Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Morte e corruzione: HRW in Colombia

Risultati immagini per colombia

 

A questo link di Human Rights Watch, un’organizzazione internazionale per la difesa dei diritti umani nel mondo, trovate un interessante articolo relativo a un’intervista sui paramilitari e dei gruppi facenti capo al cartello della droga in Colombia.

Essendo in lingua inglese, mi sono permessa, sempre previa autorizzazione, di tradurre in italiano il testo per renderlo fruibile al maggior numero di persone possibile.

Chiedo scusa in anticipo per eventuali errori e scostamenti dal testo originale che sono naturalmente involontari e non attribuibili a HRW.

È un testo lungo ma pieno di interessanti spunti di riflessione, dati da persone che vivono sulla propria pelle ciò che raccontano.

Grazie per la vostra attenzione.

 

HRW Human Rights Watch

INTERVISTA: 13 marzo 2018 Morte e corruzione in Colombia

Un nuovo libro racconta in dettaglio l’ascesa sanguinaria di paramilitari con legami col governo

Quando la gente pensa alla violenza in Colombia potrebbero venire in mente il re del traffico di droga Pablo Escobar oppure le guerriglie delle forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC). Pochi sono a conoscenza che forze paramilitari a partire dagli anni 90 uccidevano, torturavano e stupravano  durante le loro scorribande attraverso il paese. Mentre i paramilitari si autodefinivano come forze di “autodifesa”, e combattevano i guerriglieri, essi erano anche i più grandi trafficanti di droga del paese. Nel tempo, divenne chiaro che essi erano collusi con reparti significativi della milizia colombiana, con uomini d’affari e con circa il 30% del Congresso del paese.
Amy Braunschweiger parla con Maria McFarland Sanchez-Moreno del suo nuovo libro “Non ci sono morti qui”, che descrive dettagliatamente il regno dei paramilitari e la loro persistente influenza.

La McFarland, in precedenza ricercatrice per la Colombia presso Human Rights Watch, è attualmente capo esecutivo dell’Unione per la Politica Antidroga, un’organizzazione statunitense che opera per porre fine alla “guerra della droga”.

Perché hai scritto questo libro?

Quando ho finito di lavorare in Colombia nel 2010, avevo un sacco di storie che non ero riuscita a raccontare. Aveva incontrato molti colombiani coraggiosi comuni che facevano resistenza contro i paramilitari e altri gruppi armati, ma molte persone non erano a conoscenza delle loro storie di coraggio.

Chi sono i paramilitari?

I paramilitari erano corpi armati privati formati da gente ricca – sia per combattere i guerriglieri, in seguito per difendere gli interessi dei ricchi –per appropriarsi della terra, per assassinare sindacalisti o altri che si trovavano di fronte lungo la strada e così via. All’inizio molti di loro lavoravano con i principali trafficanti di droga, incluso Pablo Escobar. Infatti dopo la morte di Escobar loro divennero i maggiori trafficanti di droga del paese e molti erano stati membri oppure erano stati vicini al Cartello di Medellin.

Il tuo libro racconta la storia dei paramilitari attraverso tre persone – l’attivista Jesus Maria Valle, in seguito ucciso, l’avvocato Ivan Velasquez, il giornalista Ricardo Calderon. Perché loro tre?

Perché potevo raccontare la storia dell’ascesa dei paramilitari e di come essi si erano fatti strada fino agli alti livelli del governo attraverso di loro. Tutti e tre insieme finirono per espormi i collegamenti tra i paramilitari e il governo.

Conoscevo già abbastanza bene Velasquez quando stavo lavorando in Colombia. Quando stavo conducendo le indagini in Colombia lui era assistente presso la Corte Suprema che indagava su Congresso. Divenne bersaglio di una campagna diffamatoria da parte dell’allora Presidente Alvaro Uribe – la maggior parte dei membri del Congresso indagati facevano parte della sua coalizione di governo e uno di questi era suo cugino – e fu falsamente accusato di tramare per l’assassinio del presidente. Si scoprì che i paramilitari si erano recati al palazzo presidenziale per complottare contro Velasquez e che i servizi segreti della Colombia lo stavano spiando.

Valle era un attivista dallo stato di Antiouquia, dove si trovava Medellin, ed era amico di Velasquez, che a quel tempo era il successore del capo di Antioquia. Vale un uomo incredibilmente coraggioso che denunciò gli abusi da parte dei paramilitari. Sapeva che sarebbe stato ucciso, le persone lo pregarono di fuggire ma lui sentiva che doveva proteggere la sua gente. E nessun altro osò dire quanto lui dichiarò a quel tempo – cioè che i militari e, secondo il suo parere, l’ufficio del governatore di Antiouquia erano anche complici di questi crimini oppure guardavano dall’altra parte.

Poi scelsi Calderon, perché come giornalista aveva scritto sulla campagna denigratoria contro Velasquez. È come un’incredibile centrale elettrica che è profondamente spinto a dire la verità su quanto sta accadendo.

All’interno del libro continui a menzionare il massacro del villaggio remoto di El Aro. Perché?

È accaduto nell’ottobre del 1998, dopo che Valle aveva avvisato le autorità per mesi dell’entrata dei paramilitari nella sua regione di Ituango, la parte di Antiouquia dove si trova El Aro. Nei giorni precedenti il massacro la gente di El Aro si recò da Valle per chiedere aiuto. Valle chiamò i militari, la polizia e l’ufficio del governatore ma nessuno arrivò in aiuto.

I paramilitari entrarono in città, uccisero 17 persone, compreso un ragazzo, violentarono le donne e quindi saccheggiarono e incendiarono la città. Rubarono migliaia di capi di bestiame portandolo in giro per molte miglia perché tutti vedessero. I paramilitari si fermarono là per giorni, ma non arrivarono alcune forze di sicurezza. Testimoni a El Aro videro addirittura un elicottero militare volare sopra di loro. In questo modo El Aro divenne un forte esempio di come i paramilitari stavano operando con, almeno, il tacito consenso da parte delle forze di sicurezza.

Durante le indagini di Velasquez sul Congresso diventa chiaro che la gente molto vicina a Uribe – il capo del suo staff, suo fratello, un cugino – avevano legami con i paramilitari. Ciò nonostante egli è ancora estremamente popolare. Come può essere?

Io sono peruviana e sono cresciuta durante la presidenza di Alberto Fujimori, diventato un autocrate orribilmente corrotto e che è stato anche condannato per crimini contro l’umanità. Tuttavia io lo sostenevo all’inizio perché pensavo che stesse portando ordine in un periodo di caos. A quel tempo i guerriglieri di Sendero Luminoso stavano commettendo cose orribili nella campagna del Perù e stavano bombardando la città in cui vivevo. Inizialmente sono stata sollevata, all’età di 18 anni, da ciò che sembrava essere più sicuro. Non prestava attenzione alle cose brutte, per cui pochi anni dopo ho cambiato completamente idea e infine ho contribuito a creare un caso per la sua estradizione dal Cile per affrontare il processo in Perù

La gente in Colombia viveva con così tanta paura. E Uribe era molto fine, sembrava molto impegnato e che lavorasse duro e sembrava ottenere risultati. Attuò politiche che ridussero i sequestri da parte della FARC e rese possibile per i colombiani tornare a viaggiare da una città all’altra in automobile. La gente apprezzava questo e ciò rese loro più disponibili a non occuparsi di altre problematiche.

Che cosa pensi di Uribe?

Non penso che si possa in conclusione affermare qualcosa suo essere responsabile dei crimini dei paramilitari ma il fatto che egli operasse così da vicino con così tante persone che sono poi state condannate per la collusione con paramilitari fa emergere domande reali su di lui. Ciò significa inoltre che ha avuto una terribile mancanza di giudizio e che è stato totalmente cieco riguardo quanto accadeva intorno a sé, cosa che non combacia con la sua immagine di totale controllo, oppure egli realmente sapeva molto su queste cose e lasciò che andassero avanti.
Non puoi far finta che gli sia una persona potente informata di tutto e che in qualche modo si è perso queste informazioni.

Come erano esattamente collegati i membri del Congresso della Colombia ai paramilitari?

Circa il 30% dei membri del Congresso era indagato, accusato o condannato per aver collaborato con paramilitari, di solito per commettere una frode elettorale e in almeno un caso un assassinio.

I paramilitari hanno commesso crimini sotto lo sguardo di tutti, ma la gente ha scelto di non vedere. Perché questo?

Credo che molti colombiani fossero stanchi della violenza del FARC. C’era una volontà di guardare oltre le atrocità commesse dai paramilitari o di accettare le spiegazioni per cui i morti dovevano essere guerriglieri. Così quando Valle parlò di paramilitari collusi con l’esercito fu facile per la gente destituirlo.

Penso che molti colombiani sapessero in fondo di questo stava avvenendo e sapevano che era terribile.

Hai intervistato persone vicine a Uribe?

Sì. Alcuni di loro non volevano essere citati. Ho passato quattro ore con uno dei suoi consiglieri più stretti e ho intervistato gente che lavorava con lui in periodi differenti, da persone che lavoravano con lui quando era governatore di Antiouquia a gente che collaborava nella sua amministrazione presidenziale.
Ho provato molte volte a intervistarlo e gli ho mandato un questionario dettagliato, ma non sono mai arrivata da nessuna parte.

Ho incontrato Uribe mentre lavoravo per Human Rights Watch. Era il 2004 ed era il mio primo viaggio in Colombia. Il capo nella sezione Americhe, Jose Miguel Vivanco, l’allora Vice Capo nella sezione Americhe Joanne Mariner e io ci incontrammo con Uribe. Jose Miguel un nuovo decretolegge, che si supponeva intendesse smobilitare i parlamentari  ma in effetti lasciò che i membri sì allontanassero impuniti.
Uribe si arrabbiò molto e cominciò a camminare intorno con un dito in aria dicendo come potessio fare questa domanda quando lui aveva fatto così tanto da portare la sicurezza del paese, e fondamentalmente tenne lezione per 30 minuti prima di dileguarsi. Dopo un po’ tornò ed era molto più calmo e parlammo di  problemi.

I paramilitari non sono mai stati opportunamente disarmati e ora ci sono nuovi gruppi paramilitari in Colombia. Tuttavia il suo libro si conclude con una nota di speranza.

Posta la guerra alle droghe in Colombia e negli Stati Uniti – cioè la criminalizzazione delle droghe – si sta continuando ad avere questo è enorme mercato illecito di droga che procura al crimine organizzato enormi profitti e il potere di corrompere e infiltrarsi nelle istituzioni dello Stato. E anche se la Colombia ha un accordo di pace con il FARC, altre organizzazioni criminali si formeranno probabilmente non appena essi lasceranno il campo di battaglia.
Esistono successori dei gruppi paramilitari e altre organizzazioni criminali.
E questi continueranno a combattere e la gente continua a morire. Quando c’è un tale incentivo finanziario, chiunque lasci quel posto lascia spazio a qualcun altro per entrarci.

Ma io penso anche che alcune cose sono cambiate. Velasquez, Calderon e infine Valle hanno scoperto importanti verità e i colombiani hanno dovuto accettarle in qualche modo. Questo dovrebbe essere fonte di speranza per le persone in Colombia e oltre – quelle persone comuni, giornalisti, attivisti, avvocati, possono far cambiare le cose.

* questa intervista è stata condensata e corretta

Mentre ascolto questo brano… Sempre Vicky!

 

Annunci

18 marzo 2018 Posted by | Diritti umani, Esperienze, Idee, Mondo, Persone, Storia | , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Chi non ha lavoro

Risultati immagini per rifugiati nigeriani

Quella qui sopra è una delle situazioni dalle quali scappano, l’Africa di cui quasi nessuno parla e che genera rifugiati politici e non che in qualche modo devono mangiare e vivere ogni giorno.
Vi offro un racconto di vita che conosco da alcuni anni e che vi assicuro è la miglior celebrazione del 1 maggio e non solo.
Sono particolarmente arrabbiata e non risparmierò, forse per la prima volta, di trascrivere fedelmente certi termini usati normalmente in alcune occasioni.

Qual è la novità oggi?

Vi parlo di prostituzione. No, non si tratta di donne ma di un ragazzo X che vive nella zona Y e si vende al Supermercato Z.

Ho conosciuto X qualche anno fa alla fermata dell’autobus che prendevo di solito per andare a casa nel quartiere Y dove abitavo. Non lo avevo mai notato prima o più semplicemente avevamo orari diversi.

Sono una di quelle persone che non si crea problemi a fare conversazione con persone di razze e colori diversi dal proprio per cui ho cominciato a parlare con lui di cose quotidiane che riguardavano sia lui che me e le nostre vite. Ha preso il mio stesso autobus per raggiungere il supermercato. La differenza tra me e lui è che io ci andavo per fare la spesa mentre lui ci andava per chiedere soldi ai clienti oppure prendere le monete dai carrelli che restavano abbandonati nel parcheggio antistante al supermercato stesso. Questo naturalmente l’ho scoperto solo dopo aver fatto la spesa…

Fin qui sembrerebbe tutto “normale” fin quando non scoperto che… X era in vendita e mi stava offrendo se’ stesso presso il mio domicilio, sussurrandomi all’orecchio in inglese (la lingua in cui stavamo comunicando, proveniendo lui dalla N.) queste parole: “Baby, I can make you happy… I can lick your p…y, ok? Take me to your home and I’ll do everything you want”. (Tesoro, posso renderti felice… posso leccare la tua…, ok? Portami a casa tua e farò tutto quello che vuoi).

Devo essere diventata di tutti i colori perché solo un paio di volte in vita mia avevo ricevuto provocazioni sessuali così esplicite, da adulta intendo naturalmente e soprattutto da adulta single e con una disabilità motoria.

Mi sono sentita strana. Non avevo mai pensato alla prostituzione maschile, anche perché non avevo mai dovuto pagare un uomo in vita mia. Ho rifiutato la sua offerta non perché non fosse attraente e io non ne avessi voglia, ma semplicemente per il rispetto della dignità di entrambi.

In cambio di nulla, se non della compagnia reciproca, ci siamo seduti fuori dal supermercato a mangiare una pizza insieme, senza giudizio. Aveva fame X, non solo di cibo ma di parole che non fossero solo di sfruttamento o di contrattazione.

Lui, godendo dei benefici come rifugiato, aveva provato a cercare un lavoro naturalmente senza successo. Come molti mandava quei pochi soldi ai suoi genitori in N.
Nonostante la sua sfoderata malizia e spregiudicatezza non credo che avesse mai pensato di doverle guadagnare così i soldi che gli servivano per vivere qui nel nostro paese. Ho pensato a chissà quante donne avevano accettato la sua offerta… non ho avuto il coraggio di chiederglielo.

L’ho incontrato ancora molte volte, anche di recente. Ci siamo parlati da esseri umani con pari dignità, senza pensare alle categorie mentali che stanno prendendo sempre più piede nelle nostre comunità. E non parlo solo di stranieri.

Vi assicuro che molte persone che non hanno lavoro si sentono cittadini di serie B, persone che hanno perso senso di rispetto e dignità anche da parte di chi un lavoro ce l’ha ancora. Magari nelle pubbliche amministrazioni, presto gli uffici per l’impiego o ancora se si ha a che fare con i servizi sociali degli enti locali: ci si sente veri e propri mendicanti.

No, non me la sento proprio di festeggiare nulla. Ho solo voglia di dedicare questo post a X, ovunque sia in questo momento!

Con amarezza, sempre Vicky!

 

 

1 maggio 2017 Posted by | Corpo, Esperienze, Mondo, Persone, Storia | , , , , , , , , , , , , | 50 commenti

Not in my name!

L’altro ieri ho visto un assassino a Roma, accolto e foraggiato anche a mie spese dal presidente della repubblica m. e da quello del consiglio r.

“Abbiamo stretto accordi economici con l’Iran”. Scritti col sangue di oppositori, donne lapidate, gay uccisi. Tutto il mondo lo sa.

Siamo in affari con un paese sanzionato dall’Onu.

L’assassino è stato ricevuto da Papa Francesco.

Giovanni Paolo II in Sicilia gridò ai mafiosi “Convertitevi! Un giorno arriverà il giudizio di Dio!”

Ho la nausea.

Sempre Vicky.

26 gennaio 2016 Posted by | Esperienze, Mondo, News, Persone, Storia | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Le 10 multinazionali del food che inquinano il Pianeta come se ne fossero 25

Nestlè resta nella mia boycott list per via di una certa faccenda su latte condensato agli indù… correggetemi se ricordo male. Per non parlare di quest’altro http://www.europaquotidiano.it/2013/02/19/un-altro-scandalo-nestle-what-else/

5 MINUTI PER L'AMBIENTE

Ci sono 10 multinazionali del food che inquinano il Pianeta come 25 fabbriche dell’industria pesante. La classifica l’ha stilata la Ong Oxfam. Ci sono 10 aziende nel mondo che inquinano e che con le loro emissioni di gas in atmosfera contribuiscono a aggravare il riscaldamento globale. Non affrontano i cambiamenti climatici diminuendo le emissioni le aziende del settore alimentare, vere e proprie industrie che trasformano il cibo e che lo distribuiscono in tutto il mondo. Oxfam, che ha stilato la classifica delle 10 aziende che inquinano di più il Pianeta attraverso una pagella che viene aggiornata periodicamente. Nota Oxfam che se queste aziende fossero concentrate in un unico Paese inciderebbero sull’ambiente come le 25 aziende più inquinanti al mondo. Oxfam per stilare la classifica ha preso come parametri di riferimento quali: trasparenza aziendale; trattamento delle Donne che lavorano nella filiera produttiva; diritti dei braccianti agricoli nella filiera produttiva; trattamento economico…

View original post 615 altre parole

4 giugno 2014 Posted by | Esperienze, Mondo, Persone | , , , | 5 commenti

20 novembre 2013

Immagine 28

– Una famiglia –

Ciao a tutti!
Due momentacci sono passati oggi, non li auguro a nessuno ma… c’ero e non ero sola, nè dentro nè fuori…

Un GRAZIE speciale a mia figlia Emanuela, che era con me, l’altro più allargato agli amici e conoscenti, che mi incoraggiano e danno energie nuove!

Quello che ho dentro tu, che mi ami e mi leggi, lo sai.

Scorre una lacrima dolce… per chi ha l’Amore nel cuore e per chi è il cuore dell’Amore.

Sempre Vicky!

 

https://www.youtube.com/watch?v=v_p0yAbi6Bw

20 novembre 2013 Posted by | Anima, Esperienze, Mondo, Persone, Sentimenti | , , , , , , | 15 commenti

UBI Banca? No, grazie

 (Google)

UBI Banca è il quinto Gruppo Bancario in Italia per numero di sportelli, con una quota di mercato superiore al 5% e una presenza significativa nelle regioni a più alto potenziale del Paese. UBI Banca è un Gruppo cooperativo, quotato alla Borsa di Milano e incluso nell’indice FTSE MIB.

Banca Popolare Commercio e Industria fa parte del gruppo bancario UBI. In questo post intendo rivolgermi in modo particolare alla filiale di Rozzano (Milano) in viale Lombardia, nella persona del direttore di filiale e in particolare a un suo impiegato del quale ignoro il nome, ma non certo i modi.

n. verde 800 500 200 – contatto e-mail: servizio.clienti@ubibanca.it – Banca Popolare Commercio e Industria SpA, via della Moscova n. 33 – Milano

“Patti Chiari promuove un insieme di iniziative per migliorare la relazione banca-cliente nell’ambito della mobilità, della chiarezza informativa, dell’assistenza e della sicurezza ed è attivo nella diffusione dell’educazione finanziaria per scelte economiche consapevoli”.

Consorzio Patti Chiari, piazza del Gesù n. 49, 00186 Roma – contatto e-mail: info@pattichiari.it

“Missione: L’ Associazione bancaria italiana (ABI) – associazione volontaria senza finalità di lucro – promuove nella società civile e presso il sistema bancario e finanziario coscienza dei valori sociali e comportamenti ispirati ai principi della imprenditorialità e alla realizzazione di un mercato libero e concorrenziale…” (continua)

ABI Associazione Bancaria Italiana Piazza del Gesù n. 49, 00186 Roma – contatto e-mail: redazione.abi@abi.it

Tutto ciò premesso perché la banca in oggetto aderisce al consorzio Patti Chiari oltre che naturalmente all’ Associazione bancaria italiana ABI. Questo il contenuto del messaggio e-mail che manderò non appena pronto ai tre indirizzi su citati, animata da uno spirito di giustizia che chi mi legge già da tempo conosce. Per chi invece dovesse leggermi oggi per la prima volta, è il mio biglietto da visita che si aggiunge ad altri che trovate sparsi qua e là per il mio blog.

“Buongiorno, mi presento: mi chiamo Vincenza Rutigliano, ho 49 anni, frequento abitualmente il comune di Rozzano pur non essendo residente per esigenze sociali, economiche, sanitarie e altro. Da quasi 18 anni sono una persona con disabilità, che con difficoltà ma con molta dignità e autostima sbriga le proprie pratiche da sola, senza aiuto da parte di nessuno. Questo, ripeto, per me è un vanto perché mi consente di non essere di peso ad alcuno se non per le mie strette necessità personali che non sto qui a raccontarvi. Vi chiederete il perché di questo mio scritto. È presto detto. Premetto che il mio tipo di disabilità purtroppo mi ha privato dell’uso delle dita delle mani, per cui non posso autonomamente tenere in mano documenti, penna, banconote e qualsiasi altro oggetto possa venirvi in mente utile per l’espletamento di qualsiasi pratica amministrativa. In tutti questi anni non mi sono MAI trovata in difficoltà come il 29 luglio 2013, giorno in cui sono entrata nella vostra filiale UBI Banca Popolare Commercio e Industria di Rozzano in viale Lombardia per poter effettuare un prelievo Bancomat. Essendo il mio problema decisamente evidente, ogni volta che devo prelevare in una qualsiasi banca d’Italia o in un ufficio postale ho sempre ricevuto gentilmente aiuto da un impiegato o da un’impiegata che davanti al mio impedimento su mia richiesta prelevava la tessera Bancomat dalla mia borsa per utilizzarla alla mia presenza per prelevare dei contanti. Il 29 luglio 2013 ho dovuto uscire dalla vostra filiale senza denaro e, pur non essendo vostra cliente, alla mia richiesta se fosse possibile aprire un conto presso di voi, mi si sono creati mille problemi poiché, come attestato dal mio documento d’identità, sono impossibilitata alla firma. il funzionario si è inventato un sacco di scuse sulla necessità che fosse presente un notaio per l’apertura del conto, cosa che voi sicuramente saprete non è necessaria visto che l’apertura di un conto corrente è un atto amministrativo come altri per il quale è sufficiente, nel mio caso, allegare una fotocopia fronte retro del documento di riconoscimento ove sia attestata l’impossibilità alla firma. Ho dovuto attendere peggio di un cane che ben quattro impiegati si consultassero tra di loro prima di ricevere un secco rifiuto; in particolare l’impiegato che si è rifiutato di aprirmi anche il conto corrente perché era necessario un appuntamento col notaio al mio invito di verificare sul documento quanto dicevo ed era evidente per chiunque non ha voluto neppure aprire la mia borsetta col mio consenso verbale udibile da tutti i presenti perché, cito testualmente, “non mi fido”. Abbiate pazienza, quella che potevano fidarsi tra i due sarei stata io visto che la borsa era la mia ed ero impossibilitata in qualsiasi modo a difendermi! Sono senza parole, anzi in realtà quella che ho non posso scriverle perché mi ritengo una persona rispettosa ed educata e come tale ho preso la porta in silenzio chiedendo solo che fossero dati di recapiti e-mail sia dell’Associazione bancaria italiana sia del consorzio Patti Chiari al quale la banca aderisce.

Ed eccomi qua. In attesa di spiegazioni dettagliate e, ove avessi ragione per la mia indignazione, di scuse dovute che non saranno mai sufficienti per coprire l’umiliazione subita col giorno. Voglio precisare che in seguito al rifiuto ricevuto ho dovuto tornare nel negozio dove dovevo pagare un conto in sospeso e chiedere di poter ripassare. Aggiungo un particolare che spero vi sia utile per il futuro, visto che probabilmente quel vostro impiegato pensa di non avere bisogno di nuovi clienti. 10 minuti dopo essere uscita dalla vostra filiale mi sono recata in quella della Banca Intesa che si trova sempre in viale Lombardia a Rozzano. Come sempre ho trovato persone disponibili che al mio racconto su quanto era appena successo non hanno potuto far altro che ridere… cosa che ho fatto volentieri insieme a loro, dopo aver naturalmente prelevato quanto mi serviva dallo sportello Bancomat.

Non vi annoio ulteriormente, resto comunque in attesa di vostre nuove al riguardo. Il presente testo è parte integrante di un post pubblicato in data odierna sul mio blog personale al seguente indirizzo Web https://vincenza63.wordpress.com Distinti saluti. Vincenza Rutigliano”

Mandata via e-mail. Vi aggiornerò, naturalmente, sugli sviluppi qualunque essi siano. A presto, sempre Vicky!

5 agosto 2013 Posted by | Esperienze, Mondo, News, Persone | , , , , , , , | Lascia un commento

Oggi una stronza

 (Google)

Eccola. Ha appena legato la bicicletta. Con cura. Le attribuirà pensieri umanizzati e umanizzanti? E’ meticolosa, la giusta dose di fretta dissimulata. La chiamano efficienza. La guardo, come se vedessi una parte di me che è rimasta nel passato, in un angolo che non voglio ricordare. Forse ero anch’io un po’ così, sono cambiata. Prima passavo, ora mi fermo. Pensavo di vivere, invece correvo e basta. Con chiunque senza pregiudizi e senza distinzioni. Ma questo è un altro discorso…

Ho comprato un pezzo di focaccia da mangiare in fretta appena fuori dal supermercato, in pieno sole. Mi sento una turista, invece sono appena uscita da un ambulatorio dell’ospedale dopo la visita cardiologica. Sono contenta, sembra tutto a posto. Forse sarà per quello che voglio sentirmi come una qualsiasi, libera di mangiare per strada senza curarsi dei giudizi degli altri. Quando ero viva davvero, secoli fa, ero proprio così.
Oh Dio, mi sto conciando da buttare via, piena di briciole. Sto per perdere l’auricolare, il filo essenziale che mi tiene legata in modo invisibile al mio cuore che è distante da me.
Ho bisogno d’aiuto. Da anni non mi vergogno più di chiederlo, a chiunque, passanti, cassiere, commesse, secondo la situazione o il bisogno che ho.

Oggi ho scelto lei. Quella stronza.

Apparentemente sono identica a migliaia di altre persone, se non per un particolare, la mia carrozzina, che mi distingue in qualche modo. Per il resto ho un aspetto comune. Non direi di me che incuto timore, neanche alle formiche che cerco di evitare accuratamente con le ruote da quando mi sono resa conto che non esiste solo il valore della vita umana, ma che tutto quanto ci circonda è vita e va rispettato. Anche questo però è un altro discorso…

Mi avvicino e le dico: “Scusa, puoi darmi una mano?” Non ho quasi terminato neanche la frase che sento una risposta che mi gela il sangue prima e me lo fa diventare bollente dopo: “Sì, però niente soldi.” Non mi sono mai sentita così umiliata in vita mia. Non di sicuro da una persona comune, una persona che sta entrando al supermercato per fare la spesa come l’ho appena fatta io. Se solo quella stronza avesse pensato per venti secondi o mi avesse solo degnato di un’occhiata staccando lo sguardo dalla sua bicicletta si sarebbe resa conto che i soldi per pagare la spesa li avevo e non stavo certo chiedendo l’elemosina. 

Sono ferita, profondamente. Sento salire le lacrime agli occhi ma mi trattengo e continuo a parlare. “Guarda che volevo solo un aiuto.” e lei “Dimmi pure in cosa posso aiutarti?” Le rispondo: “Ora non lo voglio più da te. In più vorrei farti sapere che io ho una professione, ho un mio lavoro, non ho bisogno di chiederrti soldi. ” Mi sento incandescente e sento solo di sfuggita la sua risposta “Io non ce l’ho il lavoro”. Da lontano mi volto e come se mi fossi alzata di scatto, con lo stesso impeto le rispondo: “Te lo meriti!”

Mi volto definitivamente e riprendo la mia strada verso casa. Ho bisogno di allontanarmi. Ho bisogno di pensare, di vivere cose positive.

Ti chiamo. Tu sei definitivamente altro. Assolutamente il mio elemento in cui mi muovo in libertà. Vivo!

Senza rancore… sempre Vicky!


https://www.youtube.com/watch?v=QMd42-fwbAc

5 giugno 2013 Posted by | Anima, Dialogo, Esperienze, Mondo, Persone | , , , , , , , | 27 commenti

L’occhio e la tastiera/Bahrein.

Manifestanti lanciano pietre a San'a

E’ il turno del ricchissimo e piccolissimo Bahrein, dopo la Syria. L’immagine sopra è però di febbraio 2011…non di oggi. Siamo isolati dal mondo…
Il mio ultimo pezzo pubblicato su ‘L’occhio e la tastiera’, la mia rubrica sui diritti umani su http://www.ondanomala.org:


“Il BAHREIN: Un altro fronte

Con il collasso dell’Impero ottomano, nel 1916, il Bahrein è diventato un vero e proprio protettorato britannico e lo è rimasto fino al 1971. Questa è la data della definitiva indipendenza del Bahrein.

L’orientamento politico interno è improntato a un tradizionalismo islamico analogo a quello dell’Arabia Saudita. Il Bahrein ha concesso una base navale agli Stati Uniti per dimostrare la sua politica filo occidentale, cosa risultata non gradita all’Iran, che sostiene la comunità sciita. Non è uno scontro a livello confessionale. Il suo assetto istituzionale, era disciplinato dalla Costituzione del 1973, poi sospesa nell’agosto 1975. L’attuale Re di Bahrein dichiara poi uno stato di emergenza di tre mesi a seguito di richieste della minoranza sciita, presente nel Paese. Numerosi gli scontri e i feriti: 200 feriti, 3 morti (tra cui anche un poliziotto). Lo scontro mobilita le due compagini religiose: sciiti e sunniti. I primi sono appoggiati dall’Iran e si localizzano principalmente nell’isola di Sitra, viceversa i secondi hanno l’appoggio dell’Arabia Saudita. Comunque il processo rivoluzionario, tuttora in corso, non ha un carattere esclusivamente confessionale, l’opposizione infatti chiede riforme di carattere economico, sociale e soprattutto politico-costituzionale e relativo alle libertà civili. Non vi è, nei movimenti rivoluzionari (pur composti in prevalenza da sciiti) alcun senso di solidarietà con l’Iran, che anzi sarebbe probabilmente danneggiato, a livello di possibile contagio rivoluzionario, dalla nascita di una monarchia costituzionale su modello europeo o da una repubblica democratica, dalla popolazione sciita, a così poca distanza dalle sue coste.
Quanto sopra ci fa capire che spesso ci vengono date notizie alquanto manipolate.
La verità è che il petrolio, l’influenza economica e strategica del Bahrein in conflitto con quanto la storia e i dissidenti morti chiedono ormai da decenni, dovrebbero farci riflettere…oltre ciò che appare. Come il GP di Formula 1… A chi importa? L’Italia dovrebbe rifiutarsi di aderire. Per rispetto verso i crimini commessi.  

“Detenzioni, torture, omicidi, processi militari dall’inizio delle proteste.

5 luglio 2011

(Washington, DC) – Il governo del Bahrain, dal marzo 2011, ha portato avanti una campagna punitiva e vendicativa di repressione violenta contro i propri cittadini, ha pubblicato oggi Human Rights Watch in un documento informativo.

“Crisi dei diritti umani in Bahrein”(cliccare su” Scarica il rapporto “a destra per il documento completo) riassume la ricerca di Human Rights Watch sulla base delle proteste a favore della democrazia che hanno avuto inizio nel mese di febbraio. Human Rights Watch ha rilevato un incremento di arresti arbitrari e detenzione in isolamento, torture, processi  ingiusti da tribunali militari abusivi, così come i licenziamenti sommari di lavoratori accusati di simpatizzare con le proteste. Il governo ha omesso di indagare sugli abusi o di ritenere qualcuno responsabile per queste azioni. Il 29 giugno, il re ha annunciato che una commissione indipendente internazionale esperti di diritti possa indagare e riferire pubblicamente sulle presunte violazioni dei diritti umani.

“Il Bahrain ha brutalmente punito chi protestava pacificamente per una maggiore libertà e responsabilità, mentre gli Stati Uniti e altri alleati hanno guardato dall’altra parte“, ha detto Joe Stork, vice direttore per il Medio Oriente di Human Rights Watch. “L’annuncio di una commissione indipendente d’indagine è un passo molto promettente per l’individuazione dei responsabili di tali abusi.”

Human Rights Watch ha chiesto al governo del Bahrain di porre fine alle detenzioni illegali e in isolamento per i manifestanti , a meno che non possano essere rivolte verso di loro accuse legittime su reati commessi  e inoltre consentire il monitoraggio della situazione da parte di organizzazioni indipendenti per i diritti umani. Il governo ha impedito a Human Rights Watch di operare in Bahrain dal 20 aprile.”

Traduzione a cura di Vincenza Rutigliano

Human Rights Watch non è responsabile di errori e inesattezze.

Link all’articolo in lingua originale: http://www.hrw.org/en/news/2011/07/05/bahrain-s-human-rights-crisis-0

La morte delle dittature avverrà. Sta succedendo. Sotto i nostri occhi. Stiamo vivendo. Abbiamo l’opportunità di vivere la storia: facciamolo.
CON L’OCCHIO. CON LA TASTIERA. CON LA VITA.

Il vento soffia… e risveglia i dormienti. Si spera solo sia un vento di pace, giustizia e non violenza. Restiamo umani. Sempre Vicky.

17 luglio 2011 Posted by | Esperienze, Idee, News, Persone | , , | 2 commenti

La Malesia siamo noi.

   (da Google)

 

Di seguito riporto il pezzo pubblicato oggi su http://www.ondanomala.org che tratta di difesa dei diritti umani, anche in angoli della terra apparentemente dimenticati. Non da Human Rights Watch, non dalla sottoscritta.

La Malesia siamo noi?

La notizia inizialmente è apparsa alquanto insignificante, ma è durato il tempo di un lampo che illumina la coscienza. E’ emersa la domanda che è divenuta il titolo di questo pezzo.
Cosa ci distingue, dopotutto, da altri paesi quando si tratta di affari?

Non è ancora passata nel dimenticatoio l’immagine di Berlusconi ritratto con l’assassino Gheddafi, oppure col Presidente Bielorusso Lusasenko, ‘eletto’ nel 1994 a soli 40 anni considerato l’ultimo dittatore in Europa, in discreti rapporti con Berlusconi e Putin (http://it.wikipedia.org/wiki/Aleksandr_Luka%C5%A1enko). Un’ultima immagine ancora oggi straziante: la strage dei dissidenti cinesi di piazza Tien-An-Men in palese contraddizione con gli accordi commerciali che intratteniamo su questo Dio Mercato tappezzato di cadaveri. Non siamo migliori dei Malesi: solo più bugiardi.

Mi fermo qui. La storia ci giudicherà, i nostri figli osservano e… lo stanno già facendo.

Da Human Rights Watch www.hrw.org :

“Malesia: Ritirare Invito al presidente sudanese
Al-Bashir non dovrebbe essere benvenuto al Forum Economico
15 Giugno, 2011

Che la Malesia permetta o meno al Presidente Al-Bashir – un criminale di guerra sospetto ricercato dalla Corte Penale Internazionale – di entrare nel suo territorio è una prova del dichiarato impegno del paese per la giustizia internazionale.
Balkees Jarrah, consulente internazionale di giustizia di Human Rights Watch

(New York) La Malesia dovrebbe ritirare l’invito al Presidente del Sudan Omar Al-Bashir , un accusato di crimini di guerra, a partecipare al Forum Internazionale a Putrajaya dal 19 al 21 giugno 2011, ha dichiarato oggi Human Rights Watch in una lettera al Primo Ministro Malese  Dato ‘Sri Mohammed Najib bin Tun Abdul Razak. Il Governo Malese ha  in programma di discutere la questione il 17 giugno.

E ‘stato riferito all’inizio di questa settimana che il presidente Al-Bashir parteciperà al Dialogo Internazionale di Langkawi, un incontro incentrato sullo sviluppo socio-economico. Su Al-Bashir  pendono due mandati di arresto emessi dalla Corte Penale Internazionale (CPI) per i crimini commessi nel Darfur, compresi crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio.

“La Malaysia dovrebbe stare dalla parte delle vittime, non degli accusati di crimini efferati contro le popolazioni del Darfur, e ritirare l’invito per Al-Bashir”.

Il 21 marzo le autorità malesi avevano annunciato l’intenzione del paese di aderire al CPI. Un Ministro del Governo ha dichiarato a quel tempo che la ratifica del trattato avrebbe implicato il rifiuto da parte della Malesia di crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio.

Dovesse Al-Bashir recarsi in Malesia, egli dovrebbe essere immediatamente arrestato e trasferito alla Corte Penale Internazionale dell’Aja, ha dichiarato Human Rights Watch.”

Vincenza Rutigliano

Testo originale in inglese: http://www.hrw.org/en/news/2011/06/15/malaysia-withdraw-invitation-sudanese-president

Traduzione a cura di Vincenza Rutigliano

Human Rights Watch non è responsabile di eventuali inesattezze e differenze.

17 giugno 2011″

Questo il testo da me inviato alla redazione. Vi prego, facciamo una revisione alla nostra coscienza. E apriamo il cuore a un confronto illuminante e onesto.

Un caro saluto, sempre Vicky!

29 giugno 2011 Posted by | Esperienze, Idee, News, Persone | , , | Lascia un commento

Esselunga: non ci siamo ancora!

esselunga       

Come dice il proverbio: il lupo perde il pelo… Dal precedente mio post https://vincenza63.wordpress.com/2009/07/17/caro-sig-esselunga-ovvero-quando-la-spesa-non-e-un-piacere/ del lontano 17 luglio 2009 non è cambiato nulla. 
Il nostro lupo mansueto è un abitueè: il sig. Esselunga. Si è accanito sul cliente internet-cappuccetto rosso, continuando a prenderlo in giro… strategia aziendale la chiamano. Io, come cliente fedele e solvente, non sono soddisfatta. E non è la prima volta…

Anche oggi il quesito della Sfinge è alquanto misterioso. 

Andiamo sulla home page di esselungaacasa.it, il sito dove è possibile fare la spesa online  http://www.esselungaacasa.it/ecommerce/superstore.do

Apparentemente tutto è in ordine, le immagini sono accattivanti, le offerte disponibili in evidenzia. Peccato che la home page presenti un handicap per gli utenti come me… forse perchè io, da buona persona con disabilità, di handicap me ne intendo.
Solo per caso apprendo che si sta svolgendo la promozione SOTTOCOSTO e… porca miseria! Consulto il sito: nessuna traccia, nessuna indicazione. No, non è possibile… siamo alle solite.

Controllo sul sito www.esselunga.it e… abracadabra! Trovo indicazioni, volantino, illustrazioni, tutto quanto, giustamente, può essere utile al consumatore.
La morale è la solita: con tutte le mie difficoltà – visto che viaggio sola in carrozzina elettronica e sui mezzi pubblici – per poter usufruire dello stesso trattamento del resto dei clienti Esselunga ho rinunciato alla spesa online per andare di persona e risparmiare.

tulip

Una curiosità relativa ai prezzi… La solita, ahimè. Tulip, patè di fegato, conf. da 125 g: prezzo al Superstore di viale dei Missaglia a Milano euro 0,99; stesso articolo, in vendita online a euro 1,45 (+ euro 0,46 = + 51%).

Dopo quasi due anni la stessa strategia. Quale? Ieri ho lasciato alla cassa i miei oltre 100 euro pensando, ancora una volta: sono stata presa in giro (vorrei tanto usare altri termini, ma… sono una signora e il sig. Esselunga decisamente NO).

Sarebbe più facile essere rinunciatari. Cambiare posto. E invece no. L’arroganza non la sopporto, l’inghippo neppure.

Dal 1967 non è cambiato nulla… Bisogna ancora chiederlo! RISPETTO. Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

Grande Aretha Franklin, fantastico Otis Redding. Sempre con ammirazione, Vicky.

5 aprile 2011 Posted by | Esperienze, News, Persone | , , | 3 commenti

Youth. Rise up!

Vivi e lascia vivere è un modo gentile per dirvi di non rompere i coglioni.

SIGNORASINASCE by Stefania Diedolo

Si finisce sempre per dare il bacio della buonanotte alla persona sbagliata. Arthur Bloch

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Marco Cariati

Raccolta differenziata di quotidianità umane

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

mydaphne

this my world, this mydaphne

Giusy Carofiglio

And as imagination bodies forth The forms of things unknown, the poet’s pen Turns them to shapes and gives to airy nothing A local habitation and a name. – William Shakespeare

Primo non sprecare

Una genovese in cucina: piatti liguri, altri inediti, oppure i classici in versione sprint. Per il massimo risultato con il minimo sforzo.

TwinMirrors

Look into our mirrors...You will see the most amazing things...

AMERICA ON COFFEE

Americans' daily coffee ritual.....

ZEN'S FAMILY BLOG

Hey My Family. This is Justin Zen and I am here to share my thought's and experience. I am on a journey to help everyone and bring out everyones potential and talent through my blog.

Al Ghurabaa Magazine per la Donna Musulmana

Storie quotidiane di donne e mamme musulmane

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

La Mia Visione Della Vita

"La nostra realtà è un caleidoscopico ed ignoto viaggio onirico"

Les faits Plumes

Des enquêtes à pas de loup pour apprendre sur-tout...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: