Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

ACCADDE OGGI, IL 20 LUGLIO 2001 AL G8 GENOVA VIENE UCCISO CARLO GIULIANI — Sud Reporter

Il 20 luglio 2001 a Genova: durante gli scontri in piazza in occasione del G8 viene ucciso Carlo Giuliani, con un colpo di pistola dal carabiniere Mario Placanica.

via ACCADDE OGGI, IL 20 LUGLIO 2001 AL G8 GENOVA VIENE UCCISO CARLO GIULIANI — Sud Reporter

PER NON DIMENTICARE.

Sempre Vicky.

 

20 luglio 2020 Posted by | Diritti umani, Esperienze, Persone, Sentimenti, Storia | , , , , , , , , | 11 commenti

Passeggiata “solitaria”

download

 

Amici miei,
vi è capitato di recente di fare una passeggiata apparentemente solitaria e silenziosa?

A me è successo qui dove vivo incontrando animali anche comuni che, distrattamente, mi sfuggono.

Quelli che non mancano mai sono i cani, di ogni taglia e razza. Vi è mai capitato di pensare quanto un cane possa assomigliare al suo padrone? Lo so che sembra ridicolo, però se li osservate bene noterete che molti hanno anche un’andatura simile. Probabilmente nel tempo hanno adeguato il passo dell’uno all’altro.

Anche seguire la strada che percorre una formica o un altro insetto che cammina riesce a meravigliarmi. Da quando anni fa ho avuto consapevolezza del valore di ogni singola vita, anche la più piccola del regno animale, mi sono ritrovata a rispettarla e quindi cerco di non calpestare neanche le formiche con le ruote della mia carrozzina. Più che dagli insetti che volano ho imparato la pazienza dalla vita faticosa di quelli che è più facile osservare, come per esempio le lumache (tra l’altro sono degli animali da me molto amati).

Di recente poi mi sono imbattuta in un leprotto. Mi sono fermata non so per quanto tempo a osservare i suoi movimenti all’inizio molto lenti; poi deve esser stato allarmato da qualche rumore ed è partito a tutta velocità scomparendo dalla mia vista. Che meraviglia! Non posso neanche immaginare che qualcuno possa interrompere la sua corsa con un proiettile

Dalle mie parti c’è molta campagna e cascine, dove trovare e sentire la presenza di animali dei quali probabilmente tanti bambini di città, come lo ero io, ignorano l’aspetto.

Galline, mucche, pavoni, gatti randagi, tortore e chissà quanto altro per cui rallegrarsi e ringraziare Dio di esistere.

Molte farfalle mi hanno fatto compagnia, soprattutto quelle comuni di colore bianco.

Gli ultimi compagni di viaggio che incontro sono una comunità di nutrie e infine un paio di api intente a corteggiare dei fiori spontanei.

Da quando ho dovuto rallentare la mia andatura usando la carrozzina elettronica ho scoperto un universo silenziosamente vivo.

Come me. Con me.

Vi abbraccio, in un momento di pace che ho voluto condividere. Sempre Vicky.

 

13 luglio 2020 Posted by | Esperienze, Mondo, Viaggi | , , , , , , , | 16 commenti

Voglio essere così, un prete si racconta

download

 

Amici miei,
quello per don Luigi Verdi della comunità di Romena (AR) è un affetto, un amore fraterno e piccolo nato stasera, sfogliando le pagine su Youtube.

So che il filmato è lungo: credetemi non si tratta di parole facili. È vita.

Senza maschere. Fragilità. Verità. Umanità.

Io, mentre lo ascolto, anzi lo assorbo e lo accolgo, mi ritrovo sul monte ad udire l’esperienza delle beatitudini insegnate da Gesù. È lui a rivelare con scandalo parole controcorrente. Quelle della felicità vera da vivere.

È lì che attende alla porta. Bussa con discrezione.

Ho sete e fame. 

E non parlo di cibo.

Parliamo e condividiamo. Io vorrei farmi conoscere da voi.

Sempre rinnovata. Sempre vostra Vicky!

 

17 febbraio 2019 Posted by | Anima, Dialogo, Dio, Esperienze, Persone | , , , , , , , , , , | 14 commenti

Metropolitana

Risultati immagini per gente in metro a milano con cellulare

 

Oggi 
durante il mio viaggio
in metropolitana
ho ascoltato
echi
di silenzio

Oggi
mentre attraversavo
il ventre sterile
dell’umanità in città
ho visto
facce tristi
provare a vivere

Attaccate a un filo

 

Una dedica a tutti. Buonanotte! Sempre Vicky!

 

26 aprile 2018 Posted by | Anima, Esperienze, Mondo, Musica, Persone | , , , , , , | 23 commenti

irrefutable evidence

Amici miei,
nell’ultimo periodo della mia vita passata a stretto contatto con la natura e in particolare con tanti cani di ogni tipo – in primo luogo i “miei” (di mia figlia e del suo amore) Marley e India – lodo Dio per la loro esistenza e per avermi insegnato che il silenzio è pieno di affetto.

Live & Learn

Dogs
are
convincing evidence that there is a God.

~ Michael WadeRandom Thoughts: Brief Reflections and Moments of Clarity


Photo: Our Zeke (2007-2016)

View original post

8 aprile 2018 Posted by | amore, Dialogo, Dio, Esperienze, Mondo, Sentimenti | , , , , , , , , | 18 commenti

Poche parole

download (Google)

 

Non può aver lasciato uno spazio vuoto chi non lo ha mai riempito.

Niente da aggiungere. Sempre Vicky!

4 aprile 2017 Posted by | amore, Anima, Persone, Sentimenti | , , , , , | 25 commenti

Shhhhhhhhh!

2016-10-04-22-58-16-581

Ci sono sere in cui non ho voglia di nulla. Eccone una. Aspetto. Tutto passa.
Mi fa compagnia il silenzio.

Viaggio. Sempre Vicky.

 

3 dicembre 2016 Posted by | Anima, Esperienze, Musica, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , | 7 commenti

Silenzio

assenza

 

Il fatto è che le parole mi si sono fermate “in gola” e quanto mi sta succedendo, emozioni negative e positive comprese, è intraducibile… per ora.

Il silenzio e la noia sono terreni fertili.

Bisogna solo aspettare. Avrete pazienza?

Sempre Vicky.

 

12 ottobre 2016 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Persone, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , , , | 2 commenti

L’urlo/1

 (Google)

Non riuscirò mai a urlare ad occhi chiusi. In questo modo posso solo balbettare qualcosa di infantile che proviene da dentro, sussurrare parole senza senso se non quello intuibile dalla persona che le riceve, accarezzare con la voce il tuo viso, i tuoi capelli, tutto quello non fisicamente raggiungibile eppure così vicino.

Le rare volte in cui ho urlato le ricordo molto bene. Oggi te ne racconterò una, se solo vorrai leggere più avanti.

Quando ho urlato non è mai stato per liberarmi da qualcosa, non credo di essermi mai sentita meglio dopo, non è mai stato uno strumento o momento terapeutico per me, anzi. Mi sono sempre sentita più aggressiva e più debole, per questo ho spesso evitato di esplodere. A volte però ho fatto l’esperienza di questa lacerazione e mi sono fatta del male senza ritorno.

Le ferite sanguinano per il ricordo, specialmente di quelli in cui ho urlato senza voce dal cuore ed al cervello senza essere ascoltata.

Non ho mai pensato che nessuno meritasse violenza. Neppure io la meritavo. Sono in casa con lui, l’ho aspettato come al solito, sai che mi piace l’attesa… quel giorno arriva più nervoso che mai, vedermi probabilmente lo irrita, sicuramente vuole lasciarmi da tempo ma non ha il coraggio di parlare, spinge la situazione e la estremizza a livelli di ansia quasi insopportabile per entrambi. Ne farei a meno volentieri. È un giorno strano, me lo sento. Continua a provocarmi. Poi, quando vede che non ce la faccio più, mi ignora. Semplicemente smetto di esistere. Oggi però è diverso, probabilmente in qualche modo gli piaccio. Non vorrebbe nemmeno questo. Improvvisamente capisco. E quello che penso mi fa paura. Non riesco più a reagire in quel momento capisco quello che ho sentito raccontare tante volte da altre donne: il senso di immobilità, di impotenza, di terrore… è il trionfo della forza sulla volontà, della bestia sulla persona. Neanche ora che ci penso a distanza di tempo riesco a perdonarmi di non aver reagito in qualsiasi modo, qualsiasi piccolissimo gesto che non fosse il mio agitarmi per l’impossibilità di respirare e nessuno che potesse aiutarmi tranne me stessa. Non sono capace di odiarlo. Non sono più capace di amarlo. In quanto a me stessa non so più chi sono, cosa voglio, chi voglio e soprattutto perché. In quei lunghi momenti vorrei solo smettere di respirare, per non dover sentire quell’urlo strozzato.
Tutto ha una fine, anche quello schifo che secondo lui sarebbe stato amore. Io non ho voluto dargli un nome. Forse per conservare un briciolo di rispetto verso me stessa, per rendermi conto che quei piccolissimi gesti di difesa non avevano nessun effetto su di lui. Mi chiedo anche in questo momento perché non è finita quel giorno. In realtà dentro di me quel poco che c’era è morto. Il periodo che è seguito è stato solo il tempo necessario per seppellire un cadavere. C’è voluto tempo per elaborare il lutto.

Ora mi fermo. Ne ho bisogno.

Dedicato. Alla prossima, sempre Vicky.

7 aprile 2013 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Persone, Sentimenti | , , , , , , | 12 commenti

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Mágica Mistura

Espaço poético, rotineiro e alternativo

Le Mie Cose

Parole In Flusso

PAZZI X I TESTER

...abbiate pazienza...stiamo testando per voi!

音楽好き仲間

みんなの思い出の音楽

Nasil Gezdim?

Alternatif Gezi ve Seyahat Rehberi

Charly W. Karl

El siguiente, es un espacio de libre opinión, divulgación y reflexión...

ore de drum

impresii de călătorie, artă, cultură, spiritualitate, gastronomie, vinuri

Invisibly Me

Live A Visible Life Whatever Your Health

WordDreams...

Jacqui Murray's

Storyteller's Eye Word

immagina un mondo di amore teatrale

Chef Kevin Ashton

Recipes, advice, reviews, travelogues & news

phehinothatemiyeyelo - Vento nei Capelli

Kicizapi Cante Waste Ya - Combattere allegramente

Mohamad Al Karbi

محمد القربي

Lignes invisibiles

Invisible lines associating ideas, creating images.

Sebastián Felgueras

-Historias por blog-

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: