog

DIARIO DI SOSTA

Benvenuti nel mio blog !

C.E Hall

Freelance Content Writer

memoriediunavagina

m'hanno detto che essere donna è bello, ma nella prossima vita preferirei rinascere maschio, magro e superdotato

Il diario della Persiceti

Solo me, me stessa, io.

phehinothatemiyeyelo - Vento nei Capelli

Kola cekiye slakiyawo - Consacra l'Amico

Happy Magician

Sii il cambiamento che vorresti nel mondo

Il Vizio di Leggere

"Non ci sono libri belli o brutti. Solo libri scritti bene o male, è tutto." (Oscar Wilde)

Sephiroth

"Scrivere sulle cose, mi ha permesso di sopportarle".

Poe di Elish_Mailyn

❣️Pensieri Stupendi tradotti in Poesia❣️ 🏆 Semper pugnare, non deficere 🏆 La vita è come andare in bicicletta, per mantenere l'equilibrio bisogna sempre stare in movimento (A. Einstein)

PhilosoBia

Between the world and me

Oregon Dogs

because writing about dogs just never gets old

wanderlust-connection.com

Esplora il mondo con me e ti porterò hasta el fin del mundo!!!

Mrinalini Raj

I LEAVE YOUR ROAD TO WALK ON MY GRASS.

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

onceuponahug

è il momento giusto per andare via, sempre, soprattutto adesso

The Godly Chic Diaries

Smiling • Writing • Dreaming

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: