Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Il peso del dolore

 

Lo sento ancora come qualcosa di ingombrante che sta lasciando una scia dietro di sé, anzi, dentro di me e sul mio petto.

È il peso del dolore. L’ho riconosciuto oggi, con estrema distinzione tra le altre emozioni, l’ho sentito scendere dagli occhi.
ll suo sapore salato, il suo colore di un grigio inaspettato. Come la nebbia dalla quale non capire come uscire.
Sì, perchè in esso ci si può perdere. A lui ci si può assuefare. È bravo ad ingannarci.

Ci trasforma dentro e fuori e ci trasporta nella grande illusione: un mondo perfetto. Una dimensione asettica, ovattata, surreale.

Come me che indosso questa mascherina dietro la quale so di non essere me stessa.

Passa una mamma alla giusta distanza, quella del manuale di sopravvivenza da coronavirus. Tiene per mano la sua bambina, anch’essa protetta. Tra le sue manine una Barbie, a viso muto e indifferente, ma in un modo stranamente libero. “Hai visto? È tornato il Carnevale!” le dico sorridendo per tentare di trovare una leggerezza giocosa in una scena che vorrei non fosse reale.

Passano velocemente oltre. Si chiama PAURA.

Esiste un luogo dentro di me, un tempo dietro di me e una porta oltre la quale succede di dover andare: è il momento di realizzare la realtà. Game over.

Mi sento sola.

È sufficiente una sola telefonata per provare a far finta di poter smettere di soffrire quando voglio. È una crepa che rompe la diga. È la luce che investe l’oscurità. La verità che trionfa sulla menzogna e sull’illusionismo mediatico e dei social. Non è più il film che credevo di vedere sul mio schermo, comodamente sdraiata a letto o seduta come ora sul mio “trono su ruote” davanti al PC muto. Senza maschera, come Barbie.

Sento la voce di mia zia, una delle poche mie radici materne nella mia terra di Puglia. Prima che possa rendermene conto sono risucchiata dai ricordi dei bellissimi giorni trascorsi insieme l’estate scorsa.

È come rientrare nel grembo di mia madre, della terra, del sangue, della gioia e del dolore. Un impasto di umana esistenza che genera e si sovrappone al grigio presente.

Sono pochi momenti eppure sembrano lunghissimi. Tanto basta per sentire e capire che c’è stato davvero un prima e che c’è un adesso. È DOLORE per ciò che ho finora vissuto, l’assurdità di questo presente ed aspettare “il giorno che verrà”.

Guarirò. Guariremo. E avremo parecchie ferite da curare. 

Amerò il mio dolore, guarderò le cicatrici e, osservandole come fotografie, ricorderò a me stessa di essere viva.

Un abbraccio fraterno e una dedica. Sempre Vicky!

 

8 aprile 2020 Posted by | Anima, Diritti umani, Esperienze, Mondo, Persone, Sentimenti, social | , , , , , , , , , | 29 commenti

La compagnia

IMG-20180125-Tequila e io

 

Ma che bella compagnia
l’ho scoperta di recente
loro chiedono poco o niente
semplicemente ci sono

Io non sapevo
di voler loro bene
finchè ho sentito 
il battito di un cuore
e un calore che 
non era il mio

Mi fanno visita
senza doverli pregare
in ognuno di loro 
c’è tanta bellezza

Il Creato mi insegna
ad amare il Creatore
anche attraverso queste creature
degne di affetto
e spesso esempi di fedeltà e cura

 

Piccole gioie. Grazie! Sempre Vicky!

Il mio brano in questo momento

 

11 giugno 2018 Posted by | amore, Anima, Esperienze, Musica, Persone, Sentimenti | , , , , , | 35 commenti

Ti voglio bene da lontano.

  Tra pochi mesi, esattamente il 15 luglio, data del mio esame di maturità, ricorderò l’ultimo giorno in cui ho vissuto nella mia famiglia d’origine, che è anche la tua, il giorno in cui ho fatto la mia scelta, la prima importante tra tante da quel giorno in poi. Non è di questo che voglio parlarti però oggi.

Mi concentro su questo numero: 28.

E’  il numero degli anni che mi separano da quella data. Quasi quanto quelli che mi separano da te. Da allora TI VOGLIO BENE DA LONTANO. Io ho preso la mia strada con l’uomo che avevo scelto, tu la tua restando a capo di una situazione drammatica come uomo, non come ragazzo. Altro che i famosi ‘bamboccioni’! Uomini nel senso vero del termine si nasce e tu lo sei!

Sono volati. Ti voglio bene da lontano. E’ una frase nata in questi ultimi giorni, dopo il tuo recente intervento, le complicazioni, le ore passate lì ad aspettare e non riuscire a pensare a niente. Solo al bene silenzioso. Discreto, non invadente. Da sorella che non ruba la scena a nessuno, se non con la sua presenza che suo malgrado non passa inosservata… non certo per l’abbagliante avvenenza!

Finalmente! Esci da lì, mi sono assentata qualche minuto prima e non ti ho visto! Ti incrocio, solo per un momento mi passi accanto. Sei sveglio, un po’ intontito. Le infermiere si fermano. Giusto un minuto tutto mio, ti chiamo per nome, ti accarezzo un po’: credo sia la prima volta in vita mia che lo faccio. Cosa ce lo impedisce, qual è il muro che spesso in famiglia ci impedisce di essere affettuosi?

Ti dico: Sono Vicky! Mi rispondi, mi guardi. Che bello, siamo un momento da soli… Non posso emozionarmi, meglio lasciarti tranquillo.

Ciao Freddy! Alla prossima occasione. Una dedica in musica. Un brano che ascoltavo con te a casa. Sempre Vicky. 

 

5 marzo 2010 Posted by | Persone, Sentimenti | , , | 5 commenti

   

HIC SUNT LEONES

Sintesi del Tavellismo in piena libertà...o quasi

LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

Libertà è la parola chiave: libertà di scrivere - libertà di leggere - libertà di essere

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

A Voice from Iran

Storytelling, short stories, fable, folk tales,...

"...e poi Letteratura e Politica"

"A volte di coppie non si può parlare, ma d'amore sì, altre volte di coppie sì, ma non d'amore, ed è il caso più ordinario", p. 1386, R. Musil, 'L'uomo senza qualità'

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

America On Coffee

THE RUSH HOUR BLOG

FOTO E POEMA

meus poemas e pensamentos

The Glance

Gazing Wisdom

Away from the Machine

writings and wanderings with a walking stick

Marghian - Music blog

HOMO SUM, NIHIL HUMANI A ME ALIENUM PUTO - sono un uomo, e nulla di ciò che è umano ritengo sia estraneo a me - (Publio Terenzio Afro)

Crazy About Food

Food, Recipes, Health, and Culture

Pina Chidichimo

Basilicata Terra Da Amare

Anabel Kluny

A lxs que traspasan muros y fronteras.

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

Living Deep Life

Se ti trovi su questo sito stai cercando delle risposte profonde. Noi non possiamo fornirtele, al contrario, faremo nascere delle nuove domande dentro di te.

El espacio de Chus

Un blog de rebote

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: