Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Piedi/2020

Amici miei,
rileggo e rivivo stanotte vita ed emozioni di anni fa. Confermo tutto. Con sempre più gioia!

Sono lunghi i miei piedi. È una delle parti del mio corpo che mi è sempre piaciuta, anche quando ero più in carne, cioè circa 20-25 chili fa. In un test ho scoperto che chi ha i piedi come i miei sembra abbia origini egizie. Per me questi test sono un gioco col quale mi diverto qualche volta.I due alluci sono più lunghi del resto delle dita, dando al resto un aspetto affusolato quando non sono gonfi. Indosso scarpe o stivali a volte numero 40 o 41, secondo i modelli e secondo il fatto che senta toccare il piede contro la punta interna della calzatura. Sento… ecco lì, in agguato, i miei ricordi tradotti in sensazioni, in ipersensibilità, in qualsiasi cosa possa dirsi contatto… incredibilmente piacevole per ogni occasione.

Oggi ve li racconto.

L’erba. È l’emozione del colore verde, del frescoL’ultima che ho calpestato a piedi nudi è stata in montagna, in una valle bergamasca, l’alta Val Seriana, ero a Gromo in vacanza, agosto 1995. Con noi dei cari amici di allora. Mi è sempre piaciuto il contatto con la terra, con l’erba, perfino con i sassi gelidi del torrente che avevamo ai piedi della collina dove avevamo affittato un appartamento. Uno dei ricordi più belli: tolgo i sandali e prendo in braccio Emanuela che ha paura, voglio passare sull’altra riva del torrente e approfitto di un tratto in cui ci sono sassi lisci e grandi dove poter appoggiare i piedi. I miei piedi… Mi fermo, datemi un attimo… la corrente dei ricordi è talmente potente che mi sta portando via… Dicevo che piano piano siamo arrivate sull’altra sponda e mi sono accorta di essere a piedi nudi.  Non è un problema, i fili d’erba come dita sottili di mani nascoste accolgono le mie orme regalandomi freschezza e morbidezza.
Ho gli occhi chiusi ora… questo mi basta per essere presente in quel momento come accadesse in quest’istante. Sono sola, malinconia… sono felice di esserci.

Il mare. È il freddo abbraccio del blu. Tre fotogrammi, tre sensazioni diverse, tre vite distinte. Il primo: sono con mio padre in acqua, al mio paese d’origine, Margherita di Savoia in Puglia, è il luogo delle mie radici, della mia infanzia, dei parenti, i primi amori, il mio grande amore… Dicevo che sono con mio padre, insieme cerchiamo vongole e telline, lui mi insegna come scavare coi piedi nella sabbia… un divertimento e una spensieratezza unica, raccogliere i frutti di mare che emergono come figli partoriti dal fondo, agitare i piedi a mia volta per imparare. Mi sembra di ballare il twist! L’acqua diventa tutt’uno con i granelli finissimi e fanno solletico ai miei piedi. Piccoli vortici freddi che regalano tanto, tutto il possibile. Il secondo: sto imparando a nuotare, da sola, come quasi tutte le cose che da bambina come anche da adulta ho fatto. Sto sbattendo i piedi per stare a galla in uno stile tutto mio… I miei piedi… ricordo la loro mobilità, l’acqua che passa dappertutto, la felicità dell’obiettivo raggiunto anche grazie a loro… amici miei!
Il terzo: è il più recente, il più sconvolgente. Sono a Rimini insieme a un caro amico, lui magari non immagina nemmeno quanto lo sia… Dopo 18 anni torno dal mio fratello mare, uno degli abbracci più belli ed emozionanti della mia vita. Il mare lo saprà? Lo penetro, mi avvolge, mi copre e mi possiede. Il mio è un ritorno per sempre, lo sappiamo io e lui. Con le sue onde mi fa festa e io rispondo con le mie risate… non ho paura, non più.

I baci. Sono la calda invasione del rossoSentire il calore di una bocca sui miei piedi per la prima volta è una cosa estremamente eccitante, non immaginavo così tanto. Ho sempre riso quando sentivo della passione di qualcuno per questo tipo di attenzione, di coccola. Mi devo ricredere… questa sensazione nuova di calore, di umido, di… penetrazione e accoglienza… Bellissimo.
Sento di far parte di un tutt’uno con il corpo dell’altro, di aver scoperto una parte del mio corpo che non conoscevo, che non avevo mai conosciuto in tutta la vita da questo punto di vista, come fonte di appagamento, di intimità, di gioia!
Non so perché ma un senso di perbenismo, un certo tabù in un primo momento mi impedisce di godere appieno… è come spogliarsi di un ultimo velo, come buttare giù un muro inutile, prendere possesso totalmente del proprio corpo e attraverso di esso del piacere altrui.

Se considerassi i miei piedi solo come mezzo di mobilità sarei davvero tagliata fuori da un mondo che neppure credevo potesse esistere. Invece…il mio corpo, i miei piedi lasciano orme più importanti di prima... lasciano orme dentro, lasciano tracce sulla pelle di un altro che gli dedica attenzione e cura con baci e carezze, regalano a me sensazioni nuove e inaspettate. 

Amo i miei piedi. Ancora. Sto bene con loro.

Un abbraccio! Sempre Vicky!

4 settembre 2020 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Mondo, Sentimenti, Viaggi, Vita nuova | , , , , , , , , | 10 commenti

Passeggiata “solitaria”

download

 

Amici miei,
vi è capitato di recente di fare una passeggiata apparentemente solitaria e silenziosa?

A me è successo qui dove vivo incontrando animali anche comuni che, distrattamente, mi sfuggono.

Quelli che non mancano mai sono i cani, di ogni taglia e razza. Vi è mai capitato di pensare quanto un cane possa assomigliare al suo padrone? Lo so che sembra ridicolo, però se li osservate bene noterete che molti hanno anche un’andatura simile. Probabilmente nel tempo hanno adeguato il passo dell’uno all’altro.

Anche seguire la strada che percorre una formica o un altro insetto che cammina riesce a meravigliarmi. Da quando anni fa ho avuto consapevolezza del valore di ogni singola vita, anche la più piccola del regno animale, mi sono ritrovata a rispettarla e quindi cerco di non calpestare neanche le formiche con le ruote della mia carrozzina. Più che dagli insetti che volano ho imparato la pazienza dalla vita faticosa di quelli che è più facile osservare, come per esempio le lumache (tra l’altro sono degli animali da me molto amati).

Di recente poi mi sono imbattuta in un leprotto. Mi sono fermata non so per quanto tempo a osservare i suoi movimenti all’inizio molto lenti; poi deve esser stato allarmato da qualche rumore ed è partito a tutta velocità scomparendo dalla mia vista. Che meraviglia! Non posso neanche immaginare che qualcuno possa interrompere la sua corsa con un proiettile

Dalle mie parti c’è molta campagna e cascine, dove trovare e sentire la presenza di animali dei quali probabilmente tanti bambini di città, come lo ero io, ignorano l’aspetto.

Galline, mucche, pavoni, gatti randagi, tortore e chissà quanto altro per cui rallegrarsi e ringraziare Dio di esistere.

Molte farfalle mi hanno fatto compagnia, soprattutto quelle comuni di colore bianco.

Gli ultimi compagni di viaggio che incontro sono una comunità di nutrie e infine un paio di api intente a corteggiare dei fiori spontanei.

Da quando ho dovuto rallentare la mia andatura usando la carrozzina elettronica ho scoperto un universo silenziosamente vivo.

Come me. Con me.

Vi abbraccio, in un momento di pace che ho voluto condividere. Sempre Vicky.

 

13 luglio 2020 Posted by | Esperienze, Mondo, Viaggi | , , , , , , , | 16 commenti

Natura, grazie!

 

Alla fine di una lunga e rilassante passeggiata in solitaria, sottofondo dei suoni naturali e di quelli musicali, sono stata premiata da questo piccolo grande dono: dei bellissimi grandi fichi!

Con un piccolo aiuto li ho fatti cogliere e poi… Li ho regalati alla mia vicina di casa (io ho il diabete!).

Ho sentito una pace e una gioia che non provavo da lungo tempo.

Un enorme GRAZIE a Dio e a madre natura!

Buona serata a tutti. Un abbraccio, sempre Vicky!

🌹🌹🌹

 

In cuffia sentivo questo brano:

 

28 giugno 2020 Posted by | Anima, Dio, Esperienze, Sentimenti, Viaggi | , , , , , , , , , | 17 commenti

Ciao, Naima

download

 

5 febbraio 2020 ore 2.10

 

Il tuo ultimo respiro, l’ultima fatica, amica mia

Sto mangiando proprio ora tre noci

Quante volte le hai condivise con me

mentre si parlava di tutto e di niente

 

Sorrido ora come quando ci hanno presentate

la tua risata fragorosa e brillante

Non mi hai mai fatta sentire piccola

 

Tu sensuale e mai volgare

I capelli celati dietro un leggero velo

Lo stesso posto tra Allah e Dio

squarciato dalla tua Bellezza e Gioia

note a noi due durante i nostri incontri

 

Un’orata offerta in un pranzo

ha significato molto

Cibo per i corpi e le anime

Acqua per dissetare

il deserto della voglia di conoscenza

 

Ti sei fatta cibo del mostro

apparentemente sconfitta

Ti riconosco

ora in queste righe e in molti sali

 

Mi manchi

Di te il tappeto della preghiera

che un giorno in silenzio ci ha rese uno

Ti voglio bene! Sempre Vicky! 

 

 

7 febbraio 2020 Posted by | Anima, Corpo, Dio, Esperienze, Persone, Sentimenti, Viaggi | , , , , , , , , | 17 commenti

Una serata di Bellezza

 

Amici miei,

questa sera mi sono ritrovata in mezzo a una via di Bellezza e mi si è riaccesa la sete persa strada facendo.

Grazie a Dio, alla vita, a Dante e a Benigni per le emozioni vivide e vivaci che mi riportano a contemplare la Luce vera.

Vi auguro di cuore e sottovoce di riposare il cuore e lo spirito.

Sempre Vicky!

 

9 gennaio 2020 Posted by | amore, Anima, Dialogo, Dio, Esperienze, Sentimenti, Uncategorized, Viaggi | , , , , , | 13 commenti

Un giorno perfetto

 

18 ottobre 2019: cronaca di una giornata perfetta.

07.00  Mi sveglio al suono della recita del Santo Rosario. Sto bene. Sto ancora meglio al pensiero del sogno nel quale sto fluttuando. Ricordo ancora la morbidezza e il tepore del coniglio che sto tenendo in braccio. Io sono in piedi su un tavolo in una scena che adesso non ricordo più.

07.30  Ora sono del tutto sveglia e mi ricordo che è il 18 ottobre: non vedo mio padre da trentasette anni. Magnifico! Invece di essere triste per la sua assenza sono felice di essermi ricordata di lui e di sentire quanto mi stia ancora accompagnando ogni giorno la mia vita. Papà, ho voglia di scriverti da tanto.

08.30 Uno dei momenti più preziosi della giornata: la Santa Messa. È il cibo vero di cui non posso e non voglio fare a meno. È il mio Amico che bussa alla porta. Gli apro e Lui mi dona Parole e santa compagnia. Com’è il suo viso? Non saprei dire. Lo riconosco dal battito del suo cuore. E dal sussulto del mio.

09.30 Qualche istante di relax. Ora mani che non mi appartengono mi lavano, mi profumano con crema alla fresia – uno dei miei fiori preferiti -, una limatina alle unghie di mani e piedi e poi… Scelgo cosa indossare oggi. Armadio spalancato e via! Se non ricordassi che ho una disabilità motoria potrei pensare di trovarmi avvolta dalle coccole di una Spa e quindi da braccia che mi vestono come una principessa! Amo i sogni che rivestono di nuvole il cielo nudo.

11.00 A quest’ora di solito prendo una medicina che fa rilassare i muscoli (miorilassante), in modo da non avere spasmi dolorosi durante la giornata. Grazie a Dio le hanno inventate queste gocce!

11.15 Il pensiero di mio padre mi rimanda a un altro ad esso strettamente collegato: il mio mancato matrimonio. cito questo collegamento solo per il piacere di ricordarmi di Lorenzo in questa giornata particolare. Finalmente l’ombra del mio sollevatore mi ricorda che sarebbe ora di alzarmi e mettermi in carrozzina per iniziare finalmente la mia giornata seduta. A qualcuno fa impressione il mio sollevatore, invece per me e per chi deve spostarmi è un alleato prezioso e quasi invisibile. Quasi, ripeto!

14.30 È venerdì, dopo pranzo mi preparo per uscire. Un’ora dedicata al volontariato presso una casa di riposo di Rozzano. Il pomeriggio alle 15 30 arrivo lì e mi fermo un po’ di tempo a parlare con delle signore anziane ospiti della casa di riposo. Vi devo confidare che mi sento un pochino a casa in quel luogo da quando nel cuore sento nascere una gioia come se andassi a trovare la mia mamma scomparsa ormai da quattro anni e mezzo. Sento una profonda consolazione, e questo non è poco!

16.30 Oggi mi sento proprio come una bambina allegra e svolazzante. Chi mi guarda non lo sa, probabilmente vede solo un sorriso che sfreccia sulle ruote, senza poterne condividere la sorgente. Per oggi va bene così! Mi aspettano altre mete in questa giornata speciale, in cui mi sento assolutamente in compagnia di anime belle. Mi dirigo  così verso il tram numero 15 per andare a fare la spesa. “Che ci sarà di speciale e di allegro?”,  magari vi chiederete. Vi rispondo con una domanda: quante persone tetraplegiche che usano una carrozzina elettronica vedete salire su un tram per andare a fare la spesa da sole? Questo è il motivo della mia leggerezza.

17.30 Dopo aver ultimato la spesa e predisposta la consegna a domicilio, devo ingranare la quarta con la mia “Ferrari” perché ho un appuntamento molto importante con uno dei gruppi che suonano genere metal e che ho scoperto non più di una decina d’anni fa: Metallica!
Infatti oggi dalle 18 presso la multisala dove vado abitualmente proiettano un evento musicale che celebra i vent’anni del loro concerto insieme all’orchestra filarmonica di San Francisco nel 1999.

19.00 Non potevo certo farmi scappare quest’occasione, S&M2 di Metallica 2019! Che meraviglia! Mi sembra di essere un’adolescente emozionata al suo primo concerto! È come ripercorrere un viaggio che avevo già fatto, ma farlo con consapevolezza e conoscenza almeno parziale di ciò che sto vivendo.
Sono venuta qui da sola, insieme a me nella sala un po’ di gente, un po’ meno di quella che mi aspettavo ma poco importa. A me sembra di essere lì, ad applaudire nella mia mente tante e tante volte, con il piccolo rimpianto di non potermi alzare e stendere le mani e le braccia verso il cielo per gridare la mia gioia.

23.00 Piano piano sto tornando verso casa, gustando ancora l’ultimo evento della giornata e poi… ecco arrivare il brano che mi accompagna sino a letto, quello che condivido qui sotto con tutti voi, amici miei. E, naturalmente, con tutti i miei amori.

È stata una giornata perfetta. Un abbraccio, sempre Vicky!

 

 

11 novembre 2019 Posted by | Anima, Cinema, Cose, Dialogo, Dio, Esperienze, Mondo, Musica, Persone, Sentimenti, Viaggi, vita indipendente | , , , , , , , , , , , , , , , , | 22 commenti

Senza confini

 

https://images.app.goo.gl/6sgD32yMZENqHM2p8

Landa desolata

Prateria immensa

Mente ottusa


Anima aperta

Cuore gelido



Pelle calda

Tutto un alito

Solo vento

Buio suadente

Luce assordante

Dolore nostro

Gioia comune


Toccami

 

Un pensiero a chi amo. Un bacio a chi mi manca. Un abbraccio a tutti.

Sempre Vicky!

 

2 novembre 2019 Posted by | Anima, Corpo, Esperienze, Mondo, Viaggi | , , , , , , , | 18 commenti

Solitudine

images

 

A volte penso sia solo uno stato della mente
altre un bisogno dell’anima
poi mi volto

e noto solo la mia ombra
inondata dal Sole
e proseguo il viaggio

 

Sempre Vicky!

 

 

 

15 settembre 2019 Posted by | Anima, Dio, Mondo, Musica, Viaggi, Vita nuova | , , , , , | 33 commenti

Puglia 2019

img-20190619-wa00114921807919449511578.jpg

 

Ed eccomi qui sdraiata e rilassata al mare. 😊😊😊

Che ve ne pare?

Un abbraccio a tutti. Sempre Vicky!

20 giugno 2019 Posted by | Esperienze, Persone, Viaggi, Vita nuova | , , , , | 24 commenti

Musica per stare bene

 

Amici miei, voglio condividere questa meraviglia, un inno alla vita, alla fragilità, all’umanità vera.

Io vivo sulla mia pelle questo testo e voglio trasferirlo come una piuma leggera al vostro cuore.

Non aggiungo altro al testo.

Un abbraccio, sempre Vicky.

 

Abbi cura di me

Adesso chiudi dolcemente gli occhi

E stammi ad ascoltare

Sono solo quattro accordi ed un pugno di parole

Più che perle di saggezza sono sassi di miniera

Che ho scavato a fondo a mani nude in una vita intera

Non cercare un senso a tutto

Perché tutto ha senso

Anche in un chicco di grano si nasconde l’universo

Perché la natura è un libro di parole misteriose

Dove niente è più grande delle piccole cose

È il fiore tra l’asfalto

Lo spettacolo del firmamento

È l’orchestra delle foglie che vibrano al vento

È la legna che brucia che scalda e torna cenere

La vita è l’unico miracolo a cui non puoi non credere

Perché tutto è un miracolo tutto quello che vedi

E non esiste un altro giorno che sia uguale a ieri

Tu allora vivilo adesso

Come se fosse l’ultimo

E dai valore ad ogni singolo attimo

Ti immagini se cominciassimo a volare

Tra le montagne e il mare

Dimmi dove vorresti andare

Abbracciami se avrò paura di cadere

Che siamo in equilibrio

Sulla parola insieme

Abbi cura di me

Abbi cura di me

Il tempo ti cambia fuori, l’amore ti cambia dentro

Basta mettersi al fianco invece di stare al centro

L’amore è l’unica strada, è l’unico motore

È la scintilla divina che custodisci nel cuore

Tu non cercare la felicità semmai proteggila

È solo luce che brilla sull’altra faccia di una lacrima

È una manciata di semi che lasci alle spalle

Come crisalidi che diventeranno farfalle

Ognuno combatte la propria battaglia

Tu arrenditi a tutto, non giudicare chi sbaglia

Perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso

Perché l’impresa più grande è perdonare se stesso

Attraversa il tuo dolore arrivaci fino in fondo

Anche se sarà pesante

Come sollevare il mondo

E ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte

E ti basta solo un passo per andare oltre

Ti immagini se cominciassimo a volare

Tra le montagne e il mare

Dimmi dove vorresti andare

Abbracciami se avrai paura di cadere

Che nonostante tutto

Noi siamo ancora insieme

Abbi cura di me

Qualunque strada sceglierai, amore

Abbi cura di me

Abbi cura di me

Che tutto è così fragile

Adesso apri lentamente gli occhi e stammi vicino

Perché mi trema la voce come se fossi un bambino

Ma fino all’ultimo giorno in cui potrò respirare

Tu stringimi forte

E non lasciarmi andare

Abbi cura di me

 

24 marzo 2019 Posted by | Anima, Esperienze, Musica, Viaggi | , , , , , , , | 11 commenti

"Semplicemente insieme" Lucetta

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

Lluís Bussé

Barcelona's Multiverse | Art | Culture | Science

Silly Old Sod

Grumpliciousness

Unlocking The Hidden Me

Tranquil notions, melange of sterile musings & a pinch of salt

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

MYSELF

AS HUMILDES OPINIÕES DE UMA MULHER DE CORAGEM QUE DIZ SIM À VIDA!

VOYAGE ONIRIQUE

Photos, Artistes, Livres, Films, Voyages, Wallpapers, Fonds d'écran

Frammenti vitali

Omnia quae ventura sunt in incerto iacent: protinus vive.

Kamal's Blogging Café

English Language, Literature, Creative Writings & Decode PROXY

The Journey of My Left Foot (whilst remembering my son)

I have Malignant Melanoma, my son had Testicular Cancer

PeoPlaid

People, Places, Ideas, and More

Mutazioni del Silenzio

...perché il Sogno si può camminare, danzando parole sul foglio,si può cantare, danzando l'anima sul respiro...Ma alla fine il Sogno è soprattutto Visione.

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quattordicesimo anno ♥     

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: