Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Jesse Owens ha vinto!

owens

1936 – Jesse Owens trionfa a Berlino (dal Web)

A quasi ottant’anni dalle Olimpiadi di Berlino Jesse Owens vince ancora!

Quando vado al cinema da sola posso scegliermi il film da vedere. Prevalentemente si tratta di film basati su storie realmente accadute, drammatici oppure storici ma diversi dai soliti kolossal commerciali.

Ieri è stato uno di quei giorni. Un pomeriggio solitario e libero, da vivere, da respirare, da annotare prima e raccontare poi come sto facendo. Un lungo momento vissuto in due prospettive: il racconto del film vero e proprio e quello delle persone che osservo in sala sedute a fianco o davanti a me. Bei posti quelli riservati ai disabili in carrozzina alla multisala di Rozzano: si ha una visuale dall’alto a 360° su tutto quanto mi circonda!

Race racconta la vicenda sportiva e umana di Jesse Owens, il famoso atleta di colore vincitore di quattro medaglie d’oro alle Olimpiadi di Berlino del 1936, in attesa dell’invasione della Polonia da parte di Hitler e dell’inizio della seconda guerra mondiale. Nel bel mezzo del trionfo della discriminazione razziale e dell’inizio del genocidio degli ebrei, un “inferiore tra gli ariani” osa umiliare i tedeschi. Questo “negro” è per giunta americano, il che costituisce un’aggravante, se così vogliamo metterla. La partecipazione americana alle Olimpiadi, nonostante la consapevolezza di quanto stia accadendo in Germania in quel momento storico, viene legata a un compromesso di tipo economico con tanto di tangente per la costruzione della nuova sede dell’ambasciata tedesca negli Stati Uniti (sarà vero?).

Nulla da dire, il film mi ha veramente coinvolto e a tratti emozionato. Non conoscevo molto bene la vicenda nei particolari, forse perché la memoria storica, soprattutto per gli eventi sportivi è davvero carente. Sono uscita dalla sala con parecchi interrogativi in testa, in particolare mi sono domandata tornando a casa il perché ci si fosse soffermati così poco sulla gravità della discriminazione razziale negli Stati Uniti. Nel film ci sono solo poche pennellate a questo riguardo come, per esempio, le inquadrature sui cartelli con divieto di accesso ai neri sia negli autobus, che nelle palestre o negli spogliatoi o peggio ancora la discriminazione è sottolineata quando viene proibito a Owens, nonostante il successo a Berlino, di accedere al ristorante dall’entrata principale. Mi sono chiesta più volte in queste occasioni se il vero Jesse fosse così “sottomesso” e remissivo…

Ho parlato di un secondo aspetto che mi lega all’esperienza del cinema in generale come quella di ieri in particolare, cioè non guardare solo lo schermo ma osservare anche le persone.

Per me è uno spettacolo nello spettacolo, una visione nella visione, l’inquadratura nell’inquadratura.

In generale mi piace guardare il tipo di pubblico presente, il genere inteso come femminile o maschile, il numero di persone e a volte perfino l’abbigliamento. Osservo le coppie, i singoli come me (quando sono al cinema, anche se accompagnata, la vivo come un’esperienza personale e solitaria, come se leggessi un libro), le famiglie con bambini, i gruppetti di adolescenti o di amiche – amici più o meno miei coetanei che fanno commenti qua e là durante il film. È come guardare dal di fuori una famiglia a tavola. Mi piace pensare di avere il vantaggio dalla mia posizione alta e in qualche modo dominante, di passare inosservata mentre rubo immagini di vita qua e là. Il Tesoro della mia memoria.

In particolare ieri una coppia seduta qualche fila più in basso rispetto a me ha attirato la mia attenzione durante l’intervallo. Entrambi dall’apparente età di 60 anni, lui la teneva stretta a sé per le spalle, sembravano due fidanzatini di altri tempi…
A un certo punto è caduta la giacca dalle spalle e lui con dolcezza gliel’ha risistemata, un gesto semplice e gentile che non vedevo non so da quanto tempo.

Ha toccato il mio cuore.

Abituata come sono a essere aiutata per necessità, ho gustato fino in fondo quella scena, ripensando nei momenti successivi, con la complicità del buio per nascondere qualche goccia di sale, a qualcuno che aveva abbracciato anche me nello stesso modo, a qualcuno che qualche volta è gentile e al quale sorrido poco, dimenticandomi della mia femminilità e della mia dolcezza che spesso stenta a manifestarsi con gesti e parole.

Grazie, Jessie! Ancora in pista, sempre Vicky!

26 aprile 2016 Posted by | Anima, Cinema, Esperienze, Persone, Sentimenti, Sport, Storia | , , , , , , , | 6 commenti

Gradino

Un ostacolo che è anche una voragine. Una guerra tra poveri si dice. A volte poveri cattivi. Qualcuno dice che gli africani stiano un gradino più in basso rispetto ai “bianchi” europei. Non ascoltavo parole così apertamente discriminatorie sia dal punto di vista sociale che culturale. Resto in silenzio, come sempre davanti a rabbia, dolore, gioia profonda. Giusto il tempo che raggiunga il mio io nella stanza “segreta” e poi…

Sono Vicky e torno. Con tutta la mia forza.

Con rispetto ma con fermezza lascio emergere parole affamate di giustizia. Lo faccio da quando ne ho memoria, pagando sempre consapevolmente il conto.

Il “diverso” è da sempre il mio unico amore. L’ignorante… decisamente no.

Sempre Vicky!

19 luglio 2014 Posted by | Esperienze, Idee, Persone | , , , | 6 commenti

L’occhio e la tastiera/Il razzismo è già guerra!

   Immigrati a Lampedusa (Google)

Da www.ondanomala.org il mio ultimo pezzo pubblicato nella rubrica  ‘L’occhio e la tastiera-Pensieri’:

“Le armi dei tiranni non tramontano.
La crudeltà del seminare l’odio è da tempo immemorabile strumento di ricatto e di sangue. Quando finirà questa escalation di disumanità? Il mio occhio osserva un mondo in migrazione forzata, la mia tastiera descrive con estremo dolore la divisione e le potenziali polveriere a rischio. Non c’è bisogno di spostarsi molto da casa. E’ sufficiente uno scambio acceso di vedute con uno degli interlocutori a me più vicini: mia madre. Fondamentalmente le argomentazioni sono due racchiuse in un’unica domanda: dove metteremo tutta questa gente che non sappiamo nemmeno chi sia? Entro subito in polemica, non resisto. Penso  al  buonismo di pie donne che in parrocchia raccolgono coperte per i poveri e sgranano il santo Rosario. Sto attenta a star loro lontana: appartenendo a una delle categorie che sfruttano lo Stato – sono una persona con disabilità – potrei  essere assimilata agli ‘invasori’ Africani e divenire obiettivo di cecchini…

E’ di oggi la dichiarazione ultima di uomini di pace del calibro di Gheddafi: l’Europa sarebbe come Hitler. Devo guardarmi le spalle. Mi chiedo: saranno accessibili i nostri centri (campi)? Basta guardare un’immagine qualsiasi: sono luoghi di detenzione da dove chi può, scappa, evade.

Do’ un’occhiata al sito di Human Rights Watch(www.hrw.org) per cercare informazioni riguardo la situazione non presenta e avere la mia cartina di tornasole, cruda, attendibile. Leggo.

Italia: Agire subito per porre fine alla violenza razzista

Le autorità dovrebbero riconoscere l’entità del problema e garantire i procedimenti penali idonei.

Judith Sunderland, ricercatrice senior per l’Europa occidentale di Human Rights Watch

(Roma, 21 marzo 2011) – Il governo italiano non sta prendendo le giuste misure atte a prevenire e perseguire la violenza razzista e xenofoba, afferma Human Rights Watch in un rapporto pubblicato oggi. Gli immigrati, gli italiani di origine straniera e i Rom sono stati vittime di brutali attacchi occorsi in Italia negli ultimi anni.

Il rapporto “L’intolleranza quotidiana: la violenza razzista e xenofoba in Italia” documenta in 81 pagine le mancanze dello Stato italiano nel prendere misure efficaci contro i crimini imputabili a odio discriminatorio. Sono rari i casi in cui l’aggravante razzista venga contestata nelle azioni penali per violenze, e le autorità italiane tendono a sminuire la portata del problema e non condannano con la necessaria forza gli attacchi. L’inadeguata formazione delle forze dell’ordine e del personale giudiziario e l’incompletezza della raccolta di dati aggravano la situazione. Allo stesso tempo, la retorica dei politici, le misure del governo e la cronaca  mediatica collegano gli immigrati e i Rom alla criminalità e contribuiscono ad alimentare un clima di intolleranza.

“Il governo dedica molta più energia a incolpare i migranti e i Rom dei problemi che attanagliano l’Italia di quanto non faccia per fermare gli attacchi violenti contro di loro”, ha detto Judith Sunderland, ricercatrice senior per l’Europa occidentale di Human Rights Watch. “Le dichiarazioni allarmiste del governo su una invasione di ‘proporzioni bibliche’ dal Nord Africa è solo l’ultimo esempio di retorica irresponsabile. I funzionari dovrebbero proteggere i migranti e i Rom dalle aggressioni “(continua su http://www.hrw.org/en/news/2011/03/21/italia-agire-subito-porre-fine-alla-violenza-razzista) .

Non aggiungo altro. All’estero ci conoscono… e non è un bel pensiero.

Vincenza Rutigliano”

Questa è la Sicilia e l’Italia che sento mia… La Bellezza! Un abbraccio, sempre Vicky!

2 aprile 2011 Posted by | Anima, Esperienze, Idee, Persone | , , , | 6 commenti

Che schifo.

 

“Aveva vissuto pochi giorni su questa terra, le era toccato di morire a Udine, in ospedale. Poi i genitori l’avevano portata a Paderno, per seppellirla. Ma i genitori avevano un “difetto”: erano musulmani. E una “pretesa”: seppellirla da musulmana. Difetto e pretesa che forse costeranno alla neonata defunta la riesumazione, c’è chi vuol togliere quel cadavere di bimba dalla tomba perchè “lì non ci può stare”. Protestano le “autorità” e protesta qualcuno della “gente” di Paderno. Protestano contro lo “scandalo e profanazione” del cimitero. (…segue)”

da www.blitzquotidiano.it attraverso l’amico Mario Circello.

Non è una notizia recente, anzi. Lo è però per me, che l’apprendo solo ora. Mi viene in mente una riflessione: le notizie quando diventano tali? Quando avvengono o quando ne veniamo a conoscenza?

Questa… NON AVREI MAI VOLUTO LEGGERLA.

Totò aveva torto, la morte non è affatto una livella… Men che meno nel cuore di chi si sente ‘giusto’ perchè osserva la legge. Provo solo pietà e mi sale la nausea al pensiero di 1700 probi cittadini che firmano la petizione leghista e pidiellina in difesa del diritto di essere consumati dal tempo ‘a norma di legge cristiana’.

Sono cristiana convinta proprio perchè Cristo ha rivelato l’Uomo nascosto nell’essere vivente con il superamento e il completamento della legge. Non mi lascerò imprigionare ancora dopo la Liberazione da tanta ipocrisia dei cosiddetti ‘giusti’ e il trionfo dell’Amore vero, offerto senza distinzioni ed esclusioni. Soprattutto senza imposizioni. Chi insegna un proprio Gesù ‘su misura’ lo dica, per non scandalizzare non già i cristiani, quanto tutti gli individui credenti nella verità, laica o di fede che sia.

Io non mi sento migliore degli altri. Solo diversamente felice, perchè in questa vita, in questo momento, con questo cuore.

Non esiste limite alla chiamata alla vita e alla ricerca della felicità. Non esiste limite al diritto alla dignità. Anche quella di essere seppelliti, come si desidera. Avrei voglia di chiederti scusa, piccola creatura… ma io non ho colpa dell’ignoranza altrui, risponderò casomai della mia. Non mi farò carico dei loro errori, non sono Gesù sulla croce. Riesco solo a provare una gran rabbia e la voglia di gridare mentre canto…

Sempre Vicky.

21 febbraio 2011 Posted by | Esperienze, News, Persone | , , | 9 commenti

   

HUMAN TRIBE

storie incredibili del genere umano

Empowered

Everyday

MaBeautility

Inner beauty and outer beauty!

Spongebob

E la bellezza d'esser bionda guidando una Aygo rossa.

La libreria di Farfalla Legger@

gocce di libri letti e qualcosina in più...

MiddleMe

Becoming Unstuck

DUST IN THE WIND (poesía)

"El raquitico dios de la tierra sigue siendo de igual calaña y tan extravagante como el primer día. Un poco mejor viviera si no le hubieses dado esa vislumbre de luz celeste, a la que da el nombre de Razón y que no utiliza sino para ser más bestial que toda bestia" Goethe

Think Thoughts

Academic Essays

Education Motivation Inspiration

Warm welcome! This is more than an exploration. Discovery of new ideas and new ways of being.

Life lessons

This site is all about enlightenment

Sobrevivir a Trabajar en Casa

Trabajo en casa, ¿Tú también? ¡Bienvenid@! ¿No trabajas casa pero quieres saber de qué va la historia? ¡También eres bienvenid@!

Etiliyle

Lascia un messaggio nella bottiglia e affidalo alle onde...

Un bosco nella mente

Sogna sempre in grande

Trust and Believe in the Unseen

Live with Light of Faith

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: