Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Palme e pace

CORONAVIRUS. La messa della Domenica delle Palme (e anche quella di Pasqua)  in streaming dalla chiesa della Santa Famiglia di Cecina – Toscana Eventi &  News
dal web – Ulivo

Amici miei,

mi sto preparando alla festa della Domenica delle Palme con il cuore che prova sentimenti diversi e contrastanti.

Da una parte sento gioia e trepidazione per la festa che si sta preparando in queste ore, con l’ingresso di Gesù in Gerusalemme.

Noi tutti possiamo aprirgli la porta del cuore. Ognuno di noi può essere Gerusalemme qui e ora.

L’altro stato d’animo che sento è il senso di vuoto perché al mio fianco trentotto anni fa c’era Lorenzo, il mio amore, che nella domenica delle Palme è diventato mio marito PER SEMPRE.

Io… Ci provo giorno dopo giorno a vivere in modo degno e grato anche se fisicamente non siamo uniti.

L’Amore sopravvive ad ogni tempesta e io entro con la mia piccola palma nella settimana Santa in attesa di vivere questa preziosa e sempre nuova Pasqua.

Ascolto un brano sempre bellissimo nonostante gli anni.

Un abbraccio a tutti! Sempre Vicky!

27 marzo 2021 Posted by | Anima, Dio, famiglia, Mondo, Sentimenti | , , , , , , , | 29 commenti

21 maggio 2011 – Viva gli sposi!

Tra soli due giorni il capolavoro della mia vita, mia figlia Emanuela, diventerà la moglie di Emilio. Dopo una bella e lunga storia d’amore, prenderanno liberamente e consapevolmente il loro impegno davanti a Dio e agli uomini per iniziare un viaggio bellissimo e tortuoso, eppure sempre nuovo se solo ci crediamo. Non ho pensato a grossi discorsi, spero solo di avere, da imperfetta quale sono, dato un piccolo segno e testimonianza con la mia storia col suo amato papà Lorenzo. L’amore, comunque, è prima di tutto dono…

Questo il mio pensiero dal profondo del cuore:

Al capolavoro della mia vita, la mia Cipì

 Sei l’arcobaleno che ognuno vorrebbe ammirare dopo un temporale,

 Quello che mi accompagna dopo le tempeste della vita.

 Ti osservo quando ti muovi qui per casa, sei la luce che l’attraversa.

 Sei il rosso che la rende vivace e la illumina.

 E il verde che ispira una fresca estate.

 Resta così, rimani qui anche quando l’arcobaleno sarà passato e sarai

 vicina al tuo Sole-Emilio… quello che ti auguro non tramonti mai.

 Ti voglio bene, Figlia mia dolcissima, Amica mia fantastica e unica.

 Io per te sarò la Luna, che discreta illumina le ombre, che anche

 dietro le nuvole sai che c’è. Proprio come il tuo Sole!

 Sii serena, allegra, donna come oggi…

 E’ quanto di meglio posso augurarti, Amore mio!

 La tua mammona, sempre Vicky!

 

(6 maggio 2011 Addio al nubilato)”

19 maggio 2011 –

pubblicato oggi su www.le-cercle.it/argomenti.php

22 maggio 2011 Posted by | Anima, Esperienze, Sentimenti, Vita nuova | , , | 8 commenti

Il matrimonio in cui ho creduto…

   …l’amore in cui credo.

Ed ecco il secondo pezzo pubbicato nella mia rubrica su www.le-cercle.it/argomenti.php, scritto col cuore e con la voglia di farsi conoscere ed aprire un dialogo. Buona lettura, spero!

Un abbraccio, sempre Vicky.

 

2 giugno 2010 Posted by | Esperienze, Persone | , | 6 commenti

Io, il matrimonio e…

  Ieri ho riguardato il mio album di matrimonio dopo non so quanto tempo… Che bella giornata quella! Da quanto tempo non vivo più quella spensieratezza… Eppure le litigate erano molte, i soldi davvero pochi, io e Lorenzo abbiamo iniziato con zero, in un mini-appartamento di una trentina di metri quadri a Milano Ticinese. Era il 1983.

Ho vissuto con lui in un mondo a parte, il nostro. Un impegno volontario. Non fatto di illusioni ma di tanti sogni, e visioni. Alcune diventate realtà, alcune no, ma pur sempre desiderate ed inseguite insieme. I successi e i fallimenti, senza colpevolizzarsi. Quando ci si ama non conta la colpa, conta la soluzione. L’ho capito alla fine della nostra storia d’amore, quando è morto. Era l’undici febbraio 2005, era notte. A casa aspettavamo e basta. Non avevamo niente altro di meglio da fare. Io… avevo pianto tutta me stessa già da molto e in quel momento ero simile a un nulla. Un grosso buco. Un buco nero. Nessuna energia. Solo me stessa e la mia coppia, il ‘noi’ finito, irrimediabilmente.

Io di certo non l’avrei mai lasciato. E lui neppure. Davvero per noi essere insieme era sentirsi una cosa sola. Sotto tutti i punti di vista. Dal raccontarsi la giornata, la sua al lavoro e la mia a casa (io allora non lavoravo ancora), al fare ogni cosa insieme – la spesa, le commissioni, imbiancare la casa, lavare la macchina ogni tanto -, dal mettere ogni cosa in comune. La nostra famiglia era una comunità a tutti gli effetti.

Tutti gli aspetti sono importanti. Sì, perchè tutti contribuiscono alla riuscita di una relazione. La fedeltà ad un impegno preso prima ognuno nel proprio cuore, poi con chi si ama, infine se e quando possibile con Dio. Il matrimonio è una realtà da vivere giorno dopo giorno, è un inizio. Qualsiasi relazione lo è, se intrapresa con gli stessi intenti.

Il primo e più importante fondamento è che da ‘io’ si passa al ‘noi’. Che bello poterci contare, averlo come pilastro su cui appoggiare la propria vita e non avere paura di quello che può succedere perchè sei davvero certa che niente ti separerà dal tuo amore! Ci abbiamo creduto, io e Lorenzo. Fino alla fine.

Ce lo avevano detto tante volte ai corsi per la formazione delle famiglie che abbiamo frequentato per anni principalmente a Loreto: il matrimonio cristiano è icona del matrimonio di Cristo con la Chiesa. Ne abbiamo fatta esperienza: con la fedeltà, l’amore reciproco in salute e in malattia, la fiducia senza condizioni, il mettere in circolo il nostro amore con chiunque – anche sconosciuto – varcasse la soglia di casa nostra. 

La condivisione anche dei beni è sempre stata una cosa scontata, nulla studiato a tavolino, nessuna paura di essere derubati o imbrogliati l’uno dall’altro. Non ho lavorato con impegno fisso fino al 1990. Emanuela, nostra figlia, era il mio impegno. Il pensiero di perdermi qualcosa della sua crescita era assurdo per me. Sono stati anni felici. Rifarei tutto. Non c’è stato un solo giorno in cui io mi sia sentita nè umiliata nè inferiore o mantenuta da parte di Lorenzo perchè non portavo un altro stipendio, non contribuivo economicamente. Tutto era naturale: gestire la famiglia, spesa e conto corrente inclusi, progettare. Siamo cresciuti insieme. Ora…

Io in questa società non mi ci trovo. Qui sento solo comandare l “‘io” e il “mio”. Non è il mio posto. Non a queste condizioni. Vedo e vivo tante solitudini che si uniscono – molte volte con la convivenza – e ognuno vuole il ‘suo’ spazio, vuole vivere la ‘sua’ vita… Per non parlare dei soldi… Rigorosamente conti separati (bancari e di cassa): ‘questo lo paghi tu, questo io’. Più pratico, in caso tutto finisse… Vuoi mettere?

Che tristezza! Lasciatemi continuare a credere nel ‘noi’. Io lo voglio. Fuori da questo non vedo felicità. Vedo un inseguire un’illusione. Scusate, è tutto un altro pianeta!

Un pensiero a Lorenzo, un caro saluto a voi, sempre con la musica! Sempre Vicky.

 

25 gennaio 2010 Posted by | Esperienze, Persone, Sentimenti | , , | 8 commenti

   

The 4th Dimension

Random Stuff I Think You'll Like

RIVA OMBROSA

Quando si ama si dona

deluarhossain336@gmail.com

deluarhossain336@gmail.com

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

Meereskind

Reisen beginnt im Kopf

SCEGLI TU...POI TI CONSIGLIO IO

"IL MONDO SAREBBE UN POSTO MIGLIORE, SE UNO DEI CINQUE SENSI FOSSE STATO L'IRONIA"

Jakob Iobiz

Scrittore

Free Fonts

Fonts Download

365 dni w obiektywie LG/Samsunga

365 days a lens LG/Samsung

AMblogger

AM_blogger

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

study material

Try try try but don't cry

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Revolver Boots

Scream for me...

Nengkoy

ruminations & travesties of the favorite yet naughty son of Nengkoy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: