Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Viaggio

Risultati immagini per viaggi

Parto dal cuore
un luogo non so dove
inizia da me
voglia di te
terra vergine
collina prima dello stupore
orizzonte del mio andare
ore minuti secondi infiniti
lancette fantasma
il tempo sta nelle viscere
fame e sete di esserci
che il sempre esista
e il mai non fugga via
scoglio del mare
sasso di fiume
sabbia incontabile
retta che viola il cerchio 
rompo l’infinito
vista sublime
occhi non bastano
un cuore nemmeno
il viaggio continua

 

Dedicato a me stessa e a tutti voi, sempre Vicky!

 

20 giugno 2017 Posted by | amore, Anima, Mondo, Musica, Persone, Viaggi | , , , , , , , , | 30 commenti

Le domande consuete

Risultati immagini per abbracci tra donneGoogle

Il mio regalo a me stessa e a tutte le anime femmine. Sempre Vicky ❤

 

Canzone delle domande consuete (Francesco Guccini)

Ancora qui a domandarsi e a far finta di niente

come se il tempo per noi non costasse l’uguale,

come se il tempo passato ed il tempo presente

non avessero stessa amarezza di sale.

Tu non sai le domande, ma non risponderei

per non strascinare le parole in linguaggio d’azzardo;

eri bella, lo so, e che bella che sei;

dicon tanto un silenzio e uno sguardo.

Se ci sono non so cosa sono e se vuoi

quel che sono o sarei, quel che saro’ domani…

non parlare non dire piu’ niente se puoi,

lascia farlo ai tuoi occhi alle mani.

Non andare… vai. Non restare… stai.

Non parlare… parlami di te.

Tu lo sai, io lo so, quanto vanno disperse,

trascinate dai giorni come piena di fiume

tante cose sembrate e credute diverse

come un prato coperto a bitume.

Rimanere cosi’ annaspare nel niente,

custodire i ricordi, carezzare le eta’,

e’ uno stallo o un rifiuto crudele e incosciente

del diritto alla felicita’

Se ci sei, cosa sei? Cosa pensi e perché?

Non lo so, non lo sai; siamo qui o lontani?

Esser tutto, un momento, ma dentro di te.

Aver tutto, ma non il domani.

Non andare… vai. Non restare… stai.

Non parlare… parlami di te.

E siamo qui, spogli, in questa stagione che unisce

tutto cio’ che sta fermo, tutto cio’ che si muove;

non so dire se nasce un periodo o finisce,

se dal cielo ora piove o non piove,

pronto a dire “buongiorno”, a rispondere “bene”

a sorridere a “salve”, dire anch’io “come va?”

Non c’ vento stasera. Siamo o non siamo assieme?

Fuori c’e’ ancora una citta’

Se c’e’ ancora balliamoci dentro stasera,

con gli amici cantiamo una nuova canzone…

…tanti anni, e sono qui ad aspettar primavera

tanti anni, ed ancora in pallone

Non andare… vai. Non restare… stai.

Non parlare… parlami di te.

Non andare… vai. Non restare… stai.

Non parlare… parlami di noi.

8 marzo 2017 Posted by | amore, Anima, Dialogo, Esperienze, Musica, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , , , | 5 commenti

Toccami

(Google)

Toccami. I tuoi occhi sanno incantarmi. Le tue mani prolungano le loro carezze immateriali. Non so da dove cominciare… mi sento improvvisamente piccola, terra sconosciuta inondata dalla tua acqua, dall’azzurro uomo che sei. Percorri le strade invisibili e davanti a te si aprono ancora nuovi sentieri. Portami più in alto, dove anch’io posso volare, tu e io siamo cielo, aria, cosmo…

Dominami. Le mie mani diventano le tue. Ne disegno ogni piccolo solco, aspetto di conoscere il successivo appena me ne riveli i segreti. Premi su di me con la sapienza di chi modella la creta. Io divento opera delle tue mani, non posso e non voglio sottrarmi al tuo calore. Entra. Porta del mio io è la mia pelle. Incontrami…

Mangiami. Cibati di quanto nella bocca non ci starebbe. Il sapore più ambito è quello ancora sconosciuto. Eros. Luogo sacro io per te, offerta che diventa sostanza di vita. Mentre mi trasformo trovo casa dentro di te. Sei pulito. Ammiro la tua bellezza interiore in questo viaggio etereo.
Occhi chiusi. Aspetto…

Guardami. Il mio viso tra le mani come calice da bere. È il tuo momento, anche il mio. Celebrami. Sono pane, sono vino. Tu come miele che resta sulle dita da leccare. Disegno con la lingua il disegno che mi toglie la fame… non serve altro. Su di te mi scrivo. Resto.

Sempre Vicky.

9 febbraio 2014 Posted by | Anima, Corpo, Dialogo, Persone, Sentimenti | , , , , | 13 commenti

Segreti

(Google)

Ho appena finito di vedere un film di Pedro Almodovar, “Volver“. L’ho visto a più riprese, interrotta piacevolmente da alcune telefonate. Un film è sempre un film dopo tutto, lo puoi vedere e rivedere all’infinito. Parlare con le persone, soprattutto con quella amata, può essere l’occasione irripetibile e unica di una giornata come anche della vita.

Il mio compagno è intelligente e sensibile. Mi dà ottimi consigli in fatto di libri e film. Anche questo è un modo di conoscersi e dialogare oltre la superficie. Avevo scaricato questa pellicola di Almodovar già da tempo mettendolo da parte. Così oggi pomeriggio per contrastare la noia, il nervoso e l’incolmabile vuoto della solitudine mi sono messa al PC e l’ho guardato. Condivido giusto qualche impressione passata e rimasta dentro.

Tutti abbiamo dei segreti che fanno parte del bagaglio che ci portiamo appresso per la maggior parte della nostra vita. Tutti vorremmo incontrare quella persona che tocca quel punto profondo, a volte nascosto anche a noi stessi, che rappresenta il nodo da sciogliere per essere finalmente liberi, consapevoli, sereni… insomma felici. Ciò nonostante abbiamo paura di affrontare i nostri ricordi, il nostro lato oscuro, il nostro io spesso consapevole di eventi che ci riguardano e ci coinvolgono in prima persona o come spettatori o peggio ancora come vittime.

“Volver”, grazie all’intelligente intreccio delle vite tutte al femminile collegate tra di loro da segreti di famiglia inconfessabili, può prendere per mano e portare lo spettatore in un viaggio tutto personale.

Un altro film scorre davanti ai miei occhi, quelli fisici e quelli interiori. Sono i segreti della mia vita. Ad alcuni ripenso con distacco, quasi facessero parte della vita di qualcun altro in modo da soffrire meno. Su altri mi accanisco a volte quasi per esorcizzarli, per ucciderli e farli scomparire per sempre dalla mia memoria per smettere di stare male.

Sicuramente non racconteremo mai a chiunque quanto custodiamo gelosamente in quell’angolo nascosto che sappiamo soltanto noi. Da qualche parte però bisogna pur cominciare per diventare finalmente adulti, dare un nome alle cose che ci succedono, abbandonare la vecchia vita e cogliere l’occasione per rinascere.

Tu… Fondente, che mi stai leggendo, mi stai conoscendo anche sotto questo aspetto. Ho una fiducia profonda in te. Ho consegnato a te la chiave per aprire quella porta, oltre la quale hai trovato un quaderno immaginario sul quale ho scritto degli appunti. Sto crescendo con te sotto tutti i punti di vista. Sono sicura del tuo non giudizio e con questo presupposto so che un giorno quella porta non esisterà più.

Sarò libera. Niente più vergogna. Niente più paura del passato. Niente più timore di ricatti dalla persona più pericolosa: me stessa.

Una carezza leggera, sempre Vicky.

 

https://www.youtube.com/watch?v=3PJiNOJsK8E

14 settembre 2013 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze | , , , , , , | 8 commenti

   

DIARIO DI SOSTA

Benvenuti nel mio blog !

C.E Hall

Freelance Content Writer

memoriediunavagina

m'hanno detto che essere donna è bello, ma nella prossima vita preferirei rinascere maschio, magro e superdotato

Il diario della Persiceti

Solo me, me stessa, io.

phehinothatemiyeyelo - Vento nei Capelli

Kola cekiye slakiyawo - Consacra l'Amico

Happy Magician

Sii il cambiamento che vorresti nel mondo

Il Vizio di Leggere

"Non ci sono libri belli o brutti. Solo libri scritti bene o male, è tutto." (Oscar Wilde)

Sephiroth

"Scrivere sulle cose, mi ha permesso di sopportarle".

Poe di Elish_Mailyn

❣️Pensieri Stupendi tradotti in Poesia❣️ 🏆 Semper pugnare, non deficere 🏆 La vita è come andare in bicicletta, per mantenere l'equilibrio bisogna sempre stare in movimento (A. Einstein)

PhilosoBia

Between the world and me

Oregon Dogs

because writing about dogs just never gets old

wanderlust-connection.com

Esplora il mondo con me e ti porterò hasta el fin del mundo!!!

Mrinalini Raj

I LEAVE YOUR ROAD TO WALK ON MY GRASS.

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

onceuponahug

è il momento giusto per andare via, sempre, soprattutto adesso

The Godly Chic Diaries

Smiling • Writing • Dreaming

Sfumature d'arcobaleno

Blog di sfumature di vita, scritto da qualcuno, da qualche parte, in qualche momento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: