Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Haiti. I luoghi. I volti.


     HAITI.

 

La natura:

         

 

Le persone:

         

 

Forse per qualcuno questo non ha senso. Haiti dopo il disastroso terremoto è saltata alla ribalta dei telegiornali, dei quotidiani, dei nostri stessi occhi e menti.

Tante, troppe immagini ci mettono di fronte solo morte, macerie, desolazione. IL PRESENTE.

Vorrei che in questo momento il nostro sguardo si fermasse su altre immagini che, se vogliamo, possono servire a ricominciare: IL PASSATO E IL FUTURO.

Quanti di noi onestamente conoscevano Haiti? Chi aveva guardato in viso queste persone? Io non c’ero. Nè allora, nè adesso…

Diffondo questo come segno di speranza. Come icona di vita. Come inno alla bellezza. Un debito enorme di amore, umanità e vicinanza da colmare. Ora dopo ora, giorno dopo giorno.

Impegno: per citarne solo alcuni…    Mostra immagine a dimensione intera

 

Due brani nella mia mente in questo momento davanti a tanta meraviglia e tanto dolore. Un abbraccio spirituale a tutti… Vicky.

 

  

Annunci

20 gennaio 2010 - Posted by | News, Persone, Sentimenti | , ,

6 commenti »

  1. Una bella lezione civile e morale. E’ troppo facile dare la solidarietà ora a Haiti. Ci doveva essere una catastrofe senza precedenti per essere tutti haitiani quando negli anni precedenti (e anche a giusta ragione ma non per questo voler dire è più importante) si è parlato più di quello che accade in Africa e nel Darfur in particolare. Questa solidarietà dell’ultim’ora non mi è mai piaciuta.Chissà se qualcuno ha studiato a scuola la storia e la politica haitiana. Se qualcuno lo avesse fatto uno che poi sarebbe diventato vero pacifista tante brutalità del medioevo peggio del regime iraniano lo avrebbe fatto notare.Invece come al solito..i pecoroni avanzano imperterriti!!!!

    Commento di ventodeldeserto | 20 gennaio 2010 | Rispondi

    • Sarà stato il dialogo del pomeriggio – da tanto non lo facevamo… – saranno la musica e le immagini del blog, ma finalmente stasera mi sento in pace con te. Ne vedo i frutti, duraturi spero. La comprensione in cima alla lista, la vicinanza. In tutti i sensi. Grazie.
      Sempre Vicky.

      Commento di vincenza63 | 20 gennaio 2010 | Rispondi

  2. La cosa che sto vedendo è che, come al solito, si tende a dimenticare…
    Dopo i primi giorni in cui il mondo ha “scoperto” il dramma di Haiti, e moltissimi ne hanno parlato e si sono dati da fare, ora la notizia appare sempre meno e tra un mese pochi se ne ricorderanno…
    Mia cugina da anni aveva già capito che Haiti era una terra dolente e si dedicava ai bimbi… Grazie a lei ho scoperto questa realtà (nella mia ignoranza pensavo non fosse una terra così povera e con così tanti bimbi abbandonati) ed ora sto facendo il possibile perchè le persone NON si scordino di questi nostri sfortunati fratelli…
    Grazie per averli ricordati!
    Sei sempre molto attenta e sensibile

    Commento di Camilla | 20 gennaio 2010 | Rispondi

  3. Ai sempre quella semplicità..per fare osservare anche le cose brutte sotto un aspetto ” migliore ” sei dolcissima grazie t v b Leo

    Commento di Leonardo | 21 gennaio 2010 | Rispondi

  4. Qualcosa ogni tanto si sapeva e tutte cose brutte,di poverta’.Io l’ho sempre vista come un’isola misteriosa..sai il voodoo..quel mix di religione cristiana e credenze importate dalla terra madre Africa

    Commento di Alfonso | 21 gennaio 2010 | Rispondi

  5. Tutto tremendamente vero!!!
    Io adesso sto pensando alla corsa dei ratti, essere umani che da mille pulpiti chiedono denaro per aiutare Haiti!
    Pochi realmente faranno qualcosa per il popolo e sappiamo per esperienza chi sono…tra l’altro pochissimi! E tutti gli altri, i ratti che raccoglieranno enormi somme!!
    Diventeranno ricchi!!!!
    Dovremo fare attenzione nel fare la nostra offerta!!
    BUONA NOTTE RAGAZZI
    piero

    Commento di pietro | 22 gennaio 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

alemarcotti

io e la mia vita con la sm

solomari

"se scrivo ciò che sento è perchè così facendo abbasso la febbre di sentire" (F. Pessoa)

inpuntadipiedinaturalmente

dai rimedi naturali fatti in casa alla riflessologia

lucialorenzon

"La mia diversitá é la mia forza,la mia debolezza,la mia dignitá."

Not an Autism Mom

Hold Tight... It's a Wild Ride!

quel quid in più

mi hanno detto che ho quel "quid" in più: che cazzo è?

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

The Diary Of A Muslim Girl

Dare ◦ To ◦ Live ◦ Your ◦ Legacy

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

nz

Online zeitung

Be Bold be Beautiful Be you

this and that the tid bits of life

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

il Salotto di Silvia

quattro chiacchiere in libertà

Viaggiatore non per caso

Il più bel viaggio è quello che non è stato ancora fatto

UnUniverso

Un Mondo Migliore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: