Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Something beautiful/2 – Il tocco.

Dovessimo comparare il livello di desiderio di persone di ambo i sessi ‘normodotate’ e quello di quelle ‘con disabilità’, cosa noteremmo immediatamente? Niente, assolutamente niente. Il bisogno d’amore e di affettività è identico. Voglio continuare questo dialogo sulla scia del mio blog precedente.

A dire la verità mi era venuto in mente di inserire un’immagine di un bacio tra diversamente abili al posto di quella raffigurante la percentuale. Poi mi sono detta: “Perché considerarlo qualcosa di diverso?” Ciononostante ho fatto una rapida ricerca tra le immagini di Google. Il risultato: baci in tutte le salse, i colori, le forme – compresi i baci gay e saffici – tranne quello che cercavo. Meglio così, se nessuno li pensa degni di essere mostrati perché… non si sa perché… non lo farò io per soddisfare la curiosità di chiunque.
I baci è meglio viverli che descriverli.

Mi piacerebbe provare a considerare i sensi, uno per uno. Dal mio punto di vista, provando a fare incursioni in disabilità diverse dalla mia.  Raccontarmi, rivelarmi… con estremo rispetto verso me stessa e gli altri.

Premessa unica a tutto ciò che mi riguarda – per chi mi legge da un po’ e comincia a conoscermi – è e sarà solo questa: mai lasciarmi inscatolare o peggio ingabbiare in una categoria che hanno deciso gli altri, con sentimenti e sensazioni presunte, con un inquadramento sociale che fa comodo a chi pensa che i ‘diversi’ siano necessariamente deficitari o peggio inferiori. Io non mi sento di vivere in un mondo a parte, e neppure lo desidero. Sono una persona tra le persone, con tutto il suo bagaglio di passato e nessuna valigia pronta per il futuro. Per quanto riguarda il presente… non occorrono bagagli!

 

Un’immagine bellissima quella sopra che vuole essere solo introduttiva per osservare, riflettere, contemplare vari tipi di tocco senza necessariamente diversificarli per ogni categoria prestabilita. Chi legge potrà, così come faccio io nello scrivere, rapportare a sè stesso e, nel caso ne avesse piacere, apportare un contributo con la propria sensibilità ed esperienza.

Il bacio, la carezza, l’esplorazione del corpo – solo per fare pochissimi esempi – sono bellissime espressioni del primo dei nostri cinque sensi che vorrei considerare. Se mi osservo, se penso a persone diverse tra loro che conosco, non posso che provare ad iniziare un percorso provando a calarmi in realtà anche a me sconosciute. Cosa provano le persone? Nei panni di chi ha disabilità motorie come me mi viene abbastanza facile mettermi, seppur con tutti i miei limiti… Chiudo gli occhi. Voglio provare solo ad immaginare il battito del cuore di un non vedente. È vero che tutti o quasi chiudiamo gli occhi per baciare. Qualcuno però non può riaprirli… ed ecco che il tocco viene in aiuto, un altro tipo di tocco: la carezza, quella che permette di esplorare il corpo, sia esso il viso, le mani, tutto purché si riesca a decifrare in un linguaggio diverso e attraverso codici diversi cosa si comunica e cosa si riceve in quel momento, in quelli precedenti, in quelli successivi. La mia impressione? Onestamente, poiché limitata nel tempo, assomiglia ad un gioco – erotico forse – nel quale l’ascolto attento del proprio e dell’altrui corpo è fondamentale. Da quello ha origine il resto. Lascio spazio a tanto che i non vedenti possono insegnarmi sull’argomento, fosse anche ridendo delle mie stesse parole. E imparo…

Il secondo ed ultimo esempio che voglio esplorare è quello dei non udenti. Anni fa moltissimi di noi avranno visto un film dedicato a questo tema: “Figli di un dio minore” con la fantastica Marlee Martleen e William Hurt. Ho cominciato a chiedermi quale fosse la diversa sensibilità – se mai ce ne fosse una – di queste persone. Generalmente ho sempre pensato che non ce ne fossero. Mi sbagliavo.
Di recente, durante una telefonata con un caro amico, ho riflettuto su questo e ho pensato: “Anche i gesti hanno un suono”. Difatti il bacio, il tocco di un vestito, oppure dei capelli fanno rumore. Un rumore a volte impercettibile se sommerso da altri. Ma così distinto in certi momenti in cui per tutti noi c’è solo il silenzio. La differenza? Il silenzio per alcuni non è una scelta. Dove saremo aiutati in questo caso dal tocco? Cerco di ripetere la stessa esperienza di prima. Mi isolo. Ci provo… Provo a far scorrere le mani nei capelli, sui vestiti, sulle gambe per sentire il rumore a cui non partecipano i non udenti. Mi vergogno un po’ anche solo con me stessa, ma capisco che spesso è necessario uscire da se stessi, dal nostro piccolo ghetto e provare vie nuove. Mi sembra di intravederla ora… correggetemi se sbaglio. Possiamo essere anche qui aiutati. Avevo dimenticato quanto siano importanti nel tocco, anche in questo caso come in tutti – torna la mia idea fissa sulle categorie inesistenti! – altre componenti oltre alle rumore: il calore, il freddo, la pelle d’oca, il sudore, il profumo, la consistenza dei tessuti e della pelle.

Quante cose passano inosservate dalla nostra vita! Se solo potessimo immergerci un attimo nell’esperienza dell’altro quanto avremmo da imparare… E perché no? Magari da condividere e da insegnare, in misura e modi diversi con la calma che la comunicazionedi qualsiasi tipo – esige per esistere.

Come vivo io il tocco? qualcuno potrà chiedermi… Considerando la limitata sensibilità e mobilità delle mie mani e delle mie gambe, ho tutto l’universo ancora da scoprire! Mi limito a sottolineare una cosa, rivolta soprattutto a chi si trova nelle mie stesse condizioni o magari migliori: non dimentichiamo che l’affettività anche “subita” – da intendersi non attiva – come nel mio caso in alcune situazioni, non ha niente di inferiore a quella attiva perché in qualsiasi forma di affettività e scambio di sentimenti c’è qualcosa che passa, che va oltre quello che si vede, quello che si sente, quello che si tocca.

Vi ringrazio per avere avuto la pazienza di leggere queste righe che dedico a tutti quelli che, consapevolmente o non, si lasciano rubare la libertà di amare da chi li ha convinti che non sono in grado di farlo. È ora di dire a questi carcerieri dell’anima e della mente di buttare la chiave della nostra catena. Un corpo con dei limiti è pur sempre un corpo vivo, una persona.

HANDS OFF!

Oltre l’apparenza. Sempre Vicky!

 

16 settembre 2010 Posted by | Esperienze, Persone | , , | 12 commenti

Viola di mare.

   Ieri non ho partecipato a manifestazioni, non ho protestato, non ho parlato con nessuno dell’omofobia – tranne i soliti casini che combino con Claudio, il mio compagno, quando ci confrontiamo… Io sono piena di dubbi e contraddizioni. Una delle poche cose di cui però sono certa è che non accetto la violenza. Su nessuno. Per qualsiasi motivo.

Uno splendido quanto crudele ritratto di donne e uomini ‘Viola di mare’, un film del 2008 che descrive la storia d’amore tra due ragazze in un piccolo paese della Sicilia a fine ‘800, ispirata ad una vicenda realmente accaduta. Una sfida aperta, una storia appassionata che trascina non tanto per la relazione ‘fuori’ ma per i rapporti tra le persone, i baluardi di una società decadente. Una famiglia malata di falsi valori, una società civile e religiosa complice, la Chiesa prostituta: sembra di parlare di temi attuali eppure sono passati 200 anni…

 

 

Così, l’altra sera, ho voluto trascorrere del tempo con le protagoniste di questa storia e con me stessa. Mi sono posta molte domande alle quali non ho trovato risposta. Non da sola almeno. Devo approfondire, conoscere, chiedere, ascoltare soprattutto.

Le donne, o meglio le femmine, in qualsiasi condizione si trovino, subiscono violenze fisiche e psichiche sempre ingiuste. Ancora di più se sono ‘diverse’ rispetto a quello che è ormai un comodo clichè e si sottraggono al compito atavico di compensare e ri-compensare l’uomo, padre, fratello, marito, datore di lavoro che sia.

Al termine di questa breve riflessione, facendo mia una citazione di Pierpaolo Pasolini, anch’io dico IO SO. Non tacerò.

Una dedica. A tutte le persone innamorate e trattate con violenza a causa della propria scelta. Un abbraccio, sempre Vicky.

 

19 Maggio 2010 Posted by | Esperienze, Idee, Persone | , , , | 7 commenti

   

Willing Yourself To Win

Life, love and destiny.

Pensieri Parole e Poesie

Sono una donna libera. Nel mio blog farete un viaggio lungo e profondo nei pensieri della mente del cuore e dell anima.

Il blog di Mammaformica

Cuoca per caso, tester per hobby, mamma per vocazione

Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, Aspergers syndrom, samhällsdebatt

parole e basta

d'amore, sesso, vita e poesia

EmoticonBlu

Mi contraddico? Certo che mi contraddico! Sono grande, contengo moltitudini! (W. Whitman)

cocinaitaly

comida italiana

❤AAISHA ❤ GOUR❤

❤❤❤अधूरे ख्वाबो को पूरे करने की हिम्मत रखती हु पंख नही है तो क्या हुआ हौसलो से उड़ान भरती हु ❤❤❤

BE THE CHANGE

Refresh and start a new chapter

The 4th Dimension

Random Stuff I Think You'll Like

RIVA OMBROSA

Quando si ama si dona

deluarhossain336@gmail.com

deluarhossain336@gmail.com

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

Meereskind

Reisen beginnt im Kopf

SCEGLI TU...POI TI CONSIGLIO IO

"IL MONDO SAREBBE UN POSTO MIGLIORE, SE UNO DEI CINQUE SENSI FOSSE STATO L'IRONIA"

Jakob Iobiz

Scrittore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: