Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Not in my name!

L’altro ieri ho visto un assassino a Roma, accolto e foraggiato anche a mie spese dal presidente della repubblica m. e da quello del consiglio r.

“Abbiamo stretto accordi economici con l’Iran”. Scritti col sangue di oppositori, donne lapidate, gay uccisi. Tutto il mondo lo sa.

Siamo in affari con un paese sanzionato dall’Onu.

L’assassino è stato ricevuto da Papa Francesco.

Giovanni Paolo II in Sicilia gridò ai mafiosi “Convertitevi! Un giorno arriverà il giudizio di Dio!”

Ho la nausea.

Sempre Vicky.

26 gennaio 2016 Posted by | Esperienze, Mondo, News, Persone, Storia | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Altro mercato

 (Google)

Se fossi lesbica mangerei quello che voglio, vivrei dove mi pare – senza informarmi sull’orientamento sessuale del presidente di regione -, ascolterei tutta la musica del mondo…

SAREI INSOMMA CITTADINA, Spirito e MENTE LIBERA SENZA MENATE SU CHI FREQUENTO O AMO.

NON HO MAI ACCETTATO – DA ALTRA E DIVERSA – BUONISMI E PATERNALISMI IPOCRITI.

NESSUNO RIFIUTEREBBE DI VENDERE UN APPARTAMENTO, UN’AUTO O UN VESTITO A UN EBREO, UNA PERSONA DISABILE, UNA SOVRAPPESO.

La vita è mia. Non appartiene al mercato. Il contrario, casomai!

Non esiste e non deve esserci uno o più mercati paralleli.

Canzone degli amanti. Tutti. Sempre Vicky!

29 settembre 2013 Posted by | Anima, Esperienze, Mondo, Persone | , , , , , , | 28 commenti

La guerra diventa ‘gay’?

Nel mondo un altro muro che cade o starebbe per farlo. Un’altra ipocrisia sconfitta, almeno sulla carta. Devo ammetterlo: il sistema USA a volte mi piace! Non voglio chiedermi il perchè e il per come, so solo che alcuni grossi messaggi di denuncia provengono proprio da un paese a volte definito puritano e bacchettone, poi con improvvisi ed enormi squarci di novità che passano quasi inosservati. Perlomeno dalle nostre parti, impegnati come siamo a tutelare il nostro piccolo metro di terra e una privacy che con le lotte per i diritti umani e civili non vuole avere nulla a che fare. Teniamoci strette le nostre meschinità, molto simili a questa.

“…il ministro della Difesa, Robert Gates, ha quindi invitato il Congresso ad abolire la cosiddetta legge Don’t ask don’t tell, che impedisce cioè il coming out, l’ammissione pubblica della propria omosessualità, ma che impone anche alle Forze armate di non chiedere a una persona i suoi orientamenti sessuali.”

Come non pensare alla manipolazione e alla possibile strumentalizzazione da parte di diversi schieramenti, secondo come tira il vento?

Quello che ora accade con i gay è già successo con i neri… E’ così oppure sono io ad avere la mente annebbiata?

Sebbene io rispetti tutti gli esseri umani senza distinzione alcuna, è ora che i diritti siano riconosciuti e basta. Anzi: sogno e spero che uomini e donne non debbano lottare più per diritti elementari come quello di essere sè stessi.

Piuttusto… Mr. Obama, insisto: RESTITUISCA IL NOBEL RICEVUTO, PERCHE’ LEI NON è UN UOMO DI PACE!

Non voglio la guerra dei gay nè quella dei neri. Il sangue ha lo stesso colore… Giù la maschera!

Da sempre non-violenta, Vicky!

Pubblicato su www.le-cercle.it/argomenti/php

6 gennaio 2011 Posted by | Anima, Esperienze, News | , , | 3 commenti

Chi modera la moderazione?

 

http://it.netlog.com/ragazzo_quasi_perfetto/photos/photoid=109129697

“Questa foto non viola il codice di condotta”: questo il messaggio che appare se si vuole segnalare una violazione (vedi foto sotto)

netlog

 

Da: Netlog.com

Codice di Condotta

Si deve obbedire a qualche regola, cosi tutti possono divertirsi con Netlog. Le azioni che sono proibite dalla legge e possono portare a condanna sono:

  • Razzismo, xenofobia e discriminazione (punibili col carcere). Su Netlog sono proibite note razziste, propaganda di discriminazione delle preferenze sessuali, foto razziste o insulti a stranieri. (segue)

Che mi dite della foto di cui sopra ritenuta accettabile? Pensavo di saperlo leggere bene l’italiano e invece… Voi? Che leggete?

Quello che leggo io è: AL ROGO I GAY.

Quando finiremo di trovare queste schifezze scritte in giro che tolgono serietà, credibilità e legalità a qualsiasi social network? Mah….

Un caro saluto, buona Ascensione anche a chi vola basso o addirittura non ha mai nemmeno provato a farlo… come gli autori di tutti i roghi! Sempre Vicky.

 

16 maggio 2010 Posted by | News, Persone | , | 2 commenti

Gay friendly… cioè? Sarebbe?

          Mostra immagine a dimensione intera    

 

Queste sono solo poche, pochissime immagini riferite ad un vero e proprio fenomeno sociale e commerciale. Inutile anticipare, per chi già mi conosce, quanto io non abbia pregiudizio alcuno. Per chi mi stesse leggendo per la prima volta dico: non smettete di leggere se avete un po’ di pazienza. Vi ringrazio fin da ora, grandi ex-sconosciuti!

Sarà perchè con me ci stanno provando da oltre 14 anni, sarà che le etichette buoniste e discriminatorie non le ho mai mandate giù… mi pongo incazzatamente una domanda: cosa aggiungerebbe alla mia dignità e alla qualità della mia vita che qualcuno mettesse un’insegna per strada oppure un’indicazione: ‘Disable friendly’ oppure ‘Disable street’? Niente, assolutamente niente. Anzi. Queste aperture falsamente progressiste mi danno la nausea e se fossi gay eviterei apposta tutto quanto contrassegnato da questo ‘bollino speciale’, stile contentino.

Dateci i nostri diritti, altro che cazzate, voi che indossate la maschera da normali!

Se dovessimo immaginare una società simile a fenomeno allargato dovremmo aspettarci, oltre alle salette riservate ai fumatori, ai luoghi recintati riservati ai cani, a quelli recanti contrassegno con l’accesso libero – cioè privo di barriere architettoniche in teoria – alle persone con disabilità (ora in Unione Europea si dice così… ogni tanto si varia il lessico), agli sportelli pubblici che danno precedenza alle donne incinte e anziani… provate solo a immaginarlo! Dove troverebbero più posto le persone cosiddette normali? Avrebbero ragione poi a incazzarsi e sbuffare, urlare pure loro per avere la precedenza… cribbio!

Ovviamente la mia è un’ironica amarezza oppure un’amara ironia… chiamatela come vi pare. IO SENTO GIA’ IL FIATO SUL COLLO… Svegliamoci, amici e sconosciuti, ci stiamo preparando a una guerra tra poveri per prenderci i nostri diritti. Non cadiamo nel tranello! Parliamoci! Lottiamo insieme.

Io nel ghetto non ci starò!

Voglio aprire un dialogo aperto a tutti, perchè desidero capire se gli altri ‘diversi’ si sentono tutelati, protetti, difesi, identificati positivamente da questo tipo di etichette, da questa omologazione verso il basso, ovviamente.

Con grande affetto, musicalmente sempre Vicky.

P.s.: nell’imbarazzo, ho messo le due versioni di ‘Oh, che sarà’ che preferisco.

 

 

 

25 aprile 2010 Posted by | Esperienze, Idee, Persone | , , | 4 commenti

“Luca era gay”…secondo Povia.

Senza giudizio. Solo in ascolto. Come sempre. Vicky.

22 febbraio 2010 Posted by | Esperienze, Persone | | 6 commenti

   

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

onceuponahug

è il momento giusto per andare via, sempre, soprattutto adesso

The Godly Chic Diaries

Smiling • Writing • Dreaming

Sfumature d'arcobaleno

Blog di sfumature di vita, scritto da qualcuno, da qualche parte, in qualche momento...

alemarcotti

io e la mia vita con la sm

solomari

"se scrivo ciò che sento è perchè così facendo abbasso la febbre di sentire" (F. Pessoa)

inpuntadipiedinaturalmente

dai rimedi naturali fatti in casa alla riflessologia

lucialorenzon

"La mia diversitá é la mia forza,la mia debolezza,la mia dignitá."

Not an Autism Mom

Hold Tight... It's a Wild Ride!

quel quid in più

mi hanno detto che ho quel "quid" in più: che cazzo è?

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

The Diary Of A Muslim Girl

Dare ◦ To ◦ Live ◦ Your ◦ Legacy

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

nz

Online zeitung

Be Bold be Beautiful Be you

this and that the tid bits of life

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: