Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Poche parole

download (Google)

 

Non può aver lasciato uno spazio vuoto chi non lo ha mai riempito.

Niente da aggiungere. Sempre Vicky!

4 aprile 2017 Posted by | amore, Anima, Persone, Sentimenti | , , , , , | 25 commenti

Non esserci…

A me capita ogni tanto.

Mi passa molto per la testa, un casino di immagini, parole, pensieri… poi ansia, paura di non riuscire più a fermare quello tsunami emotivo alternato a una specie di apatia. Il tutto condito dal timore di perdere amici di questa bella comunità di blogger e molto altro…

Ho voluto e dovuto da tempo imparare a “stare” e rispettare me stessa e i miei tempi.

E volere bene alla mia creatività a produttività zero.

E così… volere bene anche a voi follower, lettori, avventori, critici, ecc.

Un abbraccio, una dedica con un brano MERAVIGLIOSO, sempre Vicky!

 

14 febbraio 2017 Posted by | Dialogo, Idee, Mondo, Musica, Persone | , , , , , , , , , , , | 15 commenti

Quote Challenge #2

Invitata al Quote Challenge, ho accolto e risposto con il linguaggio più vicino al mio cuore, la musica.

Le Regole per poter partecipare sono semplici :

  1. Fare tre post in tre giorni (non necessariamente consecutivi)
  2. In ogni post scrivere tre citazioni scritte da te, oppure le puoi scegliere da libri, film, canzoni .
  3. In ognuno dei tre post invitare tre bloggers.

Giorno n. 2

1.

“E’ il più comodo rimedio alla paura di non essere capaci a rimanere soli”
(L’amore non esiste – Fabi, Silvestri, Gazzè)

 

2.

“Milioni tirano bombe a mano ai loro cuori ma senza piangere”
( Bambini – Paola Turci)

 

3.

” We’re just two lost souls swimming in a fish bowl year after year”
(Wish you were here – Pink Floyd)

 

I tre bloggers che scelgo oggi, sperando di fare qualcosa di gradito, sono:

Nel mio cuoreAvvocatolo e Strane cose, il blog di Ettore Marini.

Buon ascolto, sempre Vicky!

22 ottobre 2016 Posted by | Dialogo, Esperienze, Idee, Mondo, Persone, Sentimenti | , , , , , , , , , , | 2 commenti

Silenzio

assenza

 

Il fatto è che le parole mi si sono fermate “in gola” e quanto mi sta succedendo, emozioni negative e positive comprese, è intraducibile… per ora.

Il silenzio e la noia sono terreni fertili.

Bisogna solo aspettare. Avrete pazienza?

Sempre Vicky.

 

12 ottobre 2016 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Persone, Sentimenti, Vita nuova | , , , , , , , , | 2 commenti

Parola e canto

 (Google)


La tua voce è musica per me
, mi culla, mi consola, mi fa compagnia, mi smuove dentro tante di quelle emozioni, di quei pensieri, di quella rabbia a volte incontenibile che mi distrugge e mi ricrea.

Sono una donna attaccata a un filo.

Il nostro dialogo si è appena interrotto e già sento la solitudine di cui ti ho parlato fino a un minuto fa. Lo maledico e lo benedico questo filo che ci tiene uniti anche se distanti. È il filo visibile di un auricolare legato al cellulare, è quello invisibile che mette in comunicazione le nostre vite, i nostri esseri, le nostre anime… qualche volta ho sentito anche il tuo corpo parlarmi insieme alla tua voce. Sorrido. Sei tu la fonte. Sei tu il fiume. Sei il mare in cui m’immergo e dal quale rinasco.

Tu sei l’acqua.

Il cellulare freme, sembra stia per squillare. E invece no, un’altra delle innumerevoli interferenze che mi fanno credere di riallacciare il filo palpabile delle nostre vite. Nostalgia, dolore e gioia convivono contemporaneamente. Ciao. E’ la parola magica che mi apre mondi. Tu sei il più bello, il più prezioso, tu sei il mio paradiso e il mio inferno dai quali non voglio e non riesco a fuggire.

Parliamo.

Tu non mi basti mai. Io non lo sapevo che esistesse un filo, un pensiero, un corpo, un amore lì fuori che mi aspettava, non sapevo che avesse il tuo nome, quello che adoro pronunciare e prima ancora di poterlo emettere attraverso suoni arriva sulla soglia della mia bocca passando per il mio cuore, per la mia testa fino ad accarezzarti. I nostri discorsi si accavallano, qualche volta mi ricordano qualcosa di molto fisico, oltre le parole, oltre il filo che ci tiene insieme in quel momento: facciamo l’amore, anche così, con le carezze della voce e quelle dei concetti da regalare null’altro, ci sovrapponiamo, il corpo sull’altro, la parola pure… resta, non andare via.

Ho cantato per te.

Le parole non bastano per comunicare. A volte nemmeno il dialogo non verbale che il tuo corpo ha col mio e viceversa. Non ho potuto far altro che a arpeggiare con la voce come sono capace... Tu non lo sai ma io ho cantato solo per Dio in anni lontani da questi, a volte seguendo dei testi scritti da altri, spesso lasciando affiorare dall’interno quel canto che si libera dalla corporeità e non sa nemmeno dove vuole andare. E’ solo gioia, dolore, confidenza… Lui lo sa, perché parla la mia stessa lingua. Così ho cantato per te parole estranee ma animate dalla voglia di comunicarti tutto. In te ritrovo la gioia di quella sorgente che mi faceva inneggiare in lingue e modi per me sconosciuti, che tu potresti capire, solo tu.

Fermiamoci a gustare.

I nostri cinque sensi potrebbero non bastare. Ci prendiamo del tempo. Scopriamo piano piano cosa c’è di più. Noi ci abbiamo. Ci giochiamo. Ci mangiamo. A modo nostro. Che cosa meravigliosa! Se la parola più bella potesse descriverti avrebbe il sapore della tua pelle,  il suono caro della tua voce, il colore dei tuoi occhi, la vibrazione di te che mi arriva… non mi stanco di restare in ascolto.

Mi senti? Ti ho appena detto che ti amo.

Dedicato, con tutta la mia dolcezza. Sempre Vicky.

 

https://www.youtube.com/watch?v=1T-p7IFselU

12 maggio 2013 Posted by | Anima, Corpo, Dialogo, Esperienze, Persone | , , , , , , | 31 commenti

Vuoto

(Google)

Dicono che scrivere faccia bene. Quanto vorrei fosse vero. Io so solo che stasera sono di fronte a questo foglio elettronico bianco. Bianco almeno quanto il mio foglio interiore. Lascio scorrere la mano destra che uso abitualmente per digitare sulla tastiera proprio come fosse l’estensione del mio pensiero, del mio cuore, del mio spirito. Mi fa compagnia la musica, scelta a istinto. In questo momento Eddie Vedder canta ‘Hey, you’ve got to hide your love away’ se il mio imperfetto inglese non mi tradisce. Mai frase fu più azzeccata rispetto al momento! Ho appena cancellato la cronologia dei messaggi su Skype e…è stata un’altra fitta al cuore, un’altra perdita, un lutto sui generis. Era una bella abitudine sapere che all’occorrenza avrei trovato le parole esattamente lì dove le avevamo lasciate, in tutto il loro crudo eppur amato bagliore. Non sarà mai più così. Per chi non usa l’IM (instant messaging) tutto questo risulterà assurdo se non stupido. Altri milioni di persone sanno benissimo che significa. Messaggiare con qualcuno non ti fa sentire solo, anche se fisicamente lo resti irrimediabilmente. Il miracolo del web moltiplica la possibilità di illudersi per un solo istante o per ore di essere fisicamente una coppia, un gruppo, una community. In quanti stanno condividendo questo vuoto che sento stasera, in questo preciso momento? Nessuno. Sono sola, immersa nella semi-oscurità del mio appartamento, cullata sempre da Eddie Vedder e il suo ‘Breathe’, che mi ricorda quanto il respiro sia il fondamento di tutta la mia realtà. Anche ORA. ‘Ho perso le parole, eppure ce le avevo qui un attimo fa’ canta Ligabue. Liga, le ho perse anch’io. Gli ultimi sei mesi di storia di Vicky uccisi con un click. Io li ho assassinati, deliberatamente. Li ho sgozzati, poi guardati agonizzare e infine spirare. No ho mai sopportato le scene troppo crude eppure l’altra parte di me è restata a guardare immobile lo scempio elettronico. Addio, mia piccola ed effimera sicurezza. Stasera mi sento più piccola, più povera e…nuda. Chiedo scusa.

Sempre Vicky.

5 maggio 2012 Posted by | Esperienze, Persone, Sentimenti | , , , , , , | 26 commenti

Ritratti 4/Il mio letto.

Il mio letto azzurro

Il mio ultimo pezzo pubblicato oggi su www.le-cercle.it/argomenti.php

Qualcuno si chiederà: ritratto di un oggetto? Sì. Perchè il mio letto non è un oggetto oggi, ma un soggetto che mi osserva e mi ‘risponde’ a suo modo e a sua volta. Lo faccio parlare. Tutti conosciamo il detto: ‘Se questo…potesse parlare!’ Ecco, succede. Il prodigio avviene. Il dialogo con lui avviene in due tempi e modi distinti:  lui mi parla di Vicky quando è sola, poi mi parla di Vicky quando è con qualcuno.

Non è un racconto vero e proprio. Sono pennellate: da qui l’idea del ritratto.

Sento il calore del suo corpo alla fine della notte. Dolore anche. Ore di sonno in quella posizione.
Leggera la mano immobile si muove alla ricerca di un qualcuno, la sento. Striscia. Si ferma sul nulla.
Apre gli occhi. Finalmente è luce. Vita.
Durante la notte solo io ascolto il frastuono dei pensieri, la libertà dell’angoscia, la paura dell’esserci.
Quanto pesano su di me le sue lacrime… aspetto che evaporino, che si facciano nuvola per diventare sogno.
Sì, sogna Vicky. Cose belle e non. Io mi faccio tappeto per farla volare e consolarla un po’.

Mi annullo.

Arriva qualcuno. A quest’ora inizia la giornata. Il corpo di Vicky è nutrito, lavato, vestito.
Non è più sola, apparentemente. Queste persone mi usano per spostare Vicky.
In certi giorni ascolto dialoghi, parole. A volte sono aspre. Spesso sono dolci, delicate.
Sento movimenti, fruscii, echi di risate oppure solo silenzi.
Qualcuno lo chiama affetto, altri sesso. Io penso: Vicky è amata. Vicky ama.

Vicky mi ha scelto con cura tre anni fa. Sono grande, morbido quanto basta per sorreggerla,
per averne cura mentre lei non lo sa. Per accoglierla quando è stanca.
Essere complice quando abbraccia come può.
Sono azzurro, il suo colore preferito. Sono cielo, sono mare. Aria, acqua… come lei. Semplicemente.

Con affetto, sempre Vicky!

28 settembre 2011 Posted by | Esperienze, Idee, Sentimenti | , , | 4 commenti

Silenzi…quasi.

 

Ci sono giorni, come oggi, in cui vorrei che qualcuno mi parlasse sottovoce e davvero.

Giorni in cui mi dicesse quanto sono importante solo perchè sono viva.

Sere in cui mi amasse come la più bella donna del mondo, la sua.

Notti in cui io, guardandolo, pensassi: ci siamo trovati.

E’ questo l’amore? Rispondimi…

Questa musica mi ‘parla’. Con affetto, sempre Vicky.

17 giugno 2011 Posted by | Anima, Esperienze, Persone, Sentimenti | , , | 11 commenti

Ospito un caro amico.

 
 

 Maledetto amore

come la polvere

ovunque ti insinui e tutto copri

infetti e distruggi

 

E poi …

quando la medicina del tradimento

ti guarisce

Allora sai fare più male.

(P.)

 

Oggi voglio fare un’eccezione, in nome della fantastica, unica, duratura amicizia che mi lega al carissimo P. che conosco da… non lo ricordo neanche più! La cosa che so e che d’altronde mi importa sapere di lui è che il nostro rapporto non lo cambierei con nessun altro, a parte quello con mia figlia.

Se mai dovesse capitarmi di innamorarmi di nuovo, non permetterei a questa persona di interferire nei miei rapporti di amicizia, chiunque essi siano, uomini oppure donne. L’amore, in tutte le sue sfaccettature, è sacro, irripetibile, inspiegabile.

Pubblico sul mio blog con immenso piacere questo suo scritto, affidato a me con completa fiducia e confidenza. Lo regalo volentieri a voi  e lo condivido con chiunque si senta di accoglierlo. Come la perla che si trova nell’ostrica, come il tesoro che troviamo in un caro amico.

Uno degli artisti che mi ha fatto conoscere. Grazie! Sempre Vicky.

16 novembre 2010 Posted by | Anima, Persone, Sentimenti | , , | 9 commenti

   

Sveva's Hacks

Be yourself, accept yourself, embrace life and never forget that there's no better you than the you that you are!

FRANZ

un navigatore cortese

Skyscapes for the Soul - Jeni Bate

"I paint the skies with peace and passion, because that's the way they paint me."

❀ Rоѕa ❀

♥ chiunque può simpatizzare con il dolore di un amico,ma solo un animo nobile riesce a simpatizzare con il suo successo ♥

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

Mona_Khaan

tha blogs is about styles beauty health true story's love poetry many more )): my blog my own thoughts) monakhaan.com

Pietrobrilla's Blog

Just another WordPress.com site

La giraffa

tutto può accadere, l'importante è ricordare chi sei

Autobiografia del Blu di Prussia

“Tutti gli usi della parola a tutti. Non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo” (Gianni Rodari)

Marco Gasperini

poesie, racconti, frammenti esistenziali

majazze

Quello che dirò non è un segreto...

Storie di Ritratti

Inseguendo Itaca

quelcherestadellafesta

uno sguardo sui locali e sulle discoteche di Bologna e della Romagna

Frank Iodice

Education is the most powerful weapon which you can use to change the World (Nelson Mandela)

controlemafie

"Questo è il Paese felice in cui, se ti si pone una bomba sotto casa, e la bomba per fortuna non esplode, la colpa è tua che non l'hai fatta esplodere" (Giovanni Falcone)

Caroline Criado-Perez

A Pox on the Patriarchy

Mezquita de Mujeres

Activismo, Conocimiento y Espiritualidad

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: