Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Passeggiata “solitaria”

download

 

Amici miei,
vi è capitato di recente di fare una passeggiata apparentemente solitaria e silenziosa?

A me è successo qui dove vivo incontrando animali anche comuni che, distrattamente, mi sfuggono.

Quelli che non mancano mai sono i cani, di ogni taglia e razza. Vi è mai capitato di pensare quanto un cane possa assomigliare al suo padrone? Lo so che sembra ridicolo, però se li osservate bene noterete che molti hanno anche un’andatura simile. Probabilmente nel tempo hanno adeguato il passo dell’uno all’altro.

Anche seguire la strada che percorre una formica o un altro insetto che cammina riesce a meravigliarmi. Da quando anni fa ho avuto consapevolezza del valore di ogni singola vita, anche la più piccola del regno animale, mi sono ritrovata a rispettarla e quindi cerco di non calpestare neanche le formiche con le ruote della mia carrozzina. Più che dagli insetti che volano ho imparato la pazienza dalla vita faticosa di quelli che è più facile osservare, come per esempio le lumache (tra l’altro sono degli animali da me molto amati).

Di recente poi mi sono imbattuta in un leprotto. Mi sono fermata non so per quanto tempo a osservare i suoi movimenti all’inizio molto lenti; poi deve esser stato allarmato da qualche rumore ed è partito a tutta velocità scomparendo dalla mia vista. Che meraviglia! Non posso neanche immaginare che qualcuno possa interrompere la sua corsa con un proiettile

Dalle mie parti c’è molta campagna e cascine, dove trovare e sentire la presenza di animali dei quali probabilmente tanti bambini di città, come lo ero io, ignorano l’aspetto.

Galline, mucche, pavoni, gatti randagi, tortore e chissà quanto altro per cui rallegrarsi e ringraziare Dio di esistere.

Molte farfalle mi hanno fatto compagnia, soprattutto quelle comuni di colore bianco.

Gli ultimi compagni di viaggio che incontro sono una comunità di nutrie e infine un paio di api intente a corteggiare dei fiori spontanei.

Da quando ho dovuto rallentare la mia andatura usando la carrozzina elettronica ho scoperto un universo silenziosamente vivo.

Come me. Con me.

Vi abbraccio, in un momento di pace che ho voluto condividere. Sempre Vicky.

 

13 luglio 2020 Posted by | Esperienze, Mondo, Viaggi | , , , , , , , | 16 commenti

Piaceri

 (Google)

Devo ammetterlo, con Chiara è davvero una strana amicizia. Una di quelle vicine eppure lontane e viceversa. Da parecchi anni ci vogliamo bene così. Ci prendiamo, ci lasciamo senza mai spezzare il legame che definisco con una sola parola: delicatezza. Questo vale per me lei. Entra in punta di piedi, tutte le volte, con un SMS di auguri oppure una telefonata veloce scambiata tra di noi durante un suo mini intervallo di lavoro. Lo apprezzo. Non si lamenta mai o quasi, Chiara…

Lei è il mio bagaglio culturale o almeno la mia memoria in questo campo. È preparata in storia dell’arte, è una persona colta e senza pregiudizi. Ci siamo conosciute in parrocchia tramite un’amica comune. Ci incontravamo inizialmente solo in occasione di incontri multipli, poi dopo molto tempo, probabilmente ero già rimasta seduta per sempre, abbiamo cominciato a sentirci e vederci per conto nostro, senza dover cogliere l’opportunità di condividere con altri i momenti passati insieme.

Anche ieri sera è stato un evento di quelli. Un’e-mail da parte sua con una frase in oggetto assolutamente incomprensibile, una lingua straniera a me sconosciuta. È l’invito per andare insieme in piazza Diaz a Milano per assistere a un concerto, non uno qualsiasi, da lei non arrivano inviti simili… si tratta del concerto di Vladimir Denissenkov, un’artista ucraino conosciuto in tutto il mondo per la sua bravura nel suonare uno strumento particolare, una sorta di variante della fisarmonica della quale non ricordo il nome in russo che ha la particolarità di non avere tasti bianco/neri su uno dei due lati ma di avere solo bottoni da entrambi i lati. Uno strumento, ci racconta nella sua breve presentazione l’artista stesso, regalatogli 41 anni prima da sua madre. A tratti, infatti, Vladimir sembra accarezzare questo scrigno che produce suoni incantevoli come potrebbe fare il canto di una sirena…

Questo è il primo dei piaceri al quale ho pensato dando questo titolo al post. Secondo, ma solo in ordine di lista descrittiva, è quello della vista. Vedere Vladimir sul palco, fissare lo sguardo su di lui e condividere il sentimento suscitato dai suoi brani insieme ai movimenti del suo corpo e della sua testa soprattutto è un tutt’uno. I suoi occhi si aprono e si chiudono con sguardi e su sguardi spalancati e quasi vitrei in contrasto col colore dei suoi capelli con quello che emana dalla sua persona durante l’esecuzione e anche dopo dalla sua voce. Altro momento piacevole la cena veloce ma non molto con Chiara in un bar di piazza Duomo a Milano, nulla di particolare quello che mangiamo però bellissimo lo stare insieme, la presenza l’una per l’altra. Abbiamo gusti simili, non lo sapevo. I colori che indossiamo, le nostre storie che ci raccontiamo qualche volta per dire l’una all’altra “Stai tranquilla, siamo sulla stessa barca”, l’assoluta semplicità che ci contraddistingue, io con la mia schiettezza lei con la sua innata eleganza, la momentanea ed eterna solitudine…

Un’ora e mezzo vola tra notte e applausi, mi scopro per la prima volta a dire “Bravo!” a qualcuno… Ci incontriamo appena fuori dalla sala con Vladimir ci guardiamo e viene spontaneo un sorriso e un abbraccio accompagnato dalle sue parole: “Grazie per essere venuta!” come se fosse un amico che incontravo dopo un po’. Un solo rammarico che scompare in breve tempo, mi sarebbe piaciuto poter applaudire ma ancora di più accompagnare col battito delle mani alcuni passaggi della sua musica. Mi sorprendo che nessuno lo faccia… come fanno a restare quasi immobili? Una domanda che tengo per me, che danzo mentalmente e accompagno ugualmente con le mie mani ferme le sue note e le sue di mani, quelle di Vladimir.

Si torna a casa, ma prima con naturalezza chiedo a Vladimir di lasciarmi un suo ricordo su una delle carte del mazzo che ho acquistato tra i gadgets presenti appena fuori dalla sala. Scelgo l’asso di cuori sul quale mi scrive una dedica piacevole e amichevole. Il suo scritto copre tutta la carta, eccetto il cuore centrale rosso. Non avevo dubbi… bello. Non so dare altra descrizione.

La voglia di rientrare non c’è, facciamo due passi (si fa per dire nel mio caso) davanti al Duomo di notte. Non lo facevo da anni. Chiara anche. Per qualche istante mi scopro innamorata di Milano, io che ci sono nata, cresciuta e passata in lungo e in largo, anche adesso con i miei limiti utilizzando qualsiasi mezzo. Mi sento un po’ una figlia ingrata, ma è qualcosa che svanisce in pochi attimi. Ora ci sono e ci sono così, apprezzo il momento come uno dei tanti piaceri di questa serata e ne faccio tesoro insieme agli altri.

Sempre in viaggio, sempre Vicky!

27 ottobre 2013 Posted by | Anima, Dialogo, Esperienze, Mondo, Persone, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , | 14 commenti

   

Il Blog di Silvia Cavalieri

Uno spazio creativo per la scrittura

Soni's thoughts

No Fear, Express dear

Au fil du temps...

* Beautés et Sagesses * - * Clins d’œil et Coups de cœur *

Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

#COMUNICAZIONE

Riflessioni, news, recensioni dal mondo della Comunicazione e della Cultura

Triangle Writes...

Poetry/Poems, Photography, Travels, Musings, Quotes, Challenges, Awards, Reblogs, Uncategorized

Megala's Kitchen

Traditional Veg Recipes

PASSIONATE CREATIVE CHRISTIAN

inspirationalmindsurges

Jour et Nuit

Des nouvelles d'ici et d'ailleurs

LIVING IN THIS MOMENT

Expanding Fully in this moment, understanding ourselves deeply, finding happiness

JoseRaSan66

Cuando Lo Pequeño Se Hace Visible...

Verses Inked©

We set the ink down, on the streets of the town. where Eternity Stand Confound.

Bea blog 24

Prenditi il tuo tempo

Serial Escape di Giovanni Di Rosa

Libri, serie tv, scrittura creativa, televisione e molto altro

Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Att vara annorlunda/att inte passa in i samhällets ramar

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

Bloggingwithonie

Adventuring, Exploring and Discovering with all its Nations Beauty, lifestyles, and Cultures.

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: