Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Dodici

2017-09-02 17-11-10.894 poco fa…

 

  1. solitudine
  2. sete
  3. sesso
  4. sfioramento
  5. salute
  6. sguardo
  7. salto
  8. sogno
  9. seno
  10. stretta
  11. Sole
  12. Signore

 

Questa io, sempre Vicky.

 

p.s. Ehi… penso a te… e ti voglio.

 

Annunci

2 settembre 2017 Posted by | Anima, Persone, Sentimenti | , , , , , , , | 20 commenti

Vele

images
VELE
 
Voglia di reagire e apatia,
amore e non amore,
vitalità e pallore di morte,
passato che lacrima
presente a volte.
 
Io che posso muover poco
voglio alzarmi,
correre,
emergere e
spiccare il volo
staccandomi da catene a me care.
 
Cerco in questo immobilismo
un orizzonte
invece del sole
vedo un’ombra, la mia,
che lo copre.
 
Mi sto sbagliando.
Attratta da fantasmi ammaliatori
sono rivolta verso la direzione opposta.
 
E allora, come lupo di mare,
mi ordino
e raddrizzo la prua.
Schizzi salati curano le ferite,
il sole finalmente raddrizzerà le mie ossa fragili?
 
Sempre Vicky!

24 luglio 2016 Posted by | Anima, Corpo, Dialogo, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , , , | 2 commenti

Le mie Olimpiadi

(Google)

Sto correndo le mie Olimpiadi dal 2 novembre 1995. Ho partecipato a molto e moltissimo mi manca. Ho iniziato piano piano dopo un’ischemia presunta al midollo spinale e un arresto cardiaco il 5 dicembre 1995. Niente tunnel, niente luce. Assenza. Poi il ritorno, con voci assordanti.

Nel febbraio 1996 la conquista della posizione seduta. A maggio 1996 il primo viaggio in auto: a casa per la Cresima della mia piccola. Poi tanti, troppi giorni uguali in cui Vicky si è lasciata andare insieme al suo corpo fino a…quello strappo annunciato. Enorme. 11 febbraio 2005. Morte dell’Amore mio e con lui della ‘vecchia’ Vicky.
Insieme abbiamo salutato il passato, l’abbiamo fotografato con la mente e permanentemente tatuato sul cuore.

Con lo spirito non ancora sconfitto, 27 kg in meno, i capelli lunghi e imbionditi come un campo maturo mi rilancio nella vita. La mia nuova compagna: una carrozzina elettronica che si unisce in amplesso permanente e a volte piacevole con me. Il mio navigatore? Sempre l’amore, quello che ti carica e ti fa percorrere strade strette in cui tutti ti dicono: ‘Attenta’ e tu… giù a capofitto!

Ci sono altre date, altri numeri fantastici che ho scolpito dentro e che mostro sul viso, nascoste in qualche ruga.

2009: il 5 luglio, inizio della mia strada per la comunicazione in rete, con questo blog. E’ la rinascita emozionale tutta mia.

2011: il 2 ottobre, intervengo invitata dall’amica Mina Welby al Congresso dell’Associazione Luca Coscioni. E’ un bellissimo regalo di compleanno, che fa rinascere un nuovo spirito di lotta per i diritti umani e del malato. E’ un’ulteriore presa di coscienza e l’opportunità di esplorare altri universi.

2012: da dove comincio? Con la fine della mia ultima relazione, ancora sola e con molto da ricostruire. ‘Ce la farò?’ mi sono chiesta. Nella mia solitudine notturna mi sono posta obiettivi, ostacoli in quel momento enormi. Il principale: dedicarmi a me stessa facendomi piccoli regali che soddisfino la mia vanità. Poi… i mini-viaggi in treno, da sola. Torino, Verona, Bologna, Genova. Distanze inimmaginabili solo poco tempo fa per me e per chi mi vuole bene e mi conosce. A marzo la mia conquista dell’Everest! Dopo oltre 16 anni di nuovo in piedi, contro tutti i pronostici! E infine, con la complicità di una carissima persona che mi incoraggia sempre nelle mie stravaganze di qualsiasi tipo, la conquista del mare! Mancano molti giorni, eppure ne sento l’odore, la consistenza, le carezze, il suo insinuarsi dappertutto, come le mani di un amante. Passione che ricambio da tutta la vita, fin dal grembo materno in cui sono stata generata.

Questi i miei ‘numeri’, i miei traguardi, le mie vittorie. Il futuro è già qui!

Le sconfitte? Grida più forte, sei lontano…non ti sento più.

Sempre Vicky!

29 luglio 2012 Posted by | Corpo, Esperienze, Mondo, Persone | , , , , | 40 commenti

Vita indipendente Roma 1-2/ ottobre 2011

VIII Congresso Nazionale Associazione Luca Coscioni
Roma, 1-2 ottobre 2011

Il mio intervento del 02/10/2011

“Un grazie a tutti per l’opportunità che mi date oggi. Non sono esperta, se non dell’argomento che posso rappresentare di piu in quanto vissuto sulla mia pelle: La vita indipendente. Cito da “Relazione al primo congresso dell’Associazione Coscioni

di John Fischetti
“Indipendent Living non significa che noi non abbiamo bisogno di nessuno, che vogliamo fare tutto da soli o che vogliamo vivere in isolamento. Vita Indipendente significa che vorremmo avere la stessa possibilità di controllo e di scelte nella vita quotidiana che i nostri fratelli e sorelle, vicini di casa e amici considerano come garantite. Vorremmo crescere nelle nostre famiglie, frequentare la scuola vicina a casa nostra, usare lo stesso autobus, svolgere lavori secondo la nostra istruzione e le nostre capacità. E la cosa più importante è che abbiamo bisogno di essere responsabili delle nostre vite, e, proprio come chiunque altro, di pensare e di parlare per noi stessi”

Queste parole sono state pronunciate da Adolf Ratzka, leader del movimento europeo per la vita indipendente.” (dal sito di Associazione Luca Coscioni).

In queste poche righe il manifesto, nonchè programma di vita, che una persona con disabilità come me si sente di sottoscrivere ora a conferma della svolta che ha voluto dare alla sua esistenza qualche anno fa trasformandosi da oggetto di trattamenti e servizi in soggetto giuridico presente e consapevole della possibilità e del diritto di decidere senza dover essere influenzata. Nel mio caso lo sono stata, pur con intento positivo, in prima istanza dall’amore per mio marito Lorenzo e dall’enorme gratitudine che avevo e sempre avrò per lui, purtroppo scomparso nel febbraio 2005, per mia figlia e suo marito, per mia madre e per tutte le persone che si sono prese amorevolmente cura di me. Poi sono arrivata io, finalmente!

A nessuno piace essere un numero e noi persone con disabilità lo siamo, a volte spesso con presunto valore zero e non considerate come risorse. Sono qui per raccontarvi in tre punti fondamentali ciò che vorrei vedere sempre piu attualizzato come VITA INDIPENDENTE., ossia la RICERCA E IL DIRITTO ALLA FELICITA’.

1. VITA DI RELAZIONE E MOBILITA’In piena consapevolezza ho il diritto di muovermi in sicurezza quando lo desidero e verso la destinazione che desidero come chiunque altro nel mondo. Se oggi sono qui devo dire senza falsa modestia grazie alla mia forza di volontà, alla possibilità di avere con me la mia migliore amica nonchè compagna di viaggio e assistente contemporaneamente in quanto OSS per professione e passione. Un bacio a lei. Di cuore. Da ultimo, solo in termini di tempo, al mio migliore amico e compagno di questo pezzo di vita, che non smette di incoraggiarmi ad essere me stessa e non mollare. Il mio diritto di scelta per l’assistenza non si può esercitare con le risorse attuali. La legge 162 non basta. L’abbiamo osservato in questi anni. Se il diritto ad una vita indipendente fosse riconosciuto non solo a livello morale ma anche e soprattutto economico, sarebbe un primo passo verso la felicità, scopo della vita umana universalmente e costituzionalmente riconosciuto, preesistente alla vita stessa.

2. DIRITTO AL LAVOROE’ uno dei cardini per una vita dignitosa. Oggi quasi tutti mi vedono solo con i miei limiti, ma io possiedo capacità cognitive, professionalità, esperienza provata per svolgere un’attività, la mia…non una qualsiasi, ma la mia. Perchè accontentarmi? Non voglio vegetare ma vivere. Per l’assistenza personale lo Stato dice di provvedere con la pensione e nel mio caso con l’accompagnamento. Ho bisogno di aiuto, è vero, ma io ho in mente già un mio progetto di vita, LA MIA! ME LO VOGLIO REGALARE OGGI, NEL GIORNO DEL MIO 48mo COMPLEANNO. Amore, lavoro, disposizioni per progetti, in una parola: FUTURO. Che dovrei fare per colmare il gap tra il mio limite e il lavoro? Mi viene in aiuto la tecnologia – pc con software vocali, trackball, domotica, ecc… E’ ora di abolire le barriere e gli incentivi oppure le multe per le aziende in caso di mancata assunzione di persone con disabilità nel proprio organico. Occorre piuttosto incoraggiare progetti di telelavoro concordati tra l’azienda e la persona con disabilità. La legge va completata e superata con l’intelligenza. Finalmente. Si può fare. Io lo voglio fare!

3. DISCRIMINAZIONE. Io mi sento semplicemente e completamente donna e persona. Voglio guardare al mi0 futuro – perche io ne ho uno come tutti voi – potendo alzarmi ed avere una giornata avanti fatta di momenti che non sono affatto scontati. Studiare, lavorare, vivere in un ambiente adatto anche grazie alla tecnologia che già esiste o che arriverà con la ricerca, insieme alle persone che amo e che vorrei vedere libere insieme a me dallo stress e dall’angoscia di un affetto spesso abbruttito dalla forzata copertura di piu ruoli che altri demandano senza scrupoli sempre e solo alla famiglia.

Chiedo a nome di chi non ha voce e per me stessa, per i miei cari, di essere parte consapevolmente attiva, utile e produttiva della società. SENZA BUONISMI NE’ ASSISTENZIALISMO. SOLO RISPETTO.

Grazie per la vostra attenzione.”

VINCENZA RUTIGLIANO

Con immensa gratitudine, sempre Vicky!

3 ottobre 2011 Posted by | Anima, Esperienze, Idee | , , , | 11 commenti

   

phehinothatemiyeyelo - Vento nei Capelli

Kola cekiye slakiyawo - Consacra l'Amico

Happy Magician

Sii il cambiamento che vorresti nel mondo

Il Vizio di Leggere

"Non ci sono libri belli o brutti. Solo libri scritti bene o male, è tutto." (Oscar Wilde)

Sephiroth

"Scrivere sulle cose, mi ha permesso di sopportarle".

Poe di Elish_Mailyn

❣️Pensieri Stupendi tradotti in Poesia❣️ 🏆 Semper pugnare, non deficere 🏆 La vita è come andare in bicicletta, per mantenere l'equilibrio bisogna sempre stare in movimento (A. Einstein)

PhilosoBia

Between the world and me

Oregon Dogs

because writing about dogs just never gets old

wanderlust-connection.com

Esplora il mondo con me e ti porterò hasta el fin del mundo!!!

Mrinalini Raj

I LEAVE YOUR ROAD TO WALK ON MY GRASS.

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

onceuponahug

è il momento giusto per andare via, sempre, soprattutto adesso

The Godly Chic Diaries

Smiling • Writing • Dreaming

Sfumature d'arcobaleno

Blog di sfumature di vita, scritto da qualcuno, da qualche parte, in qualche momento...

alemarcotti

io e la mia vita con la sm

solomari

"se scrivo ciò che sento è perchè così facendo abbasso la febbre di sentire" (F. Pessoa)

inpuntadipiedinaturalmente

dai rimedi naturali fatti in casa alla riflessologia

lucialorenzon

"La mia diversitá é la mia forza,la mia debolezza,la mia dignitá."

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: