Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Io mamma

Quel giorno il cuore voleva uscirmi dal petto e assomigliarti ma… ha generato il tuo e il miracolo è avvenuto.

La maternità nasce prima nel cuore. In quel giorno capisci che la morte esiste perchè il tuo cuore teme per un essere amato da sempre e per sempre!
Ti voglio bene, Cipì!
Sempre la tua mamma, sempre Vicky!

29 ottobre 2014 Posted by | Esperienze, Persone, Sentimenti | , , , | 8 commenti

Chi è mamma davvero

La maternità nasce prima nel cuore e poi nel corpo. La pensavo così già trent’anni fa, non ho cambiato idea… non ancora.
Credo la pensino così anche le mamme degli operai morti sul lavoro qualche anno fa.
Loro il sorriso lo hanno perso.

L’azienda che ridà sorriso e serenità alla famiglia qui sotto l’ha tolto ad altre. Per sempre.

mamma...

Sono disabile. Non userei un prodotto sporco di sangue

Ci penso con dolore tutte le volte che vedo i tapis roulant nei centri commerciali.

Sempre mamma, sempre Vicky.

https://www.youtube.com/watch?v=zcoE89oEHoI

14 maggio 2014 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Persone, Sentimenti | , , , , | 2 commenti

20 novembre 2013

Immagine 28

– Una famiglia –

Ciao a tutti!
Due momentacci sono passati oggi, non li auguro a nessuno ma… c’ero e non ero sola, nè dentro nè fuori…

Un GRAZIE speciale a mia figlia Emanuela, che era con me, l’altro più allargato agli amici e conoscenti, che mi incoraggiano e danno energie nuove!

Quello che ho dentro tu, che mi ami e mi leggi, lo sai.

Scorre una lacrima dolce… per chi ha l’Amore nel cuore e per chi è il cuore dell’Amore.

Sempre Vicky!

 

https://www.youtube.com/watch?v=v_p0yAbi6Bw

20 novembre 2013 Posted by | Anima, Esperienze, Mondo, Persone, Sentimenti | , , , , , , | 15 commenti

Bello schifo! Dov’è la giustizia?

O capitano! Mio capitano!...

Scrive Patrizia Moretti: «Tutti sono ancora al loro posto, i quattro agenti e la pm che non si recò all’Ippodromo quella notte ma ha denunciato me»
Nulla è cambiato se non io.

Sono sotto processo.

Ho criticato la Pm. Guerra con le stesse parole usate dai suoi colleghi, ma io non sono un magistrato e quindi non ne avevo facoltà.

Ora il funzionario Marino della questura di Ferrara, è stato assolto in appello: non mentì alla pm Guerra quella mattina del 25 settembre 2005. Non la ingannò nascondendole la verità su quanto era appena accaduto a quel ragazzo appena maggiorenne che si trovava ancora scoperto agli sguardi dei curiosi sul l’asfalto di via ippodromo, morto, con i segni della violenza addosso.

La pm semplicemente non ci andò. Non lo ritenne meritevole di attenzione. In fin dei conti chi era quel ragazzo? Un povero drogato? Un figlio di nessuno…

View original post 206 altre parole

25 ottobre 2012 Posted by | Esperienze, News, Persone | , , , | 4 commenti

La famiglia

locandina del film A SINGLE MAN

(Filmscoop.it)

Ho visto un paio di giorni fa in tv “A single man”, interpretato da un grandioso Colin Firth, nella parte di un gay che perde il suo compagno alla fine di una relazione durata sedici anni, al quale è impedito di vedere il suo amato perchè non ‘è un familiare’. A separarli ci ha già pensato un incidente stradale. Poi le persone. Ma… non è del film che voglio parlarti.

Stamattina ripensavo al dolore della perdita di una persona cara e a quanto sia importante sentirsi dire parole d’amore dalla persona più amata, la più vicina. Cos’è l’amore? Cos’è la famiglia? Cosa lega queste due realtà? Provo a raccontarti le mie emozioni e le mie lacrime di oggi. Quelle che mi fanno urlare dentro: ‘Sono viva! Io amo!’

Il mio punto di partenza: IO AMO, DUNQUE SONO FAMIGLIA PERCHE’ IN RELAZIONE CON ALTRI.

Ricordo. Alle dieci e mezza della sera del 10 febbraio ti ho detto ‘Addio’ fisicamente. Una famiglia, un amore che si stava lacerando. Ripenso sempre tra le lacrime a quel saluto e nonostante il dolore sono tutt’ora felice di esserci stata per te.

Non commento oltre. L’emozione è ancora viva e forte ma ho una domanda dal profondo del cuore. CHI DECIDE IL DESTINATARIO DEL NOSTRO AMORE? Anche tu e io eravamo sbagliati per gli ‘altri’, quelli fuori.

L’addio appena letto l’ho vissuto col mio uomo, ma il mio essere coppia e famiglia con lui e nostra figlia non mi ha MAI fatto pensare che il nostro sentimento fosse ‘superiore’. Negli anni ho imparato che non sono nessuno per giudicare cuore e mente altrui e che il fatto che la famiglia sia esclusivamente formata da uomo+donna+figli è UN’ENORME BUGIA!

La storia e la cronaca ce l’insegnano. Per non parlare di realtà che viviamo sotto i nostri occhi. Ma i nostri legislatori preferiscono non vedere. Sono ciechi che vogliono guidare altri ciechi. Le guide spirituali il più delle volte condotte al nocciolo della questione restano vaghi o, peggio, abbracciano fondamentalismi che con lo Spirito hanno poco o niente a cui vedere. Le proibizioni non insegnano nulla.

Chi è il padre o la madre di famiglia? Colui o colei che trasmette valori, esperienze, esempi e soprattutto COERENZA DI VITA.

Sta scritto: “Onora il padre e la madre.” 

Oggi mi sento di farlo, di essere sulla strada giusta, non perchè mi ricordi di loro come uomo e donna, ma perchè se guardassero a me senza condizionamenti sociali e religiosi, sarebbero fieri di una figlia-persona che pensa e agisce in libertà di coscienza. Partendo da un rinnovamento continuo di mente, cuore e spirito.

TUTTI QUELLI CHE AMANO, qualunque sia il loro orientamento sessuale, CHIEDONO QUESTO: RISPETTO. Il mio c’è.

Sempre Vicky!

30 giugno 2012 Posted by | Anima, Esperienze, Idee, Persone, Sentimenti | , , , , , , , | 13 commenti

Le parole semplici.

Mentre andavo a votare oggi mi sentivo un po’ stanca, svogliata, come mi succede quando non esco da un po’ oppure mi manca la persona che amo.

Ho deciso, comunque, di vincere la pigrizia perchè, nonostante tutte le campagne più o meno dissacratorie e demotivanti alle quali assisto, io al potere democratico delle persone che votano ci credo.

Non è di questo, però, che voglio parlarti.  Voglio parlarti della leggerezza e della piccola e grande gioia che ho provato ascoltando poche parole scambiate tra un papà e il suo bambino appena uscita dal seggio.

Questa la conversazione che ho ascoltato e che mi ha fatto apprezzare il sole, l’aria e perfino le case.

Papà, cosa vuol dire votare?”

“Votare significa scegliere.”

Abbiamo un presente, avremo un futuro. Grazie a entrambi! Sempre Vicky!

12 giugno 2011 Posted by | Esperienze, Idee, Persone | , , | 6 commenti

   

UnUniverso

Un Mondo Migliore

Un mondo vicino e lontano...

Riflessioni personali su Dio, sulla bellezza della Natura e della Creatività umana, in un mondo vicino e lontano...

IL Girasole

Non privare gli altri della felicità

Il cassetto nel cassetto

Un Mondo di Parole

Grigio antracite

Pensieri e racconti brevi

Last Waltz Under The Moonlight

☽ Come and dance with me this last waltz under the moonlight ☾

Safira's Journey

Create Your Own Happiness

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

il rifugio di Claudio

La Cultura ci nutre solo se il Pianeta vive . . . . . e questo dipende solo da noi . . . . . e ricordiamo sempre che .... "anche se non ti occupi di politica, stai sicuro che la politica si occuperà di te ..."

angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

B going to

"Qualsiasi cosa tu faccia sarà insignificante, ma è molto importante che tu la faccia."

Jamison Writes

Not Like The Whiskey

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: