Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Il vecchio e il bambino.

Per non dimenticare… martelleremo, racconteremo, disturberemo il silenzio delle coscienze addormentate… ancora e ancora.

Ospito con grandissimo piacere un pezzo dedicato a questa giornata, istituita solo 10 anni fa, il cui titolo è una realtà, ma anche un presagio, anzi una speranza di un passaggio di consegne di un futuro e – in altri paesi – un presente orribile e omicida da una generazione all’altra. Una domanda emerge: dov’è la generazione intermedia? Siamo noi, io che scrivo e tu che mi stai leggendo… quelli che presi dall’esistenza mediocre senza memoria e senza prospettiva… DORME.

Dovevamo fare da ponte. Invece, col nostro sonno intellettuale e morale, non viviamo neppure il presente.

Guardo. Il vecchio e il bambino si comnprendono. Si prendono per mano. Continuano la storia.
Ci sono due immagini che mi sono sempre rimaste in mente tra le migliaia di foto e filmati  dell’Olocausto. Un bambino di forse10 anni con le mani alzate in mezzo ad una strada insieme ad altri deportati, forse la sua famiglia, una foto famosa. L’altra è il viso di un vecchio, inginocchiato tra le gambe stivalate di una SS, un vecchio che piange chiedendo forse una impossibile pietà. Un filmato molto meno conosciuto ma non meno duro. Entrambe mi fanno pensare al titolo del più famoso libro di Primo Levi. Chiediamoci se questo è un uomo. Se questo bambino terrorizzato è già un uomo, un pericoloso nemico da eliminare senza lasciarne traccia. Se quel vecchio disperato è ancora un uomo, ridotto come è a piangere in ginocchio per sperare di vivere almeno fino a sera. Quando si smette di essere uomini, di avere umanità in noi stessi e ci si abbandona senza più reagire? La macchina della morte nazista cancellava gli uomini e creava numeri per riempire le statistiche mensili della produzione di cadaveri da bruciare. Quelli non dovevano più essere o diventare uomini ma solo le unità di un pallottoliere infernale. Credo però che la domanda da fare sia un’altra, come tante domande ovvia e troppe volte non posta. Dimmi se chi punta il fucile contro il bambino è un uomo. Se è un uomo chi umilia un vecchio con l’orgoglio di farlo e ride delle sue lacrime di disperazione e di dolore. Possiamo domandarci adesso se quelli sono uomini ma la risposta la sappiamo già e non ci piace. Perché purtroppo sono uomini, persone normali, con un cuore, forse un amore ma che hanno rinunciato o venduto la loro umanità, che hanno dato spazio al loro lato peggiore pronti poi a rifugiarsi e a chiedere pietà quando la macchina si inceppa e si rivolta contro di loro. Sapere che sono uomini ci spaventa perché basta a farci capire che può succedere ancora, che è successo prima e dopo, che sta succedendo ancora. In Congo, in Rwanda, in Sudan, in Kosovo, qui davanti a noi, ovunque.

Il giorno della memoria è stato inventato per  ricordare cosa è stato, dovremmo inventarne uno per ricordaci di quello che può ancora essere perché siamo uomini. 

(Paolo Artuso)

27 gennaio 2011

Un grosso abbraccio al mio caro amico per questa traccia lasciata nel mio cuore e nella mia memoria. Sempre Vicky!

27 gennaio 2011 Posted by | Esperienze, Idee, Persone, Sapienza | , , | 11 commenti

Aver paura… eppur sentire!

Aver paura di innamorarsi troppo.

Ascolto musica.
E’ la compagna della mia vita soprattutto da quando sono sola, intendo senza l’uomo che è stato il più grande amore della mia vita.

All’improvviso arriva.
Torna.
Quel senso di vuoto, quel sentirsi non a posto, in un ruolo che non è il tuo, che non ti appartiene.
Questa prigione non sono io!

Non posso sopportarlo.
Non sono nata per rimuginare e restare a piangere sui ‘falliti amori’ e voglio ‘ubriacarmi di fiducia’ per ricominciare ancora.
Provarci.
Sono impulsiva, istintiva.
Ragionare troppo, studiare particolari, tattiche, strategie di corteggiamento e stare attenta alle parole giuste da dire… non è Vicky questa.
E’ quella che gli altri si aspettano.
Io non sono prudente.
Io non calcolo i rischi.

Non posso vivere la vita di un’altra.
Sono io.
Lascio spazio come sempre a quello che deve venire.
Ho paura.
Vorrei dire quello che non riesco a pronunciare… neppure a scrivere.
E’ un’emozione che è imprigionata.

Ascolto musica.
Battisti mi ha colta d’improvviso mentre penso a queste cose
.

Quanto ha ragione…
Si aspettano i tempi, i modi, i messaggi di amori e di amici per paura di rovinare tutto.
A volte invece accade una sincronia, una magia.
Quante volte però si sottovaluta una persona, una situazione, un sentimento solo perché non rientra nei clichè socialmente accettati?

L’uomo giusto, l’amico giusto… perfino l’io giusto, quello sfaccettato secondo chi deve affrontare.
Quello che per non rischiare non si lascia conoscere per com’è, per non deludere.
O peggio, per non restare deluso.

Ascolto il mio cuore e la sua musica.
Non accadrà più.
Il falso rispetto umano non mi impedirà più di essere me stessa, anche in queste esperienze e occasioni alle quali aprire le resistenze.

Tu… non lo sai ancora, ma sei già parte di me.
Ti ho già dentro.
Non ho alternativa.

Un regalo della vita… l’eterno albero che conta anche dopo il Natale.
Quest’anno per me è già arrivato.

Metto in circolo il mio piccolo amore perché… solo perché quello che per me conta possa arrivare.”

Da www.le-cercle.it/argomenti.php

Un eterno grazie a Dio e al poeta Lucio Battisti. Sempre Vicky…

15 dicembre 2010 Posted by | Anima, Persone, Vita nuova | , , | 18 commenti

   

4000 Wu Otto

Drink the fuel!

CartaCuorePenna

Ciò che scrivi con il cuore non sarà mai sbagliato!

Endless dreams and boundless imaginations!

We only live once. Hence, let's not stop dreaming

refugeenotes

About my life and everything else 🙌 Inst:@nihilnove

Croatia, the War, and the Future

Ina Vukic - Croatia: people, politics, history, economy, transitioning from communism to democracy

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Sedicesimo anno ♥    

حلم الدرويش

مدونة تهتم بموضوعات متعددة مثل :الأدب والكتابة والتعليم وقضايا إجتماعية وإنسانية

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie.

Iridediluce

“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Te miro, me miras... Nos miramos.

El blog de María G. Vicent

Helena And The Sea Photography

Photographer obsessed with water, and with taking photos.

ウサピョンブログ

コロナなんかに負けない

28 films plus tard

Le blog Cinéma et Divertissements pensé à dos de licorne sous une pluie d'hémoglobine

Indicibile

stellare

Speranze Letterarie

Lettura racconti gratis - Free reading of novels

Hassentidoque.wordpress.com

Has sentido que...

Teacher as Transformer

Transforming Education, and Leadership, Transcending Where We Each Are in Life

kampungmanisku

menjelajah dunia seni tanpa meninggalkan sains

Tiny Life

mostly photos

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: